Inizio > Indice Recensioni > Recensione: Di là dal fiume e tra gli alberi di Ernest Hemingway

"Di là dal fiume e tra gli alberi" di Ernest Hemingway
Titolo:Di là dal fiume e tra gli alberi
Titolo originale:Across the River and into the Tress
Autore:Ernest Hemingway
Editore:Arnoldo Mondadori Editore
Tipologia del supporto:Cartaceo
Anno di pubblicazione:1950
Pagine:326
Lingua:Italiano
Lingua originale dell'opera:Inglese
Genere:Romanzo
Licenza:Copyright (Diritti riservati)
DRM:
Recensione di:Christian Michelini
Recensione vocale:Di_là_dal_fiume_e_tra_gli_alberi.opus, 89792 bytes
:

2024 visualizzazioni

L'autore
Ernest Hemingway nacque negli Stati Uniti d'America, ad Oak Park, nel 1899. Morì a Ketchum, nel 1961.

Il suo nome originale è Ernest Miller Hemingway.

Indomito combattente o dolce sentimentale? Ernest Hemingway era molto di più...

Ernest Hemingway ha reso il dialogo struttura narrativa portante e essenziale della sua narrazione. In questo romanzo il dialogo risulta travolgente, magmatico, fluente. Un Panta Rei che travolge tutto, che trascina il lettore, che spumeggia e si accascia, sprizza vivacità e si smarrisce.
Questo romanzo è essenzialmente disperato. Le tematiche trattate, il periodare, le concezioni esposte: tutto contribuisce a formare un’idea di tristezza e mestizia umana che ottenebra il lettore. A tratti si percepisce una certa vivacità e allegria speculativa, ma è purtroppo solo un ritorno al passato, perché è la nostalgia che domina l’opera.
Sembra il canto del cigno del forte che si rassegna alla vita, e alla sua estrema conseguenza. Tragico, ma edificante.

PAGELLA
Scorrevolezza:10
Valore artistico:7
Contenuti:8
Globale:8

Consigliato a:

Chi ama Ernest Hemingway vuole leggere tutti i suoi libri, nessuno escluso. Questo è quindi una tappa obbligata, anche se ne sconsiglierei la lettura come ultimo romanzo di un percorso narrativo, almeno per non lasciarsi alle spalle l’autore con l’amaro in bocca. Tutti gli altri che vogliono conoscere il maestro americano possono invece orientarsi verso “Per chi suona la campana” oppure “Addio alle armi”.

Incipit del libro Di là dal fiume e tra gli alberi di Ernest Hemingway:

Partirono due ore prima dell'alba, e dapprima non fu necessario spezzare il ghiaccio sul canale perché erano già passate altre barche. In ogni barca, al buio, in modo che lo si udiva ma senza vederlo, il barcaiolo stava ritto a poppa, col lungo remo. Il cacciatore era seduto su uno sgabello fissato al coperchio di una cassetta che conteneva la colazione e le cartucce, e i suoi due o tre fucili erano appoggiati sul mucchio di stampi. In ogni barca, in un punto o nell'altro vi era un sacco con un paio di germani femmine vive, o un maschio e una femmina e su ogni barca c'era un cane che si agitava tremando inquieto allo starnazzar d'ali delle anatre che passavano in volo nel buio.


[...]
I libri catalogati di Ernest Hemingway:
49 racconti
Addio alle armi (Farewell to arms) (1956)
Addio alle armi
Avere e non avere (To Have and Have Not) (1936)
Avere E Non Avere
Di là dal fiume e tra gli alberi (Across the River and into the Tress) (1950)
Festa mobile (A Moveable Feast) (1964)
Fiesta
Fiesta - Il sole sorge ancora (The sun also rises) (1926)
Il vecchio e il mare (The old man and teh sea) (1952)
Il Vecchio E Il Mare
In Paese straniero
Isole nella corrente (Islands in the Streams) (1970)
Isole Nella Corrente
La breve vita felice di Francis Macomber
Le nevi del Chilimangiaro
Morte nel pomeriggio
Per chi suona la campana (For Whom the Bells Tolls) (1940)
Romanzi (Hemingway)
Storie della guerra di Spagna
Citazioni di Ernest Hemingway:
Il Signore è il mio pastore, nulla mi ma...
Se non sarai il mio biglietto augurale,...
Tutta la letteratura moderna statunitens...
[NDR|Su Mussolini] C'è qua...
[NDR|Sugli italiani] "È il...
È più facile vivere sotto un regime che...
[NDR|Su Gary Cooper] È un...
Ero in un angolo a bere lo champagne del...
Fino ad ora, sulla morale ho appreso sol...
Il mondo è un bel posto e per esso vale...

Scrivi un commento







Libro | Scrittore | Citazione

Aiutaci!