Inizio > Indice Recensioni > Scheda: L'albero del riccio di Antonio Gramsci

"L'albero del riccio" di Antonio Gramsci
Titolo:L'albero del riccio
Titolo originale:L'albero del riccio
Autore:Antonio Gramsci
Editore:Liber Liber
Tipologia del supporto:Digitale
Anno di pubblicazione:1948
Lingua:Italiano
Lingua originale dell'opera:Italiano
Genere:Raccolta di racconti
Argomento:Avventura
Licenza:Pubblico dominio
DRM:
eBook:Leggi l'eBook
Formati disponibili:
Pubblicato il:2013-03-02
:

1003 visualizzazioni

Aggiungi ebook alla tua biblioteca
L'autore
Antonio Gramsci nacque in Italia, ad Ales, nel 1891. Morì a Roma, nel 1937.

Nella sua vita si è dedicato a queste aree: politica, comunismo.

L'albero del riccio è una raccolta di racconti scritta da Antonio Gramsci durante la sua detenzione, indirizzata ai propri figli.

L'albero del riccio è una raccolta di racconti scritta da Antonio Gramsci durante la sua detenzione, indirizzata ai propri figli. Le storie avventurose parlano di briganti e di animali, e molte si ispirano a fatti realmente accaduti. Nel finale l'autore consiglia alcune importanti letture ai figli: i racconti di Lev Nikolaevič Tolstoj, Aleksandr Sergeevič Puškin, Joseph Rudyard Kipling, Charles Dickens.

Incipit del libro L'albero del riccio di Antonio Gramsci:

Lettera I

Avventura natalizia


Carissima Tania,
oggi voglio raccontare per te, Delio e Giuliano, un episodio natalizio della mia fanciullezza, che vi divertirà e vi darà un tratto caratteristico della vita delle mie parti.
Avevo quattordici anni e facevo la terza ginnasiale a Santu Lussurgiu, un paese distante dal mio circa diciotto chilometri.
Con un altro ragazzo, per guadagnare ventiquattr’ore in famiglia, ci mettemmo in istrada a piedi il dopopranzo del 23 dicembre, invece di aspettare la diligenza del mattino seguente.
Cammina, cammina, eravamo circa a metà del viaggio, in un posto completamente deserto e solitario. A sinistra, un centinaio di metri dalla strada, si allungava una fila di pioppi con delle boscaglie di lentischi. A un tratto ci spararono un primo colpo di fucile sulla testa: la pallottola fischiò a una decina di metri in alto. Credemmo a un colpo casuale e continuammo tranquilli. Un secondo e un terzo colpo bassi ci avvertirono subito che eravamo proprio presi di mira e allora ci buttammo nella cunetta, rimanendo appiattiti un pezzo.
Quando provammo a sollevarci, un altro colpo, e cosí circa due ore con una dozzina di colpi che ci inseguivano, mentre ci allontanavamo strisciando, ogni volta che tentavamo di ritornare sulla strada. Certamente era una comitiva di buontemponi che voleva divertirsi a spaventarci, ma che bello scherzo natalizio, eh?
Arrivammo a casa a notte buia, discretamente stanchi e infangati e non raccontammo la storia a nessuno, per non spaventare in famiglia; ma non ci spaventammo gran che, perché alle prossime vacanze di carnevale il viaggio fu ripetuto senza incidenti di sorta.
Ti abbraccio teneramente.
ANTONIO

P.S. - Ma la storia è proprio vera; non è affatto una storia di briganti.


[...]
Audiolibri di:Antonio Gramsci
Scritti politici
Audiolibro degli "Scritti politici" di Antonio Gramsci.
I libri catalogati di Antonio Gramsci:
Americanismo e fordismo
Apologhi e raccontini torinesi
Gli intellettuali e l'organizzazione della cultura (1949)
Il materialismo storico e la filosofia di Benedetto Croce
Il Risorgimento
L'albero del riccio (1948)
La questione meridionale
Letteratura e vita nazionale
Lettere dal carcere
Note sul Machiavelli sulla politica e sullo Stato moderno
Nuove lettere
Passato e presente
Quaderni dal carcere
Quaderni del carcere
Scritti politici
Sotto la Mole
Sul fascismo
Citazioni di Antonio Gramsci:
[NDR|In risposta a un articolo di...
Chi ha fede, chi solo alla realtà atting...
Dei fatti maturano nell'ombra, perché ma...
Dire la verità, arrivare insieme alla ve...
[NDR|Su Mussolini] Diviniz...
[NDR|La tendenza a diminuire l'avv...
Fino a quando sussiste il regime borghes...
Il Vaticano rappresenta la più grande fo...
In principio era il verbo... ...
Istruitevi, perché avremo bisogno di tut...

Scrivi un commento







Libro | Scrittore | Citazione

Aiutaci!