Aiutaci. Grazie.

Inizio > Indice Recensioni > Scheda: Cuore di cane - Diavoleide - Le uova fatali di Michail Afanas'evič Bulgakov

"Cuore di cane - Diavoleide - Le uova fatali" di Michail Afanas'evič Bulgakov
Titolo:Cuore di cane - Diavoleide - Le uova fatali
Titolo originale:Собачье Сердце – Дьяволиада - Роковые яйца
Autore:Michail Afanas'evič Bulgakov
Editore:Newton Compton
Tipologia del supporto:Cartaceo
Anno di pubblicazione:1924-25
Pagine:187
Lingua:Italiano
Lingua originale dell'opera:Russo
Genere:Raccolta di racconti
Prezzo :4000
DRM:
:

1289 visualizzazioni

L'autore
Michail Afanas'evič Bulgakov è nato nella Federazione Russa, a Kiev, nel 1891. È morto a Mosca, nel 1940.

In origine, il suo nome era Михаил Афанасьевич Булгаков.

Elenco opere:

Cuore di cane
Собачье Сердце
(Sabac 'e serdce)
1924

Diavoleide
Дьяволиада
(D'javoljàda)
1925

Le uova fatali
Роковые яйца
(Rokovye yaica)
1925

PAGELLA
Scorrevolezza:8
Valore artistico:7
Contenuti:8
Globale:7.5

TRAMA

Cuore di cane

« Uuuuhhh!!! Guardatemi sto morendo. La bufera mi ulula il de profundis nel portone e io ululo con lei. È fatta, sono fregato! Un delinquente col berretto sporco, il cuoco della mensa impiegati al Consiglio Centrale dell'Economia Nazionale, mi ha rovesciato addosso dell'acqua bollente e m'ha bruciato il fianco sinistro. Che mascalzone! E si che è anche un proletario! »
(Michail Afanas'evič Bulgakov, Cuore di cane, Capitolo I)

Così inizia Cuore di cane: un cane randagio muore di freddo e di fame in una viuzza del centro di Mosca. Durante la sua agonia, il randagio (che come molti altri cani di strada possiede un proprio punto di vista e sa pure leggere) osserva e giudica cinicamente l'umanità che gli passa attorno: dai cuochi del Consiglio dell'Alimentazione Nazionale agli spazzini del Comune di Mosca, dalla dattilografa di categoria nona al professionista medio borghese.

« Dall'altra parte della strada sbatté la porta di un negozio vivamente illuminato, e ne uscì un cittadino: "Beh, si: si tratta proprio di un cittadino, non certo di un compagno; anzi, questo qui è addirittura un signore. E non che giudichi dal cappotto -non sono così sciocco-. Oggi il cappotto ce l'hanno anche i proletari, o molti di loro. [...] Ma gli occhi: lì non si sbaglia, sia che li guardi da vicino che da lontano. Eh, sì, sono assai importanti gli occhi, sono una specie di barometro. Ci vedi quello dal cuore duro, che può schiaffarti la punta dello stivale nelle costole, senza nessun motivo; e ci vedi quello che ha paura di tutto e di tutti. Ecco, proprio un lacchè come questo tipo qui mi divertirebbe prendere a morsi nelle caviglie -Hai fifa, eh? Se ce l'hai vuol dire che te la meriti... Tiè... grr... rrr... bau, bau!-" »
(Michail Afanas'evič Bulgakov, Cuore di cane, Capitolo I)

Ed è proprio questo cittadino che si avvicinerà al nostro cane, battezzandolo Pallino, e deciderà di accoglierlo nella sua dimora. Per l'ex-randagio Pallino si apriranno nuovi orizzonti: un tetto, cibo a volontà, l'opportunità di passare indisturbato davanti al portiere del palazzo del suo padrone. In definitiva si sente felice e soddisfatto della sua nuova condizione di cane d'appartamento.

« Il signore sconosciuto, dopo aver portato il cane fino alla porta del suo lussuoso appartamento, suonò il campanello. [...] La porta si aprì silenziosamente e davanti al cane e al suo padrone si parò una donna giovane e carina, che indossava un grembiulino bianco e una crestina di pizzo. Il cane fu investito da un divino calore e la gonna della donna profumava di mughetto. [...]Venga pure avanti, signor Pallino", disse il signore, con ironia. Il cane scodinzolò ed entrò con religiosa compunzione. L'ingresso lussuoso era pieno di un'infinità di oggetti. la prima cosa che colpì il cane fu una specchiera lunga fino al pavimento, che mostrava un Pallino spelacchiato e distrutto; poi le terribili corna di un cervo appese in alto alla parete, quindi un gran numero di pellicce e di galosce, infine un tulipano di opaline appeso al soffitto. »
(Michail Afanas'evič Bulgakov, Cuore di cane, Capitolo II)

Il padrone di Pallino è Filip Filipovic Preobrazenskij, professore di medicina di fama mondiale, andrologo e ginecologo, impegnato in una ricerca sul ringiovanimento del corpo umano. Bulgakov in una parte del racconto colloca in un angolo dello studio del professor Preobrazeskij Pallino, che assiste alla sfilata dei pazienti del medico, "un campionario gerontologico della belle époque", vecchi in cerca di gioventù.

Ad un tratto, il professor Preobrazeskij si accorda col suo assistente dottor Bormental per mettere in atto un esperimento straordinario: trapiantare i testicoli e l'ipofisi di un uomo morto al cane Pallino. Dal momento in cui Pallino viene anestetizzato per l'intervento, alla narrazione come flusso di pensiero di Pallino si sostituiscono le pagine del diario di Bormental, che analizza l'andamento del soggetto operato: prima "cane", poi "individuo", poi "homunculus": il cane Pallino dopo il trapianto dell'ipofisi inizia a camminare su due zampe, perde la coda, i peli e gli artigli, acquisisce la parola... ma eredita le informazioni cerebrali dell'uomo da cui ha ricevuto l'ipofisi, morto accoltellato in una bettola moscovita. Perciò si abbandona al turpiloquio, commette oscenità, parla di Marx e di Engels (si riempie la bocca di retorica sovietica che risulta abbastanza ostica a Preobrazeskij) ma poi insegue animalescamente i gatti per casa.

Ad un certo punto, dopo l'ultima bravata di Pallino (che ha assunto il nome da cittadino registrato all'Anagrafe del Comune di Mosca di Poligraf Poligrafovic Pallinov), Preobrazeskij e soprattutto il dottor Bormental decidono di far cessare la snervante presenza nel modo più brusco: il signor Pallinov viene privato dell'ipofisi umana e torna ad essere un normale cane da appartamento a nome Pallino.

La storia, leggibile su più piani, oltre che una disincantata satira sui "nuovi ricchi" nati dopo la rivoluzione sovietica(quando dopo la fine della guerra civile e del così detto comunismo di guerra, Lenin si vide costretto a sostituirvi una Nuova Politica Economica, la Nep, che lasciava una certa libertà di iniziativa, per quanto limitata), si rivela una profetica critica radicale degli eccessi della scienza quando questa si spinge oltre i confini dell'Utile e del Naturale. Verso il termine del racconto il Professor Preobrazenskij stesso così esprime il suo senso di frustrazione per la "scoperta" che non è una scoperta:

« Ecco, dottore, che cosa succede quando il ricercatore, invece di seguire una via parallela e conforme alla natura, forza la questione e solleva il velo: tie', beccati Sharikov e mangiatelo a Colazione. »
(Michail Afanas'evič Bulgakov, Cuore di cane, Capitolo VIII)

Incipit del libro Cuore di cane - Diavoleide - Le uova fatali di Michail Afanas'evič Bulgakov:

U-u-u-u-u-uhu-hu-huuu! Oh, guardatemi, sto per morire! La tempesta nel portone mi ulula il de profundis e io mugolo con lei. Sono finito, finito! Una canaglia col berretto bisunto, il cuoco della mensa per l'alimentazione normale degli impiegati del Soviet Centrale dell'Economia Nazionale, mi ha versato addosso dell'acqua bollente e mi ha scottato il fianco sinistro. Che bestia, e pensare che è un proletario! Oh, Signore, mio Dio che male! L'acqua bollente mi ha corroso l'osso e adesso mugolo, mugolo, mugolo, ma serve forse a qualcosa?


[...]
I libri catalogati di Michail Afanas'evič Bulgakov:
Cuore di cane (Собачье Сердце) (1925)
Cuore di cane - Diavoleide - Le uova fatali (Собачье Сердце – Дьяволиада - Роковые яйца) (1924-25)
Feuilletons (1923-24)
Il maestro e Margherita (Мастер и Маргарита) (1967)
Lettera a Stalin
Citazioni di Michail Afanas'evič Bulgakov:
[NDR|All'amico Popov] Ed e...
Fra tutti i proletari, i portinai sono l...
Oggi sono presidente, e tutto quel che r...
Col terrore non si ottiene nulla da ness...
In Cuore di cane è il comico e il...
"Se non ho sentito male, lei stava dicen...
Eppure dovrai metterti l'animo in pace,...
Margherita aveva sognato un sito sconosc...
I manoscritti non bruciano. (1994)...
Le scienze nutrono i giovani e sono la c...
Questo è un fatto. E i fatti sono la cos...
L'insulto è la ricompensa abituale di un...
Seguimi lettore! Chi ha detto che non c'...
"Tra le altre cose, gli ho detto" raccon...
Che senso ha morire in corsia, con l'acc...
Noi abbiamo voluto metterla alla prova,...
Perché mai una simile offesa? Una simile...
Quando nessuno vede, si può essere se st...
Dalle quattro del pomeriggio la luce com...
Scintillava di luce e traboccava luce, r...
Oh, solo colui che è stato a sua volta s...
"Signore, i tuoi pope dicono che i bolsc...
"Per quanto è vero Dio", dico, e io stes...
L'uomo ha eretto, senza neppure saperlo,...
Se così avesse fatto, la sua vita sarebb...
C'era la pace, ed ecco che la pace era s...
Forse sono i soldi che impediscono di es...
Il sovrannaturale, nella vita, non esist...
Donne del demonio... mai che fossero att...
Le consiglio caldamente di leggere meno...
Fuori la notte continuava a sbocciare. N...
Tutto passa. Le sofferenze, i tormenti,...
La guardia bianca non è solo la s...
Le pagine del romanzo sono interamente p...
Io posso dimostrare, documenti alla mano...
Una sola volta, allorché io cominciavo a...
Grazie ai ritagli della stampa sovietica...
Per le mie opere non vi sono speranze. C...

Scrivi un commento







Libro | Scrittore | Citazione
Aiutaci! Clicca qui

Donazioni BitCoin:

Aiuta ALK Libri donando Bitcoin
Sì | No