Aiutaci. Grazie.

Inizio > Indice Recensioni > Recensione: I Simpson e la filosofia di Aeon J. Skoble, Mark T. Conard, William Irwin

"I Simpson e la filosofia" di Aeon J. Skoble, Mark T. Conard, William Irwin
Titolo: I Simpson e la filosofia
Titolo originale: The Simpsons and Philosophy: The D'oh! of Homer
Autore: Aeon J. Skoble, Mark T. Conard, William Irwin
Editore: Mondolibri
Tipologia del supporto: Digitale
Anno di pubblicazione: 2001
Prima edizione italiana: 2005
Pagine: 333
Lingua: Italiano
Lingua originale dell'opera: Inglese
Genere: Saggio
Argomento: I Simpson
Traduttore: Pietro Adamo, Elisabetta Nifosi
Prezzo : 14,45
Codice ISBN: 8022264753876
Licenza: Copyright (Diritti riservati)
DRM:
Recensione di: Denise Mereu
Pubblicato il: 2014-04-17
:

1659 visualizzazioni

L'autore
William Irwin è nato negli Stati Uniti d'America, nel 1970.

Ecco le principali aree in cui William Irwin si è impegnato: filosofia.

Per avere maggiori informazioni su William Irwin, potete consultare il sito web ufficiale dell'autore, disponibile a questa pagina:
http://staff.kings.edu/wtirwin/.

"Quando imparerò? Le risposte ai problemi della vita non si trovano sul fondo di una bottiglia. Si trovano in televisione!"

Conosciamo tutti la serie televisiva "I Simpson", considerata la più irriverente e "politicamente scorretta" degli ultimi anni. Questo libro descrive attraverso la filosofia i suoi personaggi e le dinamiche che li legano. Scopriamo così ad esempio, analizzandone pregi e virtù, che Homer somiglia tanto ad Aristotele; ama godersi la vita senza badare al giudizio altrui. Raramente si preoccupa del prossimo, e quando lo fa deve combattere contro ciò che desidera realmente.
Lisa è l'intellettuale della famiglia, presa in giro dai suoi compagni, ignorata dagli adulti e interpellata solo quando si ha necessità di un suo parere.
Marge è il personaggio più equilibrato, il suo modo di pensare ricorda Platone; coraggiosa, onesta, deve compensare le innumerevoli problematiche causate dal marito. Si dedica interamente al benessere della famiglia trovando la felicità nelle piccole cose.
Bart rispecchia la filosofia di Nietzsche, il filosofo che, secondo gli autori, criticava tutti, rifiutava la moralità e abbracciava il caos.
La filosofia di Platone, in particolare, spiega l'importanza del pensiero, sottolineando come passiamo la vita a porci domande, ragionare su di esse, valutarle e trarre delle conclusioni che ci spingono ad agire. Maggie è l'unico personaggio della famiglia che non parla.
L'Occidente è troppo attaccato alle parole (troppi talk show) mentre l'Oriente individua la causa dell'infelicità terrena in un eccesso di pensieri e parole, indicando i bambini come esseri ancora puri e "illuminati": ecco quindi come Maggie ci può insegnare che il silenzio aiuta a vivere meglio.
Ogni episodio fa riferimento a un film, un libro, un quadro famoso, pare quindi necessario un certo "alfabetismo culturale" per capirli, ma il non riuscire a cogliere tutte le allusioni non rende gli aneddoti meno divertenti, e anche questo libro, come indicato dagli autori, deve essere preso seriamente come faremmo con un episodio dei Simpson.




Ecco una delle tante sigle originali!
http://www.youtube.com/watch?v=DX1iplQQJTo



Articoli presenti nell'opera

Homer e Aristotele (di Raja Halwani);
Lisa e l'antintellettualismo americano (di Aeon J. Skoble);
L'importanza di Maggie: il valore del silenzio tra Oriente e Occidente (di Eric Bronson);
La spinta morale di Marge (di Gerald J. Erion e Joseph A. Zeccardi);
Così parlò Bart: Nietzsche e la virtù della cattiveria (di Mark T. Conard)
I Simpson e l'allusione. "Il peggior saggio di tutti i tempi" (di William Irwin e J.R. Lombardo)
La parodia popolare: I Simpson e il film giallo (di Debora Knight)
I Simpson: l'iperironia e il significato della vita (di Carl Matheson);
I Simpson e la politica del sesso (di Dale E. Snow e James J. Snow);
Il mondo morale della famiglia Simpson: una prospettiva kantiana (di James Lawler);
I Simpson: la famiglia nucleare e la politica atomistica (di Paul A. Cantor);
L'ipocrisia di Sprinfield (di Jason Holt);
Gustando la cosiddetta "crema ghiacciata": Mr Burns, Satana, e la felicità (di Daniel Barwick);
Ned Flanders e l'amore verso il prossimo (di David Vessey);
La funzione della narrativa: il valore euristico di Homer (di Jennifer L. McMahon);
Un marxista (Karl, non Groucho) a Springfield (di James M. Wallace);
"E il resto si scrive da solo": Roland Barthes guarda I Simpson (di David L.G. Arnold);
Che cosa significa pensare secondo Bart (di Kelly Dean Jolly).

PAGELLA
Scorrevolezza: 7
Valore artistico: 6
Contenuti: 6
Globale: 6

Copertina originale in inglese

Scrivi un commento







Libro | Scrittore | Citazione
Aiutaci! Clicca qui

Donazioni BitCoin:

Aiuta ALK Libri donando Bitcoin
Sì | No