Aiutaci. Grazie.

Inizio > Indice Recensioni > Recensione: La metamorfosi di Franz Kafka

"La metamorfosi" di Franz Kafka
Titolo:La metamorfosi
Titolo originale:Die Verwandlung
Autore:Franz Kafka
Editore:Rizzoli
Tipologia del supporto:Cartaceo
Anno di pubblicazione:1915
Pagine:175
Lingua:Italiano
Lingua originale dell'opera:Tedesco
Genere:Romanzo
Licenza:Copyright (Diritti riservati)
DRM:
Recensione di:Christian Michelini
Recensione vocale: La_metamorfosi.opus, 171311 bytes
:

2661 visualizzazioni

L'autore
Franz Kafka è nato nella Repubblica Ceca, a Praga, nel 1883. È morto a Kierling, nel 1924.

Ecco cosa accade quando ci si sveglia un po' diversi.

Questo strepitoso racconto di Franz Kafka è uno dei più citati dai contemporanei, soprattutto a riguardo della spersonalizzazione dell'individuo, causata da contingenze intrinseche al modo di rapportarci con gli altri e con la società intera. È una storia che parla delle difficoltà di relazionare con la propria famiglia, e precipuamente con il proprio padre: una incomunicabilità simile a quella gorgiana e che ben rappresenta l'aridità che a volte si manifesta nei rapporti sia parentali che umani, e anche esprime con chiarezza le fobie specifiche e l'inquietudine di fondo dell'incomprensione che, latente, permea le relazioni.
Ma questo volume va oltre, e diviene emblema dell'introversione, della sensibilità frustrata, dell'incertezza dell'ego che infine viene ad essere soggiogato da un condizionamento esterno, una imposizione extra-personale dai caratteri forti e imperiosi.
Il nostro io più profondo arriva ad essere fatalmente dilacerato dagli scossoni dell'establishment civile e dalle responsabilità sociali; diveniamo più confusi, sconcertati, infine alienati dagli obblighi e dai ritmi impostici dalla burocrazia, dal luogo di lavoro, da tutte le istanze della nostra vita dalla struttura spiccatamente formalizzata: strutture e luoghi, sia fisici che della mente, sempre meno a misura d'uomo, come si vede ne "Il processo", sempre meno forieri di giustizia umana.
L'uomo deve quindi percorrere un cammino solitario di sopravvivenza cittadina, lavorativa, mondana, intima: un cammino sempre più difficile, in un contesto dove la frattura della personalità e le imposizioni ex catthedra divengono così opprimenti.

PAGELLA
Scorrevolezza:8
Valore artistico:9
Contenuti:9
Globale:9

Consigliato a:

Per approfondire alcune delle tematiche proposte da Franz Kafka, vi consiglio di leggere anche la recensione dei "Racconti" kafkiani. Per approfondire la conoscenza di questo autore, è d'obbligo poi leggere i suoi romanzi: "Il processo", "Il castello" e l'incompiuto "America". Se volete sapere qualcosa di più sugli stati di alienazione mentale, oppure sulle nevrosi della moderna società, potete partire da autori come Sigmund Freud, ad esempio i saggi sulle droghe e sulla sessualità, o Carl Jung e Alfred Adler, per poi arrivare alle moderne conquiste della psicoanalisi e della psicologia.

TRAMA

Gregor Samsa, un commesso viaggiatore che grazie al suo lavoro mantiene la propria famiglia, si risveglia un mattino nelle sembianze di un orrido e gigantesco scarafaggio. Il tentativo di nascondere il suo nuovo aspetto rinchiudendosi in casa ed evitando qualsiasi contatto umano,e soprattutto con la famiglia, tuttavia fallisce ben presto poiché i suoi familiari ed il suo datore di lavoro riescono ad irrompere nella sua stanza. La vista di ciò che Gregor è diventato scatena in costoro forti reazioni d'orrore. La sua presenza è respinta da chiunque, persino dai suoi genitori, che arrivano ad allontanarlo violentemente quando egli prova a lasciare la propria stanza. Solo la sorella Grete sembra preoccuparsi di lui e di fornirgli del cibo. Dopo poco tempo, tuttavia, Grete trova un impiego, e Gregor resta completamente abbandonato a sé stesso. Il rifiuto da parte della sua famiglia e la percezione di gravare sulle loro già scarse finanze senza poter contribuire in alcun modo, fanno piombare Gregor in uno stato di depressione tale da condurlo ad una morte lenta. In seguito a ciò, la famiglia si sbarazza del suo cadavere, ne dimentica l'esistenza e riesce a risollevarsi dai problemi economici che l'avevano afflitta.

Incipit del libro La metamorfosi di Franz Kafka:

Gregorio Samsa, svegliatosi una mattina da sogni agitati, si trovò trasformato, nel suo letto, in un enorme insetto immondo. Riposava sulla schiena, dura come una corazza, e sollevando un poco il capo vedeva il suo ventre arcuato, bruno e diviso in tanti segmenti ricurvi, in cima a cui la coperta del letto, vicina a scivolar giù tutta, si manteneva a fatica. Le gambe, numerose e sottili da far pietà, rispetto alla sua corporatura normale, tremolavano senza tregua in un confuso luccichio dinanzi ai suoi occhi.


[...]
Personaggi e concetti creati da Franz Kafka:
Gregor Samsa (Personaggio, dal libro La metamorfosi)
Josef K. (Personaggio, dal libro Il processo)
I libri catalogati di Franz Kafka:
America (Amerika) (1927)
Colloqui con Kafka
Diari
Il castello (Das Schloss) (1926)
Il castello
Il messaggio dell'Imperatore
Il processo (Der Prozess) (1925)
Il processo
Il silenzio delle sirene
La metamorfosi (Die Verwandlung) (1915)
La Metamorfosi E Altri Racconti
Lettera Al Padre
Lettera al padre - Quaderni in ottavo (Hochzeitsvorbereitungen auf dem Lande) (1919,2004)
Lettere (1988)
Lettere a Milena
Quaderni in ottavo
Racconti (1970)
Racconti
Undici figli
Citazioni di Franz Kafka:
Per l’artista, l’arte è una sofferenza d...
Non posso dormire. Soltanto sogni, nient...
Perché la mia sfortuna è una sfortuna in...
Il bisogno di metafisica è solo bisogno...
La disgrazia di ...
Abbiamo tra noi un nuovo avvocato, il do...
C'è molta speranza, ma nessuna per noi....
È difficile dire la verità, perché ne es...
Io l'amo eppure non le posso parlare, st...
Il poeta è sempre più piccolo e più debo...

Scrivi un commento







Libro | Scrittore | Citazione

Aiutaci!

Sì | No