Inizio > Indice Recensioni > Scheda: All'insegna del gatto che gioca alla palla di Honoré de Balzac

"All'insegna del gatto che gioca alla palla" di Honoré de Balzac
Titolo:All'insegna del gatto che gioca alla palla
Autore:Honoré de Balzac
Editore:Non definito
Tipologia del supporto:Cartaceo
Lingua:Italiano
Genere:Non definito
DRM:Non definito
Pubblicato il:2014-03-15
:

764 visualizzazioni

L'autore
Honoré de Balzac nacque in Francia, a Tours, nel 1799. È morto a Parigi, nel 1850.

Si è dedicato principalmente a questi ambiti: realismo.

"All'insegna del gatto che gioca alla palla" è un libro di Honoré de Balzac.

Questa versione in italiano è stata pubblicata da un editore non definito.

Incipit del libro All'insegna del gatto che gioca alla palla di Honoré de Balzac:

''Alla signorina Maria di Montheau''.

Nel centro di via San Dionigi, quasi all'angolo della via del Piccolo Leone, c'era, or non è molto, una di quelle case preziose che, per analogia, facilitano agli storici la ricostruzione della vecchia Parigi. Le mura crollanti di quella bicocca apparivano ancora screziate di geroglifici. Quale altro nome poteva dare l'ozioso agli X e ai V tracciati sulla facciata dai travicelli trasversali o diagonali segnati sull'intonaco da piccole screpolature parallele? Evidentemente al passaggio della carrozza più leggera ognuna di quelle travi si muoveva negli incastri. Il venerando edificio era sormontato da un tetto triangolare, il cui modello va scomparendo a Parigi. Cedendo alle intemperie del clima della capitale, esso si sporgeva di circa tre piedi sulla [[Via|strada]], sia per proteggere dalle acque piovane la soglia del portone, sia per ospitare un solaio con la sua finestruola senza parapetto. Quest'ultimo piano era stato innalzato con assi inchiodate l'una sull'altra, come lastre d'ardesia, allo scopo certamente di non sovraccaricare la fragile casa.


[...]
I libri catalogati di Honoré de Balzac:
Addio
Addio - Il figlio maledetto - El Verdugo
All'insegna del gatto che gioca alla palla
Eugenia Grandet (Eugénie Grandet) (1833)
Eugénie Grandet
Farragus, capo dei Divoranti
Il ballo di Sceaux
Il colonnello Chabert (Le colonel Chabert) (1832)
Il colonnello Chabert (Le colonel Chabert) (1832)
Il Figlio Maledetto
Il giglio della valle
Il medico di campagna (Le médecin de campagne) (1833)
Il parroco del villaggio
L'ultima incarnazione di Vautrin
L'unica dote
La borsa
La commedia umana
La cugina Betta
La cugina Bette (La cousine Bette) (1846)
La cugina Bette
Citazioni di Honoré de Balzac:
(pag. 45-46) Se perseguiva tenac...
(pag. 48) Le sofferenze morali,...
Una notte d’amore è un libro letto in me...
O mia adorata..., sono impaziente come u...
Il male possiede una voce poderosa che d...
È noioso desiderare sempre e non soddisf...
Che cosa c'è di più bello del contemplar...
È proprio nella natura femminile provare...
L'insuccesso ci fa sentire sempre il pot...
(pag. 93) Esistono nella nostra...

Scrivi un commento







Libro | Scrittore | Citazione

Aiutaci!