Aiutaci. Grazie.

Inizio > Indice Recensioni > Scheda: Fahrenheit 451 di Ray Bradbury

"Fahrenheit 451" di Ray Bradbury
Titolo:Fahrenheit 451
Titolo originale:Fahrenheit 451
Autore:Ray Bradbury
Editore:Arnoldo Mondadori Editore
Collana editoriale:Oscar Mondadori
Tipologia del supporto:Cartaceo
Anno di pubblicazione:1953
Pagine:195
Lingua:Italiano
Lingua originale dell'opera:Inglese
Genere:Romanzo
Argomento:Fantascienza
Traduttore:Giorgio Monicelli
Codice ISBN:88-04-32025-7
Licenza:Copyright (Diritti riservati)
DRM:
Pubblicato il:2012-09-25
:

851 visualizzazioni

L'autore
Ray Bradbury è nato negli Stati Uniti d'America, a Waukegan, nel 1920. È morto a Los Angeles, nel 2012.

Il suo nome originario è Ray Douglas Bradbury.

Ecco i principali ambiti in cui Ray Bradbury si è impegnato: fantascienza, fantasy.

Per sapere qualcosa di più su Ray Bradbury, potete andare sul sito web ufficiale dell'autore, disponibile a questa pagina:
http://www.raybradbury.com/.

"Fahrenheit 451" (col titolo originale: Fahrenheit 451) è un romanzo (categoria: Fantascienza) di Ray Bradbury che è stato inizialmente pubblicato in inglese nel 1953.

Questa versione in italiano, tradotta da Giorgio Monicelli, è pubblicata da Arnoldo Mondadori Editore, nella collana Oscar Mondadori (195 pagine, ISBN: 88-04-32025-7).

Incipit del libro Fahrenheit 451 di Ray Bradbury:

Era una gioia appiccare il fuoco.
Era una gioia speciale vedere le cose divorate, vederle annerite, diverse. Con la punta di rame del tubo fra le mani, con quel grosso pitone che sputava il suo cherosene venefico sul mondo, il sangue gli martellava contro le tempie, e le sue mani diventavano le mani di non si sa quale direttore d'orchestra che suonasse tutte le sinfonie fiammeggianti, incendiarie, per far cadere tutti i cenci e le rovine carbonizzate della storia. Col suo elmetto simbolicamente numerato 451 sulla solida testa, con gli occhi tutta una fiamma arancione al pensiero di quanto sarebbe accaduto la prossima volta, l'uomo premette il bottone dell'accensione, e la casa sussultò in una fiammata divorante che prese ad arroventare il cielo vespertino, poi a ingiallirlo e infine ad annerirlo.


[...]
Explicit: Fahrenheit 451 di Ray Bradbury:

E quando fosse venuta la sua volta, che cosa avrebbe potuto dire, che cosa avrebbe potuto offrire in un giorno come quello, per rendere il viaggio un po' più agevole? Per ogni cosa c'è una stagione. Sì. Il tempo della demolizione, il tempo della costruzione. Sì. Il tempo del silenzio e il tempo della parola. Sì, tutto questo. Ma che altro? Che altro ancora? Qualcosa, qualcosa...


[...]
I libri catalogati di Ray Bradbury:
Constance contro tutti
Cronache marziane (The Martian Chronicles) (1950)
Cronache marziane
Fahrenheit 451 (1953)
Fahrenheit 451
I Fiori di Marte
Il gioco dei pianeti
Il grande mondo laggiù
Il Popolo Dell'Autunno
Io canto il corpo elettrico!
L'estate incantata (Dandelion Wine) (1957)
La folla
La follia è una bara di cristallo
La Scampagnata D'Un Milione Di Anni
Molto dopo mezzanotte (Long After Midnight) (1975)
Molto dopo mezzanotte
Morte a Venice
Non ci vedremo più
Paese d'ottobre
Ritornati dalla polvere
Citazioni di Ray Bradbury:
Qualsiasi famiglia in cui un membro abbi...
Vivere nel rischio significa saltare da...
Fai doppia fatica a essere un agricoltor...
Ho imparato, nei miei viaggi, che se res...
Le stalattiti di ghiaccio si distaccavan...
Da per tutto, come una corrente viva, un...
C'era un gran silenzio nella notte fonda...
C'era come un odore di Tempo, Nell'aria...
La pioggia. Intatta, soave, piana, cadev...
Erano ingenui soltanto se conveniva esse...
Capite ora perché i libri sono odiati e...
Ho diciassette anni e sono pazza. Mio zi...
«Come si spiega», le disse una volta, pr...
Ci deve essere qualcosa di speciale nei...
La chiusura lampo ha spodestato i botton...
Riempi i loro crani di dati non combusti...
Ero bambino, quando mi morì il nonno, ch...
Ognuno deve lasciarsi qualche cosa dietr...
Noi non siamo che copertine di libri, il...
Montag guardò il fiume. Noi andremo sul...
I buoni scrittori toccano spesso la vita...
C'era un buffissimo uccello, chiamato Fe...
«...sapete cosa ho scoperto?» «Che cosa...
«Non sono i libri che vi mancano, ma alc...
Vivere nel rischio significa saltare da...
Fai doppia fatica a essere un agricoltor...
Ho imparato, nei miei viaggi, che se res...
Le stalattiti di ghiaccio si distaccavan...
Da per tutto, come una corrente viva, un...
C'era un gran silenzio nella notte fonda...
C'era come un odore di Tempo, Nell'aria...
La pioggia. Intatta, soave, piana, cadev...
Erano ingenui soltanto se conveniva esse...
È un bel lavoro, sapete. Il lunedì bruci...
Ritornò a fissare la parete. E come, la...
No, non era felice. Non era felice. Si r...
Dalla nursery all'Università e da...
«Più sport per ognuno, spirito di gruppo...
Non voleva sapere, per esempio, come...
Se non vuoi un uomo infelice per motivi...
Riempi loro i crani di dati non combusti...
«Compatisci, Montag, compatisci. Non inv...
Capite ora perché i libri sono odiati e...
Ho diciassette anni e sono pazza. Mio zi...
«Come si spiega», le disse una volta, pr...
Ci deve essere qualcosa di speciale nei...
Ebbene, non c'era forse come una parete...
A noi occorre non essere lasciati in pac...
Ecco perché un libro è un fucile carico,...
Il televisore è "reale", è immediato, ha...
La chiusura lampo ha spodestato i botton...
Ero bambino, quando mi morì il nonno, ch...
Ognuno deve lasciarsi qualche cosa dietr...
Noi non siamo che copertine di libri, il...
Montag guardò il fiume. Noi andremo sul...
I buoni scrittori toccano spesso la vita...
C'era un buffissimo uccello, chiamato Fe...
«...sapete cosa ho scoperto?»«Che co...
«Non sono i libri che vi mancano, ma alc...

Scrivi un commento







Libro | Scrittore | Citazione
Aiutaci! Clicca qui

Donazioni BitCoin:

Aiuta ALK Libri donando Bitcoin
Sì | No