Inizio > Indice Recensioni > Scheda: Giganti di AA.VV.

"Giganti" di AA.VV.
Titolo:Giganti
Autore:AA.VV.
Tipologia del supporto:Digitale
Lingua:Italiano
Genere:Non definito
DRM:Non definito
Pubblicato il:2013-03-23
:

714 visualizzazioni

Autore
AA.VV. è nato in una nazione non definita.

"Giganti" è un libro scritto da AA.VV..

Questa edizione in italiano è edita da un editore non definito.

Incipit del libro Giganti di AA.VV.:




Giganti





I GIGANTI SULLA TERRA

I giganti sono un elemento così comune nelle fantasie, miti, e leggende di tutte le società, che bisogna chiedersi da dove venga questa idea. Perfino la Bibbia aggiunge la sua voce all’argomento: « C’erano giganti sulla Terra
in quei giorni»
(Genesi 6:4).

Senza dubbio, ci sono giganti sulla Terra in questi giorni. La balena azzurra dell’Antartico non è solo il più grande animale vivente oggi, ma è probabilmente l’animale più grande che sia mai vissuto. Le sequoie e gli alberi rossi della Costa del Pacifico non sono solo le piante più grandi ed alte viventi oggi, ma probabilmente le piante più grandi mai esistite.

La gente nei tempi antichi viveva vite circoscritte, raramente si spostava a più di poche miglia lontano da casa, e racconti di grandi animali in re-gioni sconosciute non dovevano aver perso nulla nella divulgazione. Mentre i racconti passavano da una bocca all’altra, diventavano senza dubbio sempre più drammatici. Così, le balene divennero i “leviathani” biblici e gli ippopotami i sempre biblici “behemoth” e, nei racconti dei rabbini medievali, sia i leviathan che i behemoth divennero mostri grandi esattamente quanto le montagne.

Ma i giganti non dovevano essere semplicemente le esaltazioni di verità lontane. Potevano essere il risultato della ragione. Nei giorni in cui nasce-vano i miti, era naturale supporre che le forze della natura fossero l’espressione della vita. Il vento era il respiro degli Dei; la tempesta era il risultato della loro rabbia; il lampo era la loro artiglieria.

Vulcani sorsero dalle fucine traboccanti di Dei sotterranei, e terremoti dal loro spostarsi agitato mentre dormivano o erano incatenati. Naturalmente, come esseri viventi (presumibilmente anche di figura umanoide), gli Déi dovevano avere forza e misure colossali per poter produrre tali effetti. Riuscite a capire, vero?

Allora, anche nei tempi antichi, accadeva che una civiltà stabile decade-va, aveva delle flessioni e veniva depredata da bande di guerrieri che si stupivano dei lavori della civiltà che avevano conquistato: le mura massic-ce che circondavano le città, i grandi templi o le altre strutture, e così via.

Non conoscendo l’avanzata tecnologia sviluppata dalla civiltà che avevano conquistato, non potevano immaginare come erano state costruite quelle strutture. Loro non erano in grado di farlo, e sarebbe stato quindi ri-dicolo supporre che potesse averlo fatto il popolo inferiore che avevano conquistato. La supposizione logica che ne derivava era perciò che lo avesse fatto una razza di Giganti.

I barbari dorici che sconfissero i regni Micenei della Grecia, notarono le spesse mura di grandi pietre di Micene, e supposero che fossero state


[...]
I libri catalogati di AA.VV.:
10 racconti in noir
A-DNA
Appendici dal futuro
Appendici del Futuro 10
Appendici del Futuro 2
Appendici del Futuro 3
Appendici del Futuro 4
Appendici del Futuro 5
Appendici del Futuro 6
Appendici del Futuro 7
Appendici del Futuro 8
Appendici del Futuro 9
Appendici in giallo 1
Appendici in giallo 2
Appendici in giallo 3
Appendici in Giallo 4
Appendici in Nero 1
Avventure spaziali & fantasy N. 1
Avventure spaziali & fantasy N. 2
Avventure spaziali & fantasy N. 3

Scrivi un commento







Libro | Scrittore | Citazione

Aiutaci!