Inizio > Indice Recensioni > Scheda: Lovecraft 2000 di AA.VV.

"Lovecraft 2000" di AA.VV.
Titolo:Lovecraft 2000
Autore:AA.VV.
Tipologia del supporto:Digitale
Lingua:Italiano
Genere:Non definito
DRM:Non definito
Pubblicato il:2013-03-23
:

822 visualizzazioni

Autore
AA.VV. è nato in una nazione non definita.

"Lovecraft 2000" è un libro scritto da AA.VV..

Questa versione in italiano è edita da un editore non definito.

Incipit del libro Lovecraft 2000 di AA.VV.:




Lovecraft 2000





1

Nel corso della mia carriera, ormai ventennale, di editor della Arkham House, mi è capitato spesso di ricevere un certo tipo di lettera, da ogni parte del mondo. Il mittente è di solito, anche se non regolarmente, un giovane, ma il contenuto della lettera è sempre lo stesso: ho scoperto da poco H.P. Lovecraft e, accidenti, che scrittore! Ecco un esempio, abbastanza recente, di uno studente che ha scritto dalla Grecia.

Agli inizi degli anni Ottanta, una casa editrice greca… ha pubblicato una raccolta di racconti scritti da diversi autori. Uno di questi ha influenzato e ispirato per sempre la mia modesta vita. Le sue iniziali erano H.P.L. Da allora, le opere narrative, i paesaggi immaginari, l’horror cosmico e soprannaturale mi fanno compagnia nelle ore di solitudine…

Com’è possibile, ci si domanda, che uno scrittore solitario di racconti del sovrannaturale, che durante la vita non fu nemmeno in grado di guada-gnarsi da vivere, abbia oggi il potere di ispirare e persino di influenzare la vita di lettori di tutto mondo?

Negli ultimi cinquant’anni, Lovecraft si è imposto come un esponente classico della narrativa del sovrannaturale e, in linea di principio, esiste soltanto un tipo accettabile di narrativa di questo genere: quella grande. Un racconto di questo genere o avvince il lettore con ciò che Lovecraft definiva «la strana realtà dell’irreale» (nel qual caso i punti deboli sono irrilevanti), oppure no (nel qual caso i punti forti sono irrilevanti). Parlare dei punti deboli di Lovecraft a questo punto sarebbe ingiustificato, poiché i suoi limiti tecnici sono evidenti anche al lettore meno esigente; sarebbe come lamentarsi che la Venere di Milo è senza braccia. Quali sono, allora, le qualità positive che spiegano lo straordinario fascino che esercita sui lettori di tutto il mondo?

Nel saggio del 1932 Notes on Writing Weird Fiction,
Lovecraft sta-bilisce sin dall’inizio i criteri creativi della sua opera: «La ragione per cui scrivo racconti è che mi dà la soddisfazione di visualizzare in maniera più chiara e dettagliata le impressioni vaghe, elusive e immaginarie del meraviglioso, della bellezza e dell’aspettativa avventurosa che mi evocano certi panorami, idee, avvenimenti e immagini…» Ma, un momento, direte voi, che c’entrano il meraviglioso, la bellezza e l’aspettativa avventurosa? Lovecraft non dovrebbe essere uno dei più importanti scrittori americani di horror? Be’, sì, lo è, e più avanti Lovecraft ammette che i suoi racconti

«sottolineano spesso l’elemento horror perché… è difficile creare un’immagine convincente di un mondo in cui le leggi naturali non sono rispettate o un’immagine di ‘allenita’ o ‘estraneità’ cosmica senza mettere in rilievo l’emozione della paura».


[...]
I libri catalogati di AA.VV.:
10 racconti in noir
A-DNA
Appendici dal futuro
Appendici del Futuro 10
Appendici del Futuro 2
Appendici del Futuro 3
Appendici del Futuro 4
Appendici del Futuro 5
Appendici del Futuro 6
Appendici del Futuro 7
Appendici del Futuro 8
Appendici del Futuro 9
Appendici in giallo 1
Appendici in giallo 2
Appendici in giallo 3
Appendici in Giallo 4
Appendici in Nero 1
Avventure spaziali & fantasy N. 1
Avventure spaziali & fantasy N. 2
Avventure spaziali & fantasy N. 3

Scrivi un commento







Libro | Scrittore | Citazione

Aiutaci!