Aiutaci. Grazie.

Inizio > Indice Recensioni > Scheda: L'opera di Émile Zola

"L'opera" di Émile Zola
Titolo:L'opera
Titolo originale:L'oeuvre
Autore:Émile Zola
Editore:Garzanti
Tipologia del supporto:Cartaceo
Anno di pubblicazione:1893
Pagine:367
Lingua:Italiano
Lingua originale dell'opera:Francese
Genere:Romanzo
Argomento:Naturalismo
DRM:
:

2016 visualizzazioni

L'autore
Émile Zola è nato in Francia, a Parigi, nel 1840. È morto a Parigi, nel 1902.

Il suo nome originale è Émile François Zola.

Si è dedicato principalmente ai seguenti ambiti: naturalismo.

Trama, tratta da Wikipedia

Claude Lantier, figlio di Gervaise Macquart, assieme ad altri pittori e scultori, si batte per imporre una nuova forma d'arte, ben lontana dai canoni neoclassici che all'epoca riscuotono il favore dei galleristi e delle grandi esposizioni ufficiali. Sebbene alcuni dei suoi compagni riescano alla fine ad imporsi, Lantier passa di sconfitta in sconfitta, rimanendo incompreso dal pubblico e spesso anche dai suoi stessi amici.

Nel romanzo si intrecciano anche storie d'amore e di amicizia. Claude Lantier incontra infatti in una sera piovosa una giovane donna, Christine, destinata a diventare compagna della sua vita. La coppia si trasferisce in campagna ed ha un figlio che però, affetto da idrocefalo, muore all'età di dodici anni.

Nel frattempo, la coppia è tornata a vivere a Parigi, dove Claude ritrova i suoi amici ma anche la chiara sensazione della sua sconfitta. Finisce per staccarsi dalla sua compagna e per passare gran parte del suo tempo in un grande capannone dove ha iniziato a dipingere un'opera gigantesca, Plen Air, che lascerà incompiuta impiccandosi di fronte ad essa.

Incipit del libro L'opera di Émile Zola:

I

Claude passava davanti all'Hôtel de Ville: l'orologio suonava le due del mattino quando scoppiò il temporale. Si era smemorato a vagabondare per le Halles, in quella rovente sera di giugno, artista ozioso, innamorato della Parigi notturna. Bruscamente i goccioloni s'infittirono e cominciò a correre a perdifiato, scomposto, stravolto, lungo il Quai de la Grève. Ma al ponte Louis-Philippe s'arrestò furibondo per il fiatone: la paura dell'acqua gli sembrò demenziale, e nel buio fitto, sotto la sferza del diluvio che allagava i becchi dei lampioni a gas, attraversò il ponte lentamente, le mani ciondoloni.
Del resto Claude non aveva più che pochi passi da fare. Non appena svoltò sul Quai de Borbone, nell'isola Saint-Louis, un lampo vivido illuminò la fila dritta e piatta dei vecchi palazzi allineati di fronte alla Senna, lungo la stretta carreggiata. Il riverbero accese i vetri delle alte finestre senza persiane svelando la malinconica signorilità delle antiche facciate nella precisione dei dettagli, un balcone in pietra, la ringhiera di una terrazza, la ghirlanda scolpita di un frontone. Lo studio del pittore stava lì, nella mansarda del vecchio palazzo Martoy, all'angolo della via Femme-sans-tête. La strada appena intravista era ripiombata subito nelle tenebre mentre un tuono formidabile squassava il quartiere addormentato.
Arrivato davanti al suo portone, un vecchio portone rotondo e basso, rifinito in ferro, Claude, accecato dalla pioggia, brancolò alla ricerca del campanello; trasalì, enormemente stupito, al contatto, là nell'angolo, incollato allo stipite, del corpo di una persona. Poi, al bagliore improvviso di un secondo lampo, distinse una ragazza alta, vestita di nero, fradicia di pioggia e tremante di paura. Dopo il fragore di un altro tuono, che li fece sobbalzare, esclamò:
«Questa poi non me l'aspettavo!... Chi siete? Che volete?»
Non la vedeva più, ne udiva soltanto i singhiozzi e il balbettio.


[...]
Audiolibri di:Émile Zola
Nuove storielle a Ninetta
Raccolta di racconti
Audiolibro della raccolta di racconti "Nuove storielle a Ninetta" di Émile Zola.
I libri catalogati di Émile Zola:
Al paradiso delle signore (Au bonheur des dames) (1882)
Germinale (Germinal) (1885)
Il denaro (L'argent) (1891)
Il paradiso delle signore
Il ventre di Parigi (Le ventre de Paris) (1873)
Il ventre di Parigi
L'Assommoir
L'assommoir - L'ammazzatoio (L'Assommoir) (1877)
L'opera (L'oeuvre) (1893)
La bestia umana (La bête humaine) (1890)
La conquista di Plassans (La conquête de Plassans) (1874)
La Conquista Di Plassans
La cuccagna (La curée) (1871)
La disfatta (La Débàcle) (1892)
La fortuna dei Rougon (La Fortune des Rougon) (1871)
La fortuna dei Rougon
La Fortune des Rougon (1871)
Nanà (Nana) (1880)
Nuove storielle - A Ninetta
Nuove storielle a Ninetta (Nouveaux contes à Ninon) (1874)
Citazioni di Émile Zola:
Fino a tanto che avrete qualche cosa di...
Il compito più alto di un uomo è sottrar...
La scienza ha promesso la felicità? Non...
Un'opera d'arte è un angolo della creazi...
Ha mostrato come il mondo può essere bel...
Fra un centinaio di anni le storie della...
Ho una sola passione, quella della luce...
La civiltà non raggiungerà la perfezione...
La verità è in cammino e niente la potrà...
Le mie notti sarebbero un solo incubo al...

Scrivi un commento







Libro | Scrittore | Citazione

Aiutaci!