Aiutaci. Grazie.

Inizio > Indice Recensioni > Recensione: Aidoru di William Ford Gibson

"Aidoru" di William Ford Gibson
Titolo:Aidoru
Titolo originale:Idoru
Autore:William Ford Gibson
Editore:Arnoldo Mondadori Editore
Tipologia del supporto:Cartaceo
Anno di pubblicazione:1996
Pagine:298
Lingua:Italiano
Lingua originale dell'opera:Inglese
Genere:Romanzo
Argomento:Fantascienza - cyberpunk
Licenza:Copyright (Diritti riservati)
DRM:
Recensione di:Christian Michelini
Recensione vocale: Aidoru.opus, 99394 bytes
:

1175 visualizzazioni

L'autore
William Ford Gibson è nato in Canada, a Conway, nel 1948.

La nazione di origine di William Ford Gibson sono gli Stati Uniti d'America.


Si è dedicato principalmente alle seguenti aree: fantascienza, cyberpunk.

Per avere maggiori informazioni su William Ford Gibson, potete consultare il sito web ufficiale dell'autore, disponibile a questa pagina:
http://www.williamgibsonbooks.com/.

Se vi è piaciuto "Il neuromante", potreste appassionarvi a questa storia che parla di una pop-star digitale.

Questo romanzo appartiene al genere cyberpunk, meglio ancora cyber-thriller. La storia di un amore tra un uomo e una donna, che ha l'inusuale prerogativa di essere stata creata al computer, un essere digitale uscito dalla mente dei suoi programmatori, e non da una maternità biologica. Una storia che si basa su un'idea innovativa, e che segue bene le tendenze del momento, in una realtà come quella attuale in cui molte persone sono intimorite dalle nuove acquisizioni della moderna tecnologia. E tuttavia, mi è parso che questo tema non fosse approfondito in modo soddisfacente: sarà perché non sono un grande amante del cyberpunk, ma questa storia non mi ha convinto fino in fondo, soprattutto per la sua realizzazione. Le implicazioni delle tematiche trattate avrebbero meritato secondo me maggiori riflessioni, mentre il volume si concentra unicamente sull'azione.

PAGELLA
Scorrevolezza:7
Valore artistico:6
Contenuti:7
Globale:6

Consigliato a:

Consiglio questo libro agli appassionati di cyberpunk, che vogliono ritrovare i temi che l'autore aveva già esplorato in "Il Neuromante". Se vi piace questo genere letterario, vi consiglio di dare un'occhiata ad altre opere famose, come "Halo" di Tom Maddox, "Guerrieri dell'interfaccia" di Walter Jon Williams, o "La grande medusa".
Se volete approfondire invece il tema dell'informatica, e in special modo della cultura hacker, vi consiglio l'interessante "Hackers!" di Tsutomu Shimomura e John Markoff.

Incipit del libro Aidoru di William Ford Gibson:

Dopo Slitscan, Laney ricevette una proposta di lavoro da Rydell, il guardiano notturno allo Chateau. Rydell era uno di quei tipi grossi e tranquilli del Tennessee, con un sorriso triste e timido, occhiali da sole a buon mercato e un walkie-talkie perennemente collegato a un orecchio.
– Paragon-Asia Dataflow – disse Rydell, verso le quattro del mattino, mentre tutti e due se ne stavano seduti su un paio di vecchie poltrone. Le travi di cemento sul soffitto erano dipinte a mano in maniera da assomigliare vagamente a rovere biondo. Le poltrone, come tutto il resto dell'arredamento nella hall dello Chateau, erano talmente grandi che chiunque ci si sedesse sembrava fatto in miniatura.
– Davvero? – chiese Laney, dando corda a Rydell, come se uno come lui fosse davvero in grado di procurargli un lavoro.


[...]
I libri catalogati di William Ford Gibson:
Aidoru (Idoru) (1996)
Neuromante (Neuromancer) (1984)

Scrivi un commento







Libro | Scrittore | Citazione
Aiutaci! Clicca qui

Donazioni BitCoin:

Aiuta ALK Libri donando Bitcoin
Sì | No