Inizio > Indice Recensioni > Recensione: La zona morta di Stephen King

"La zona morta" di Stephen King
Titolo:La zona morta
Titolo originale:The Dead Zone
Autore:Stephen King
Editore:Arnoldo Mondadori Editore
Tipologia del supporto:Cartaceo
Anno di pubblicazione:1979
Pagine:460
Lingua:Italiano
Lingua originale dell'opera:Inglese
Genere:Romanzo
Licenza:Copyright (Diritti riservati)
DRM:
Recensione di:Christian Michelini
Recensione vocale:La_zona_morta_rece_Roberta.opus, 125965 bytes
:

2620 visualizzazioni

L'autore
Stephen King è nato negli Stati Uniti d'America, a Portland, nel 1947.

Il suo nome originario è Stephen Edwin King.

Nella sua vita si è dedicato a queste aree: horror, narrativa fantastica, romanzo gotico moderno.

Per avere maggiori informazioni su Stephen King, potete consultare il sito web ufficiale dell'autore, disponibile a questa pagina:
http://www.stephenking.com/.

Un uomo che ha un incidente, il suo coma profondo per anni, poi il risveglio. Ma quest'uomo si accorge di essere cambiato profondamente.

Pregevole, questo romanzo di Stephen King. Ha un'intensa carica, un brio narrativo che soddisfa il lettore nel suo incedere, coerente e fascinoso, verso un finale tanto drammatico quanto ben costruito. Stephen King è sempre stato superbo nel raccontare storie, e questo romanzo non fa eccezione: intrigante, intenso, coinvolgente. E anche assai inquietante. Inquieta per le tematiche affrontate, per come vengono affrontate, e per il modo in cui viene descritto l'ignoto, che lusinga il nostro spirito e al contempo intimorisce la nostra ragione.
Personalmente, di Stephen King ho sempre apprezzato soprattutto le atmosfere che riesce a creare. E in quest'opera le atmosfere sono tutte ben congegnate, rese magistralmente, a partire da quelle della periferia americana, con i suoi ambienti a volte desolati, a volte umanizzati fino all'inverosimile.

PAGELLA
Scorrevolezza:8
Valore artistico:6
Contenuti:7
Globale:8

Consigliato a:

Consiglio quest'opera a tutti gli appassionati di Stephen King, ma anche se non avete mai letto questo autore contemporaneo potete comunque partire da questo libro per decidere se vi piace o meno il suo stile.
Se la lettura di questo volume vi è rimasta nel cuore, potete leggere le altre opere di King, come "IT", "Incubi e deliri", "L'ombra dello scorpione", "L'uomo in fuga". Non mancate poi assolutamente di leggere il bellissimo "Misery".
Se preferite altri autori orrorifici, potreste orientarsi su Dean Koontz con "Intensity" oppure Clive Barker in "Gioco dannato".

Incipit del libro La zona morta di Stephen King:

Al tempo in cui si diplomò al college, John Smith aveva scordato tutto della brutta caduta sul ghiaccio in quel giorno di gennaio del 1953. Effettivamente gli sarebbe stato difficile ricordarsene anche quando terminò le scuole secondarie. Suo padre e sua madre, poi, non ne avevano mai saputo niente.


[...]
I libri catalogati di Stephen King:
1408
22/11/'63
22/11/63
A volte ritornano
Al Crepuscolo
Angel
Blaze
Buick 8
Carrie
Cell
Christine
Colorado Kid
Cose preziose (Needful Things) (1991)
Cujo
Cuori in Atlantide
Danse Macabre
Desperation
Dolores Claiborne
Duma Key (2008)
Gli occhi del drago
Citazioni di Stephen King:
Di grande in ...
H.P. Lovecraf...
Tra le storie di ...
Uno dei miei compiti in quanto scrittore...
L'essere che, sotto il letto, aspetta di...
Ci sono tante storie. Non riuscirei nemm...
E piangere senza sapere perché aveva l'o...
Forse è solo lo spirito della massa. Dar...
Stiamo volando! aveva gridato Mike, alza...
[NDR|A proposito del film [[Bri...

Scrivi un commento







Libro | Scrittore | Citazione

Aiutaci!