Aiutaci. Grazie.

Inizio > Indice Recensioni > Recensione: La lettera scarlatta di Nathaniel Hawthorne

"La lettera scarlatta" di Nathaniel Hawthorne
Titolo:La lettera scarlatta
Titolo originale:The Scarlet Letter
Autore:Nathaniel Hawthorne
Editore:Newton Compton
Tipologia del supporto:Cartaceo
Anno di pubblicazione:1850
Pagine:154
Lingua:Italiano
Lingua originale dell'opera:Inglese
Genere:Romanzo
Prezzo :4000
DRM:
Recensione di:Christian Michelini
Recensione vocale: La_lettera_scarlatta.opus, 145762 bytes
:

2677 visualizzazioni

L'autore
Nathaniel Hawthorne è nato negli Stati Uniti d'America, a Salem, nel 1804. Morì a Plymouth, nel 1864.

Una lettera può bruciare più del fuoco.

Questo romanzo rese celebre Nathaniel Hawthorne, ed è veramente ben realizzato, sia per stile che per contenuti. È la storia di una donna, colpevole di adulterio, che viene condannata a portare una A scarlatta e fiammeggiante sul proprio seno. Ma ciò che più colpisce, in un'America puritana, è il senso di semplicistico perbenismo della popolazione, il bigotto credo di una morale super partes, la fede nella propria innocenza e nella colpevolezza implacabile dell'altro. Al di là di richiami biblici come "Chi è senza peccato scagli la prima pietra", il pregio maggiore di quest'opera è quello di avventurarsi nei meandri di una colpa che viene presentata con somma umanità, scevra da formalismi moralistici, da intenti edificanti: una semplice e schietta descrizione del fatto, in un'analisi profondamente umana, sensibile, comprensiva.
Un libro bello e finemente orchestrato: riesce a richiamare la nostra mente alla ragionevolezza, è in grado di suggerirci un certo dubbio sui criteri che ci inducono a condannare o ad assolvere nella nostra società: sappiamo che questi criteri cambiano col tempo; coscienti di questo, che diritto abbiamo di giudicare con feroce rappresaglia al male insito nel nostro mondo? Questo forse un moderno lettore di questo classico del passato può trovare ne "La lettera scarlatta": un messaggio che va al di là dei tempi, per una più coerente comprensione della nostra umanità.

PAGELLA
Scorrevolezza:8
Valore artistico:8
Contenuti:8
Globale:8

Consigliato a:

Consiglio questo volume a tutti gli appassionati di classici della narrativa: questo è un eccellente romanzo, ed è interessante la lettura per tutti. Se vi è piaciuto questo libro, vi consiglio di leggere altre opere dello stesso autore, oppure dedicarvi ad altri grandi dell'Ottocento, come Edgar Allan Poe e i suoi racconti (eccovi il link al primo e al secondo volume della raccolta), oppure Henry James, o ancora Herman Melville con il suo "Moby Dick", e Jane Austen ("Persuasione"), le sorelle Bronte ("Cime tempestose", "Jane Eyre"), oppure Charles Dickens ("Cantico di Natale").

Incipit del libro La lettera scarlatta di Nathaniel Hawthorne:

Una folla d'uomini barbuti, dagli abiti scuri e dai grigi cappelloni a punta, e di donne in cappuccio o a testa nuda, stava raccolta davanti a un edificio di legno, la cui porta di quercia massiccia era guarnita con bulloni di ferro.
I fondatori d'una colonia, qualunque Utopia di virtù e felicità umana possano aver divisato in origine, hanno sempre riconosciuto tra le prime necessità pratiche quella di destinare una parte del suolo vergine a cimitero, ed un'altra a prigione. Secondo tal norma, possiamo ritenere con fondamento che i progenitori di Boston avessero costruito a tempo opportuno la prima prigione nelle vicinanze di Cornhill, press'a poco quando tracciarono il primo luogo di sepoltura sul terreno di Isaac Johnson e intorno alla sua fossa, che in seguito divenne il centro di tutti gli avelli raccolti nel vecchio camposanto di King's Chapel.


[...]
Personaggi e concetti creati da Nathaniel Hawthorne:
Bellingham (Personaggio, dal libro La lettera scarlatta)
Mastro Brackett (Personaggio, dal libro La lettera scarlatta)
Dimmesdale (Personaggio, dal libro La lettera scarlatta)
Sibyl Dacy (Personaggio, dal libro Settimio Felton ovvero L’elisir di lunga vita)
Roger Chillingworth (Personaggio, dal libro La lettera scarlatta)
Settimio Felton (Personaggio, dal libro Settimio Felton ovvero L’elisir di lunga vita)
Rose Garfield (Personaggio, dal libro Settimio Felton ovvero L’elisir di lunga vita)
Robert Hagburn (Personaggio, dal libro Settimio Felton ovvero L’elisir di lunga vita)
Hibbins (Personaggio, dal libro La lettera scarlatta)
Perla (Personaggio, dal libro La lettera scarlatta)
Hester Prynne (Personaggio, dal libro La lettera scarlatta)
Jabez Porstoaken (Personaggio, dal libro Settimio Felton ovvero L’elisir di lunga vita)
John Wilson (Personaggio, dal libro La lettera scarlatta)
I libri catalogati di Nathaniel Hawthorne:
Egotismo
Il giovane Goodman Brown
La casa dei sette abbaini (The House of Seven Gables) (1851)
La lettera scarlatta (The Scarlet Letter) (1850)
La lettera scarlatta
Racconti Raccontati Due Volte
Settimio Felton ovvero L’elisir di lunga vita (Septimius Felton o The Elixir of Life) (1872)
Settimonio Felton Ovvero L'Elisir Di Lunga Vita
Testadipiuma
Citazioni di Nathaniel Hawthorne:
Nessuno, penso, dovrebbe leggere poesie,...
Un eroe non può essere eroe se non in un...
È orribile la bruttezza senza tatto....
Dai principi si deduce una probabilità,...
La vita è fatta di marmo e fango....
Non sempre dobbiamo parlare sulla piazza...
La spiritosaggine dei vecchi ha in appar...
Alla salute morale e intellettiva di un...
Per un uomo che ha sognato di assurgere...
Nella nostra natura c'è però una meravig...

Scrivi un commento







Libro | Scrittore | Citazione

Aiutaci!