Inizio > Indice Recensioni > Scheda: Le navi di Pavlov di Frederik Pohl

"Le navi di Pavlov" di Frederik Pohl
Titolo:Le navi di Pavlov
Titolo originale:Slave Ship
Titoli alternativi:L'insidia del Glotch
Autore:Frederik Pohl
Editore:Arnoldo Mondadori Editore
Collana editoriale:Classici Fantascienza
Tipologia del supporto:Cartaceo
Anno di pubblicazione:1956
Lingua:Italiano
Lingua originale dell'opera:Inglese
Genere:Romanzo
Argomento:Fantascienza
Traduttore:Mario Galli
Licenza:Copyright (Diritti riservati)
DRM:
Pubblicato il:2012-02-28
:

519 visualizzazioni

L'autore
Frederik Pohl è nato negli Stati Uniti d'America, a New York, nel 1919.

Il suo nome originale è Frederik George Pohl Jr..

Ecco i principali ambiti in cui Frederik Pohl si è impegnato: fantascienza.

Per sapere qualcosa di più su Frederik Pohl, potete consultare il sito web ufficiale dell'autore, disponibile a questa pagina:
http://www.frederikpohl.com/index.htm.

"Le navi di Pavlov" (col titolo originale: Slave Ship) è un romanzo (tipo: Fantascienza) scritto da Frederik Pohl, pubblicato originariamente nel 1956 in lingua inglese.

Il libro ha i seguenti titoli alternativi: "L'insidia del Glotch".

Questa versione in italiano, tradotta da Mario Galli, è pubblicata da Arnoldo Mondadori Editore, nella collana Classici Fantascienza.

Incipit del libro Le navi di Pavlov di Frederik Pohl:

1

Durante il volo da Montauk ci prendemmo un bello spavento per un missile-guidato. Poi si scoprì che era nostro. Venne avanti sibilando all'altezza della nostra linea di volo, chiaramente visibile attraverso i finestrini dell'apparecchio. Avreste potuto udire i centoquaranta passeggeri trattenere il fiato tutti insieme. Ma il radar IFF (Identificazione amici o nemici) ci riconobbe. Il missile cambiò rotta, e si allontanò a caccia di un Caodai... per quanto, da quel che ne sapevo, lì in giro non ce n'erano.
Atterrammo in orario. E mi trovai sulle coste della Florida. Cosa che non mi piaceva.
Non c'era nessun elicottero in attesa. Mi misi d'accordo con la ragazza di un chiosco, una semplice commessa alquanto carina, per usare il telefono, e chiamai il numero segnato sul mio foglio d'ordini. All'altro capo del filo qualcuno disse di ritenere, con tono decisamente scortese, che mi sarebbero venuti a prendere entro breve tempo. Mi feci consegnare i bagagli, e sedetti ad aspettare l'elicottero.
La sala d'aspetto era affollata, e l'attesa fu lunga. Ero stato sveglio tutta la notte. Mi avevano accompagnato a terra dal mio incrociatore in servizio di pattuglia, avevo aspettato l'aereo passeggeri a Montauk, e poi c'era stato il lungo viaggio. Cominciai a sonnecchiare.
Qualcuno mi scosse per un braccio.


[...]
I libri catalogati di Frederik Pohl:
Appuntamento con Gli Heechee
Assedio all'eternità
Dolce triste regina delle isole vaganti
Forse Domani
Frugate Il Cielo
Gladiatore in legge
Gli annali degli Heechee
Gli antimercanti dello spazio
I cantori del tempo
I mercanti dello spazio
I Mercanti di Venere
Il Lungo ritorno
Il marziano in soffitta
Il morbo di Mida
Il Ragazzo che Vivrà in Eterno
Il segreto dei Donovan
Il tunnel sotto il mondo
JEM La Costruzione Di Un'Utopia
L'Estate Dell'Ozono
L'invasione degli uguali
Citazioni di Frederik Pohl:
La globalizzazione ha risolto tutti i pr...
Beati i poveri, che saranno quelli che e...
L'abbondanza era diventata una droga cui...

Scrivi un commento







Libro | Scrittore | Citazione

Aiutaci!