Aiutaci. Grazie.

Inizio > Indice Recensioni > Scheda: La conquista di Plassans di Émile Zola

"La conquista di Plassans" di Émile Zola
Titolo:La conquista di Plassans
Titolo originale:La conquête de Plassans
Autore:Émile Zola
Editore:Garzanti
Tipologia del supporto:Cartaceo
Anno di pubblicazione:1874
Pagine:378
Lingua:Italiano
Lingua originale dell'opera:Francese
Genere:Romanzo
Argomento:Naturalismo
DRM:
:

1686 visualizzazioni

L'autore
Émile Zola è nato in Francia, a Parigi, nel 1840. È morto a Parigi, nel 1902.

Il suo nome originale è Émile François Zola.

Si è dedicato principalmente ai seguenti ambiti: naturalismo.

Trama, tratta da Wikipedia

La vicenda si svolge a Plassans, la culla dei Rougon-Macquart, una piccola città immaginaria simile a Aix-en-Provence alla quale Zola si ispira e il romanzo può considerarsi sotto molti aspetti come la continuazione del primo romanzo del ciclo, La fortuna dei Rougon del 1871. La sua trama ruota attorno alla figura di un chierico e ai suoi intrighi politici che avranno conseguenze disastrose per alcuni degli abitanti della cittadina.

All'inizio del romanzo la vita domestica di François Mouret e di sua moglie e cugina Marthe, nata Rougon, appare nell'insieme serena, anche se François soffre di un disturbo ossessivo e Marthe risente chiaramente di una forma di malattia mentale che Zola fa risalire alle tare ereditarie della famiglia Rougon-Macquart.

Costoro hanno tre figli: Octave, Serge e Desirée. Octave è il figlio maggiore, ragazzo intelligente ma irresponsabile, Serge è il minore e il suo carattere è tranquillo ma introverso e Desirée soffre di handicap mentale.

La loro vita familiare viene distrutta dall'arrivo di uno strano chierico, l'abate Faujas, e di sua madre, che affittano una stanza nella casa dei Mouret. Lentamente emerge che il misterioso straniero è arrivato in città per cercare di vincere l'influenza delle forze politiche attraverso una serie di intrighi machiavellici, trame, calunnie e insinuazioni procedendo a confondere la vita dei Mouret a tal punto che il debole François finisce in un istituto mentale, mentre la povera Marthe impazzisce veramente.

La reazione della gente della città è descritta in modo esemplare da Zola e le tattiche dei gruppi che si trovano a resistere alle macchinazioni dell'Abate Faujas sono molto acutamente osservate.

La narrazione si mantiene per tutto il romanzo ad un ritmo incalzante che serve a costruire un clima di sorprendente violenza e orrore. Anche se il romanzo mette in evidenza la battaglia tra gli interessi del clero e l'influenza politica governativa nella città di provincia del Secondo Impero, la sua forza non sta tanto nella descrizione del mondo politico, ma nel suo dramma umano.

Incipit del libro La conquista di Plassans di Émile Zola:

CAPITOLO I

Désirée batté le mani. Era una ragazzina di quattordici anni, bene sviluppata per la sua età, ma con un riso da bambina di cinque anni.
«Mamma, mamma!», gridò; «ecco la mia bambola».
Aveva preso a sua madre un pezzo di stoffa, e ci lavorava da un quarto d'ora per farne una bambola, avviluppandolo e stringendolo ad un'estremità con un po' di filo. Marthe alzò lo sguardo da una calza che stava rammendando con un'accuratezza degna di una ricamatrice. Rivolse a Désirée un sorriso.
«Ma questo è un bamboccio!», disse. «Via, fa' una vera bambola. Lo sai, bisogna che abbia una gonna, come una signora».
Le dette un ritaglio d'indiana che trovò sul suo tavolo da lavoro; poi si rimise a lavorare alla calza, con grande zelo. Erano sedute tutte e due ad un angolo della terrazzina, la bambina su uno sgabello, ai piedi della mamma. Il sole al tramonto, un sole settembrino, ancora caldo, le avviluppava in una luce tranquilla, mentre, davanti a loro, il giardino, già immerso in un'ombra grigia, s'addormentava. Nessun rumore, dal di fuori, giungeva in quella parte poco frequentata della città.


[...]
Audiolibri di:Émile Zola
Nuove storielle a Ninetta
Raccolta di racconti
Audiolibro della raccolta di racconti "Nuove storielle a Ninetta" di Émile Zola.
I libri catalogati di Émile Zola:
Al paradiso delle signore (Au bonheur des dames) (1882)
Germinale (Germinal) (1885)
Il denaro (L'argent) (1891)
Il paradiso delle signore
Il ventre di Parigi (Le ventre de Paris) (1873)
Il ventre di Parigi
L'Assommoir
L'assommoir - L'ammazzatoio (L'Assommoir) (1877)
L'opera (L'oeuvre) (1893)
La bestia umana (La bête humaine) (1890)
La conquista di Plassans (La conquête de Plassans) (1874)
La Conquista Di Plassans
La cuccagna (La curée) (1871)
La disfatta (La Débàcle) (1892)
La fortuna dei Rougon (La Fortune des Rougon) (1871)
La fortuna dei Rougon
La Fortune des Rougon (1871)
Nanà (Nana) (1880)
Nuove storielle - A Ninetta
Nuove storielle a Ninetta (Nouveaux contes à Ninon) (1874)
Citazioni di Émile Zola:
Fino a tanto che avrete qualche cosa di...
Il compito più alto di un uomo è sottrar...
La scienza ha promesso la felicità? Non...
Un'opera d'arte è un angolo della creazi...
Ha mostrato come il mondo può essere bel...
Fra un centinaio di anni le storie della...
Ho una sola passione, quella della luce...
La civiltà non raggiungerà la perfezione...
La verità è in cammino e niente la potrà...
Le mie notti sarebbero un solo incubo al...

Scrivi un commento







Libro | Scrittore | Citazione

Aiutaci!