Aiutaci. Grazie.

Inizio > Indice Recensioni > Scheda: Bel-Ami di Guy de Maupassant

"Bel-Ami" di Guy de Maupassant
Titolo:Bel-Ami
Titolo originale:Bel-Ami
Titoli alternativi:Bel Ami
Autore:Guy de Maupassant
Editore:Garzanti
Tipologia del supporto:Cartaceo
Anno di pubblicazione:1885
Pagine:318
Lingua:Italiano
Lingua originale dell'opera:Francese
Genere:Romanzo
Traduttore:Giorgio Caproni
DRM:
:

1807 visualizzazioni

L'autore
Guy de Maupassant nacque in Francia, a Tourville-sur-Arques, nel 1850. Morì a Parigi, nel 1893.

In origine, il suo nome era Henri-René-Albert-Guy de Maupassant.

"Bel-Ami" (col titolo originale: Bel-Ami) è un romanzo scritto da Guy de Maupassant, pubblicato originariamente in francese nel 1885.

Questa versione in italiano è pubblicata da Garzanti (318 pagg.).

TRAMA

La vicenda si svolge per la maggior parte a Parigi, nel gruppo di persone formato dai principali giornalisti de La Vie Française e dai loro amici e famigliari. Georges Duroy, dopo aver svolto per due anni il servizio militare in Algeria, si è trasferito a Parigi, dove - da sei mesi - lavora come impiegato alle Ferrovie. Mentre una sera si aggira per le strade e i viali attorno all'Opéra, solo, squattrinato e roso dall'invidia per i ricchi che vede passeggiare, incontra casualmente Charles Forestier, un vecchio commilitone che, dopo il congedo, aveva iniziato una carriera di giornalista ed era diventato caporedattore politico de La Vie Française. Forestier incoraggia l'amico ad intraprendere la via del giornalismo e lo invita a pranzo per presentarlo al signor Walter, un ricco finanziere ed uomo politico ebreo, proprietario e direttore de La Vie Française.

Nella stessa occasione, Duroy conosce la bella e intelligente moglie di Forestier, Madeleine, e un'amica di quest'ultima, Clotilde de Marelle.
Si ritiene che il dipinto Monsieur Louis Pascal di Henri de Toulouse-Lautrec sia stato ispirato dalla figura di Georges Duroy, protagonista del romanzo Bel Ami.

Madeleine aiuta il protagonista a scrivere il suo primo pezzo giornalistico, ma poi i loro rapporti si raffreddano e Georges diventa amante di Clotilde. Pochi mesi dopo, i Forestier si trasferiscono nel sud della Francia, a causa delle peggiorate condizioni di salute di Charles, e l'assenza dell'amico consente a Duroy di acquistare spazio nel giornale. Quando una lettera di Madeleine lo informa che il marito sta per morire e lo implora di raggiungerla per aiutarla a sopportare il momento, Duroy si reca a Cannes dai due amici. Dopo la morte di Forestier, Duroy chiede alla giovane vedova di sposarlo e, dopo qualche settimana di riflessione, lei accetta. Su suggerimento della futura moglie, Duroy inizia a firmarsi Du Roy, per attribuirsi un'ascendenza nobiliare. Dopo il matrimonio, i novelli sposi partono per la Normandia, dove i genitori di Georges conducono una vita molto modesta, gestendo un'osteria di campagna a Canteleu, un paese vicino Rouen. L'incontro coi suoceri non è gradito da Madeleine, che ben presto convince il marito a tornare in città.

La coppia s'inserisce sempre più nella politica e negli affari. Madeleine, grazie alle sue conoscenze, riesce molte volte ad apprendere ciò che succede nel "dietro le quinte" della politica. Sulla base di queste informazioni, marito e moglie scrivono assieme, col determinante apporto di lei, articoli che spesso servono per avviare campagne di stampa contro ministri ed altri uomini di potere, avversari del gruppo d'interesse vicino al signor Walter. In breve, comunque, le cose tra Georges e Madeleine si guastano. I colleghi iniziano a prendere in giro Duroy, per il fatto che i suoi articoli assomigliavano in modo sorprendente a quelli di Forestier, segno rivelatore di chi fosse la vera autrice. Lo soprannominano così ‘Forestier’. Georges, sempre più adirato con i colleghi, inizia anche a sospettare tradimenti da parte della moglie.

Duroy, ormai non più innamorato della moglie, inizia una storia con Virginie Walter, moglie del suo editore, che fino ad allora non aveva mai tradito il marito. Grazie a lei, viene a sapere che il nuovo governo, giunto al potere con l'appoggio del giornale, ha in progetto di invadere il Marocco e che il signor Walter, a conoscenza dei piani governativi, ha elaborato una grossa speculazione finanziaria. La signora Walter intende parteciparvi in proprio e promette all'amante che gli cederà una metà del guadagno. L'operazione riesce, consentendo a Walter di essere accettato nell'alta società. Frequentando i Walter, Duroy approfondisce la conoscenza con la loro figlia più giovane, una graziosa ragazza di nome Suzanne.

Architetta quindi un piano per liberarsi della moglie, entrando, assieme a un commissario di polizia, nell'appartamento dove Madeleine si incontrava con il ministro degli Esteri, Laroche-Mathieu, e sorprendendo i due in flagrante adulterio. Fugge quindi con Suzanne Walter, accettando di tornare a Parigi soltanto quando i genitori di lei acconsentono al loro matrimonio. Il romanzo termina con le sfarzose nozze celebrate alla Madeleine. Tra gli invitati, oltre ai maggiori esponenti della politica e della società parigina, c'è anche Clotilde De Marelle, che aveva rotto con lui alla notizia del suo fidanzamento con la signorina Walter. Dallo scambio di battute tra Georges e Clotilde, si capisce che lei gli ha perdonato il secondo matrimonio e che la loro relazione clandestina può riprendere.


Un'illustrazione del romanzo.

Un'altra illustrazione del romanzo.

Il dipinto Monsieur Louis Pascal, di
Henri de Toulouse-Lautrec, probabilmente
è stato ispirato da Georges Duroy, il
protagonista del romanzo Bel Ami di
Maupassant.
Incipit del libro Bel-Ami di Guy de Maupassant:

Quando la cassiera gli ebbe dato il resto dei cinque franchi, Georges Duroy uscì dal ristorante. Siccome aveva un bel portamento, sia per natura, sia per posa di ex sottufficiale, si impettì, si arricciò i baffi con un gesto militaresco abituale, e girò su quelli che stavano a tavola uno sguardo rapido e circolare, uno di quegli sguardi da bel giovane, che si stendono intorno come una rete nell'acqua.


[...]
Personaggi e concetti creati da Guy de Maupassant:
Gérôme Roland (Personaggio, dal libro Pierre e Jean)
Jean Roland (Personaggio, dal libro Pierre e Jean)
Louise Roland (Personaggio, dal libro Pierre e Jean)
Pierre Roland (Personaggio, dal libro Pierre e Jean)
Audiolibri di:Guy de Maupassant
Due Racconti: "Scampagnata" e "Plenilunio"
2 racconti
Audiolibro dei racconti "Scampagnata" e "Plenilunio" di Guy de Maupassant.
I libri catalogati di Guy de Maupassant:
Bel Ami
Bel-Ami (1885)
Due Racconti: "Scampagnata" e "Plenilunio"
Forte come la morte (Forte comme la mort) (1889)
Forte come la morte
Il nostro cuore (Notre Cœur) (1890)
In famiglia
La casa Tellier
La vita errante
Le Horla
Palla di sego
Pierre e Jean (Pierre et Jean) (1887)
Racconti del crimine
Racconti e novelle
Racconti E Novelle
Racconti fantastici
Una vita (Une vie) (1883)
Una vita
Citazioni di Guy de Maupassant:
I grandi artisti sono quelli che impongo...
La cosa più insignificante racchiude un...
Un'opera d'arte è superiore soltanto se...
La Sicilia è il paese delle arance, del...
Bisognerebbe amare, amare follemente, se...
Infatti nella vita tutto consiste nel po...
[Riguardo all'Etna] Davanti a noi una sp...
La bestia è calma, e dorme in fondo, tut...
Bisogna sempre lasciare accumulare i pro...
...[il] matrimonio [...], secondo un uom...
Quale che sia la cosa che vogliamo dire,...
Un bacio legale non potrà mai valere un...
È meglio essere infelicemente innamorati...
La storia, che irascibile e bugiarda vec...
Noi andiamo avanti acciecati dalle varie...
Noi non scriviamo per il popolo. Qualsia...
[...] non avendo mai io avuto un dolore...
Piacere alle donne! È questo il desideri...
Ho paura della paura; paura degli spasmi...
Nella maggioranza dei casi, le donne leg...
Voi, signora, che avete occhi azzurri, n...
Il passato mi attira, il presente mi att...
[Riguardo alla musica] [...] la più poet...
Il suicidio! ma è la forza di quelli che...
Si può amare un'amica come la propria mo...
Quello che amiamo con violenza finisce s...
Da quando ho sentito la solitudine del m...
No, nessuno comprende gli altri, checché...
Non ho paura d'un pericolo: se un uomo e...
E poiché aveva finito d'attendere non c'...
Non c'è niente di peggio, quando s'è vec...
Il curato si avvicinò a Giovanna, le pre...
I grandi artisti sono quelli che impongo...
La cosa più insignificante racchiude un...
Un'opera d'arte è superiore soltanto se...
La Sicilia è il paese delle arance, del...
Bisognerebbe amare, amare follemente, se...
Infatti nella vita tutto consiste nel po...
[NDR|Sull'Etna] Davanti a...
La bestia è calma, e dorme in fondo, tut...
Bisogna sempre lasciare accumulare i pro...
...[il] matrimonio [...], secondo un uom...
Quale che sia la cosa che vogliamo dire,...
Un bacio legale non potrà mai valere un...
Ho paura della paura; paura degli spasmi...
Nella maggioranza dei casi, le donne leg...
Voi, signora, che avete occhi azzurri, n...
Il passato mi attira, il presente mi att...
[NDR|La musica] […] la più...
Il suicidio! ...
Si può amare un'amica come la propria mo...
Quello che amiamo con violenza finisce s...
Da quando ho sentito la solitudine del m...
No, nessuno comprende gli altri, checché...
Non ho paura d'un pericolo: se un uomo e...
E poiché aveva finito d'attendere non c'...
Non c'è niente di peggio, quando s'è vec...
Il curato si avvicinò a Giovanna, le pre...
Ho letto Maupassant. Ti prende con la ma...

Scrivi un commento







Libro | Scrittore | Citazione
Aiutaci! Clicca qui

Donazioni BitCoin:

Aiuta ALK Libri donando Bitcoin
Sì | No