Inizio > Indice Recensioni > Scheda: Lettere a Lucilio di Lucio Anneo Seneca

"Lettere a Lucilio" di Lucio Anneo Seneca
Titolo:Lettere a Lucilio
Autore:Lucio Anneo Seneca
Editore:Non definito
Tipologia del supporto:Cartaceo
Lingua:Italiano
Genere:Non definito
DRM:Non definito
Pubblicato il:2014-03-15
:

384 visualizzazioni

L'autore
Lucio Anneo Seneca è nato nell'Antica Roma, a Corduba, nel 4 a.C.. È morto a Roma, nel 65.

In origine, il suo nome era Lucius Annaeus Seneca. Ecco alcuni soprannomi che Lucio Anneo Seneca ha usato: Seneca, Seneca il giovane.

Nella sua vita si è dedicato a queste aree: stoicismo.

"Lettere a Lucilio" è un libro scritto da Lucio Anneo Seneca.

Questa versione in italiano è pubblicata da un editore non definito.

Incipit del libro Lettere a Lucilio di Lucio Anneo Seneca:

Comportati così, Lucilio mio, rivendica il tuo diritto su te stesso e il [[tempo]] che fino ad oggi ti veniva portato via o carpito o andava perduto, raccoglilo e fanne tesoro. Convinciti che è proprio così, come ti scrivo: certi momenti ci vengono portati via, altri sottratti e altri ancora si perdono nel vento. Ma la cosa più vergognosa è perder tempo per negligenza. Pensaci bene: della nostra esistenza buona parte si dilegua nel fare il male, la maggior parte nel non far niente e tutta quanta nell'agire diversamente dal dovuto. Puoi indicarmi qualcuno che dia un giusto valore al suo tempo, e alla sua giornata, che capisca di morire ogni giorno? Ecco il nostro errore: vediamo la morte davanti a noi e invece gran parte di essa è già alle nostre spalle: appartiene alla morte la vita passata. Dunque, Lucilio caro, fai quel che mi scrivi: metti a frutto ogni minuto; sarai meno schiavo del futuro, se ti impadronirai del presente. Tra un rinvio e l'altro la vita se ne va. Niente ci appartiene, Lucilio, solo il tempo è nostro. La natura ci ha reso padroni di questo solo bene, fuggevole e labile: chiunque voglia può privarcene. Gli uomini sono tanto sciocchi che se ottengono beni insignificanti, di nessun valore e in ogni caso compensabili, accettano che vengano loro messi in conto e, invece, nessuno pensa di dover niente per il tempo che ha ricevuto, quando è proprio l'unica cosa che neppure una persona riconoscente può restituire.


[...]
I libri catalogati di Lucio Anneo Seneca:
Apokolokyntosis
De brevitate vitae
De constantia sapientis
De tranquillitate animi
De vita beata
Fedra (Phaedra)
Guida alla saggezza (De constantia sapientis, Epistulae morales)
L'ozio
La dottrina morale
La felicità
La provvidenza
Lettere a Lucilio
Medea
Tieste (Thyestes)
Citazioni di Lucio Anneo Seneca:
Il segno che distingue la saggezza e i...
Ognuno è tanto infelice quanto crede di...
La dilaniazione è il più grande rimedio...
Gli uomini, mentre insegnano, imparano....
Il volere con lentezza è tipico di chi n...
Il vero godimento è una cosa seria....
Il piacere cessa proprio quando diletta...
Quello che mi turba non è la tempesta, m...
Nascondersi non vuol dire salvarsi....
La libertà non s’accorda con l’intollera...

Scrivi un commento







Libro | Scrittore | Citazione

Aiutaci!