Aiutaci. Grazie.

Inizio > Indice Recensioni > Scheda: Maurice o La capanna del pescatore di Mary Shelley

"Maurice o La capanna del pescatore" di Mary Shelley
Titolo:Maurice o La capanna del pescatore
Titolo originale:Maurice, or the Fisher's Cot
Autore:Mary Shelley
Editore:Arnoldo Mondadori Editore
Collana editoriale:Oscar Classici Mondadori
Tipologia del supporto:Cartaceo
Anno di pubblicazione:1820
Lingua:Italiano
Lingua originale dell'opera:Inglese
Genere:Racconto
Argomento:Narrativa per bambini
Traduttore:Cristina Dazzi
Codice ISBN:88-04-51646-1
Licenza:Copyright (Diritti riservati)
DRM:
Pubblicato il:2012-03-03
:

583 visualizzazioni

L'autrice
Mary Shelley nacque nel Regno Unito, a Londra, nel 1797. Morì a Londra, nel 1851.

Il suo nome originario è Mary Wollstonecraft Godwin.

Si è dedicata principalmente a queste aree: romanticismo, gotico-romantico.

"Maurice o La capanna del pescatore" (col titolo originale: Maurice, or the Fisher's Cot) è un racconto (tipologia: Narrativa per bambini) scritto da Mary Shelley, pubblicato originariamente in inglese nel 1820.

Questa edizione in italiano, nella traduzione di Cristina Dazzi, è edita da Arnoldo Mondadori Editore, all'interno della collana Oscar Classici Mondadori (ISBN: 88-04-51646-1).

Incipit del libro Maurice o La capanna del pescatore di Mary Shelley:

Una domenica pomeriggio di settembre, un viandante entrò nella città di Torquay, piccolo porto sulla costa meridionale del Devonshire. Era una bella giornata calda; le onde del mare luccicavano al sole, leggermente agitate dalla brezza. Le strade della città erano vuote perché gli abitanti, dopo essere stati in chiesa, stavano pranzando nell’intervallo fra le funzioni. Così il viaggiatore continuò a camminare per i vicoli fino al semicerchio di case che circondava il porto, e poi si fermò davanti a una locanda dall’aspetto pulito. Il viaggiatore era un uomo sui quarantacinque anni che si notava perché camminava a testa alta con un passo agile e svelto. Leggermente stempiato sulla fronte, aveva i capelli neri e ricci, ed era bello anche se scottato dal sole. Così gentile e allegro quando sorrideva che bastava vederlo per provare una forte simpatia. Per come era vestito e come si comportava sembrava un uomo povero che aveva conosciuto giorni migliori. Era pensieroso ma non sembrava oppresso dalla povertà; con abiti rozzi e coperti di polvere, viaggiava a piedi con la bisaccia sulle spalle.


[...]
I libri catalogati di Mary Shelley:
Frankenstein (1817)
Frankenstein o il moderno Prometeo
L'ultimo uomo
Matilda
Maurice o La capanna del pescatore (Maurice, or the Fisher's Cot) (1820)
Maurice o la capanna del pescatore
Metamorfosi (1830)
Metamorfosi
Citazioni di Mary Shelley:
Da dove, mi chiedevo spesso, deriva il p...
Gli antichi maestri di questa scienza pr...
Il mondo per me era un mistero da scopri...
Imparate dal mio esempio, se non dalle m...
Niente è più doloroso per la mente umana...
Poteva essere l'uomo a un tempo possente...
[NDR|Ultime parole] «Ma pr...
Ho ottenuto di conoscere il suo segreto,...
Non avevo idea che tanta infelicità pote...
Così, intorno ai lidi della terra desert...

Scrivi un commento







Libro | Scrittore | Citazione
Aiutaci! Clicca qui

Donazioni BitCoin:

Aiuta ALK Libri donando Bitcoin
Sì | No