Aiutaci. Grazie.

Inizio > Indice Recensioni > Scheda: Alba del domani - La fantascienza prima degli "anni d'oro" di ALBA DEL DOMANI

"Alba del domani - La fantascienza prima degli "anni d'oro"" di ALBA DEL DOMANI
Titolo:Alba del domani - La fantascienza prima degli "anni d'oro"
Autore:ALBA DEL DOMANI
Tipologia del supporto:Digitale
Lingua:Italiano
Genere:Non definito
DRM:Non definito
Pubblicato il:2013-03-23
:

182 visualizzazioni

Autore
ALBA DEL DOMANI è nato in una nazione non definita.

"Alba del domani - La fantascienza prima degli "anni d'oro"" è un libro di ALBA DEL DOMANI.

Questa edizione in italiano è edita da un editore non definito.

Incipit del libro Alba del domani - La fantascienza prima degli "anni d'oro" di ALBA DEL DOMANI:




Alba del domani - La fantascienza prima degli “anni d’oro”





Introduzione

Il sottotitolo di questa raccolta dice: «Prima dell’Età d’Oro della Fantascienza», e in effetti, per molti lettori che oggi hanno raggiunto la mezza età, c’è stata davvero un’Età d’Oro della Fantascienza… con tutte le iniziali maiuscole!

L’Età d’Oro ebbe inizio nel 1938, quando John Campbell diventò il direttore di Astounding Stories,
e trasformò non soltanto la rivista, ma anche l’intero genere della fantascienza, in qualcosa che meglio corrispondesse ai suoi desideri. Durante l’Età d’Oro, Campbell e la rivista da lui diretta domi-narono a tal punto la fantascienza che per conoscere l’intero genere era sufficiente leggere Astounding.

In questo senso l’Età d’Oro durò fino al 1950, quando comparvero altre riviste, come Galaxy e The Magazine of Fantasy and Science Fiction. I rispettivi direttori, H.L. Gold e Anthony Boucher, avevano a modo loro personalità non meno forti di quella di Campbell, e quindi il genere si ampliò e si diversificò. E da molti punti di vista continuò ancora a migliorare quando uscì dalle riviste specializzate e passò ai libri, ai tascabili e ai mass-media elettronici.

Ma ormai il genere era diventato troppo vasto perché l’individuo singolo potesse conoscerlo tutto. Al massimo, si poteva fare qualche assaggio, e l’Età d’Oro, il tempo in cui tutta la fantascienza poteva raggiungere il lettore, era finita.

Io ho vissuto l’Età d’Oro nel modo migliore possibile, perché sono stato tra i primi nuovi scrittori scoperti da Campbell, e sono certo che egli non provò mai per alcun altro scrittore un interesse così personale, quasi paterno. Il mio libro The Early Asimov (Doubleday, 1972) rappresenta nel contempo il mio monumento a quegli anni e il mio omaggio a John.

Ma dimentichiamo l’Età d’Oro con le iniziali maiuscole, e passiamo a qualcosa di più personale. Chiunque abbia avuto un’esistenza non completamente disastrosa vede il secondo decennio della sua vita pervaso da un alone iridescente. I ricordi del primo decennio di vita, che risalgono a tempi anteriori al compimento dei dieci anni, sono vaghi, incerti e incompleti.

A cominciare dall’inizio del terzo decennio, dopo i vent’anni, la vita si riempie delle responsabilità degli adulti e diviene plumbea. Ma quel secondo decennio, dai dieci ai venti, è aureo; ed è in quegli anni che noi ri-cordiamo la felicità.

Il secondo decennio è l’età d’oro di ciascun individuo; il ricordo della vi-ta così com’era allora, noi lo consideriamo il ritratto della vita che vorremmo vivere. Per ogni lettore di fantascienza, l’oro del secondo decennio della sua esistenza pervade anche i racconti che


[...]
I libri catalogati di ALBA DEL DOMANI:
Alba del domani - La fantascienza prima degli "anni d'oro"

Scrivi un commento







Libro | Scrittore | Citazione

Aiutaci!
Donazioni BitCoin:
132vG2BSxxG5FLGWpVRe8t9FsW2iiCSNqg
Aiuta ALK Libri donando Bitcoin

Sì | No