Inizio > Indice Recensioni > Recensione: Papà Goriot di Honoré de Balzac

"Papà Goriot" di Honoré de Balzac
Titolo:Papà Goriot
Titolo originale:Le Père Goriot
Autore:Honoré de Balzac
Editore:Rizzoli
Tipologia del supporto:Cartaceo
Anno di pubblicazione:1835
Pagine:337
Lingua:Italiano
Lingua originale dell'opera:Francese
Genere:Romanzo
DRM:
Recensione di:Christian Michelini
Recensione vocale:Papà_Goriot_rece_Noemi.opus, 83011 bytes
:

3589 visualizzazioni

L'autore
Honoré de Balzac nacque in Francia, a Tours, nel 1799. È morto a Parigi, nel 1850.

Si è dedicato principalmente a questi ambiti: realismo.

L'amore di un padre per i figli può essere talmente intenso da portare da condizionare l'intera vita...

Questo romanzo, che fa parte del ciclo della Commedia Umana scritto da Honoré de Balzac, è forse il più rappresentativo del grande autore francese. È essenzialmente la storia di un padre e del suo amore per le figlie. È altresì un romanzo di grande lirismo: intenso, amorevole, profondo come solo l'acuto analista di emozioni umane qual era Honoré de Balzac poteva produrre. Con un incessante quanto continuo crescendo narrativo, quest'opera perviene ad un finale ricco di valori e di contenuti, quasi edificante, ma non nel senso moralistico del termine: qui la capacità di lungimiranza etica è raggiunta con la viva partecipazione dell'intelletto, con la solida quanto sensibile mediazione della ragione.
È una storia coinvolgente, franca e sincera, innocentemente incentrata sull’amore paterno. Un romanzo di grande levatura e scritto con una maestria e perizia incomparabili.

PAGELLA
Scorrevolezza:8
Valore artistico:9
Contenuti:9
Globale:9

Consigliato a:

Consiglio la lettura a tutti: è un libro rimasto nella storia della letteratura, e il suo messaggio oltrepassa la barriera del tempo, per giungere a noi ancora fresco e spontaneo. Se vi è piaciuto questo volume, vi consiglio di leggere altre opere dello stesso autore, come "Le illusioni perdute", "Splendori e miserie delle cortigiane", "Il colonnello Chabert". Se volete approfondire la letteratura francese dell'Ottocento, dovreste leggere i suoi più grandi autori, come Victor Hugo, Émile Zola, Gustave Flaubert, Guy de Maupassant, e, per la poesia, oltre allo strepitoso Charles Baudelaire, anche Paul Verlaine e Arthur Rimbaud.

Incipit del libro Papà Goriot di Honoré de Balzac:

La signora Vauquer, nata de Conflans, è una vecchia donna che, da quarant'anni, conduce a Parigi una pensione borghese situata in via Neuve-Sainte-Geneviéve, tra il quatier latino e il sobborgo Saint-Marceau. La pensione, conosciuta sotto il nome di Casa Vauquer, accoglie senza distinzione uomini e donne, giovani e vecchi, senza che la maldicenza abbia mai potuto fare appunti alla moralità di questa rispettabile casa. Ma è pur vero che da trent'anni non vi si era mai veduta persona giovane, e, se un giovane vi dimorava, gli è perché la sua famiglia deve corrispondergli un ben magro mensile.


[...]
Explicit: Papà Goriot di Honoré de Balzac:

Rimasto solo, mosse qualche passo verso la sommità del cimitero e vide Parigi tortuosamente adagiata lungo le due rive della Senna, dove cominciava a brillare qualche luce, [...] Gettò su quell'arnia ronzante uno sguardo che pareva volesse succhiarne il miele in anticipo, e pronunciò queste solenni parole:"A noi due, ora!". E, come primo atto della sfida che egli lanciava alla società, Ratignac si recò a pranzo dalla signora di Nucingen.


[...]
I libri catalogati di Honoré de Balzac:
Addio
Addio - Il figlio maledetto - El Verdugo
All'insegna del gatto che gioca alla palla
Eugenia Grandet (Eugénie Grandet) (1833)
Eugénie Grandet
Farragus, capo dei Divoranti
Il ballo di Sceaux
Il colonnello Chabert (Le colonel Chabert) (1832)
Il colonnello Chabert (Le colonel Chabert) (1832)
Il Figlio Maledetto
Il giglio della valle
Il medico di campagna (Le médecin de campagne) (1833)
Il parroco del villaggio
L'ultima incarnazione di Vautrin
L'unica dote
La borsa
La commedia umana
La cugina Betta
La cugina Bette (La cousine Bette) (1846)
La cugina Bette
Citazioni di Honoré de Balzac:
(pag. 45-46) Se perseguiva tenac...
(pag. 48) Le sofferenze morali,...
Una notte d’amore è un libro letto in me...
O mia adorata..., sono impaziente come u...
Il male possiede una voce poderosa che d...
È noioso desiderare sempre e non soddisf...
Che cosa c'è di più bello del contemplar...
È proprio nella natura femminile provare...
L'insuccesso ci fa sentire sempre il pot...
(pag. 93) Esistono nella nostra...

Scrivi un commento







Libro | Scrittore | Citazione

Aiutaci!