Aiutaci. Grazie.

Inizio > Indice Recensioni > Recensione: Dalla parte dei bambini - Fare scuola dall'obbligo all'oblio di Grazia Honegger Fresco

"Dalla parte dei bambini - Fare scuola dall'obbligo all'oblio" di Grazia Honegger Fresco
Titolo:Dalla parte dei bambini - Fare scuola dall'obbligo all'oblio
Titolo originale:Dalla parte dei bambini - Fare scuola dall'obbligo all'oblio
Autore:Grazia Honegger Fresco
Editore:L'ancora del mediterraneo
Collana editoriale:Le gomene
Tipologia del supporto:Cartaceo
Anno di pubblicazione:2011
Pagine:151
Lingua:Italiano
Lingua originale dell'opera:Italiano
Genere:Saggio
Argomento:Pedagogia
Prezzo:15
Codice ISBN:978-88-8325-294-5
DRM:
Recensione di:Christian Michelini
Pubblicato il:2012-01-29
:

1253 visualizzazioni

L'autrice
Grazia Honegger Fresco è nata in Italia.

Si è dedicata principalmente a questi ambiti: pedagogia.

Questo saggio di Grazia Honegger Fresco parla della scuola e del sistema educativo, soffermandosi principalmente su quella italiano.

Questo saggio di Grazia Honegger Fresco parla della scuola e del sistema educativo, soffermandosi principalmente su quella italiano. L'autrice con quest'opera vuole indicare possibili cammini per migliorare quello che non funziona bene – o non funziona affatto – nelle nostre scuole. Infatti, propone varie migliorie al sistema pedagogico-scolastico, ispirandosi frequentemente a quanto già proposto da Maria Montessori e altri studiosi. Vengono così messi in luce i problemi legati al sistema dei voti, improntato ad una modalità repressiva di tipo punizione-premio; quelli relativi all'ordine che vige nelle classi, e all'incapacità principalmente dei bambini di darsi un ordine, stabilire mete e obiettivi, o anche semplicemente di raggiungere quel minimo di abilità essenziali connesse con la loro età, tra cui vestirsi, saper gestire il cibo, collaborare e interagire con i coetanei.
Il sistema scolastico in generale viene così analizzato seguendo un ottica di rinnovamento. L'autrice considera come prerequisito imprescindibile per una buona educazione, una vera conditio sine qua non, la collaborazione fra gli studenti, un clima reciprocamente assistenziale dove i professori rivestano un ruolo di guide, di assistenti pedagogici, non di sanzionatori, meri funzionari che comminano premi e punizioni, che dominano dall'alto della loro presunta sapienza le debolezze dei bambini, considerandoli sempre incapaci di decidere autonomamente i loro gusti, le loro predilezioni intellettuali, le loro aspirazioni.
La scuola così com'è attualmente viene vista come arcaica, ancora improntata alle riforme del periodo fascista, dove la preminenza conoscitiva veniva assegnata alle discipline umanistiche, e alle scienze veniva conferito uno status di abilità tecniche, utili, ma essenzialmente altro rispetto alla vera cultura. Anche contro questo modo di concepire l'educazione si schiera l'autrice, un sistema che per molti decenni ha allevato bambini poco propensi alle discipline scientifiche – certo sempre con brillanti eccezione, dovute comunque alle singole abilità personali.
Nonostante i molti consigli e le indicazioni particolareggiate sulle possibili strade da percorrere, il cammino verso un progresso del sistema scolastico sembra difficile da attuare e irto di difficoltà: non è solo una questione economica, non è solo colpa di professori e famiglie; è addirittura un problema culturale, proprio laddove la cultura dovrebbe essere l'obiettivo principale. Tutto ciò assume i toni del paradosso: un'antinomia vissuta ogni giorno in quasi ogni scuola da quasi tutti gli alunni.

PAGELLA
Scorrevolezza:7
Valore artistico:
Contenuti:8
Globale:7

Consigliato a:

Se vi è piaciuto questo volume potreste leggere altri libri di questa autrice, che ha approfondito il problema dell'istruzione in varie sue opere.
Fra i libri discorsivi che riguardano la questione dell'educazione, alcuni che mi sovvengono sono quelli di Daniel Pennac, per esempio “Come un romanzo” e “Signori bambini”, nonché “La pedagogia” di Immanuel Kant, che abbiamo anche disponibile in versione audiolibro.

Incipit del libro Dalla parte dei bambini - Fare scuola dall'obbligo all'oblio di Grazia Honegger Fresco:

Ho iniziato a occuparmi di bambini e di scuola nei primi anni Cinquanta, ai tempi in cui Calamandrei prendeva la difesa della scuola pubblica con parole ancora di tale attualità che chi ha seguito dal vivo la protesta dei genitori, degli studenti e degli insegnanti in questi ultimi anni, le ha potute leggere su improvvisati cartelli e in Rete, nei tanti siti che hanno sostenuto la battaglia a favore della scuola pubblica. Era allora finita da poco la guerra: poverissima di cose, l’Italia in macerie era straordinariamente ricca di speranza e di energie di rinnovamento.


[...]
I libri catalogati di Grazia Honegger Fresco:
Dalla parte dei bambini - Fare scuola dall'obbligo all'oblio (2011)
Citazioni di Grazia Honegger Fresco:
Quando parlo di scuola con i genitori sp...

Scrivi un commento







Libro | Scrittore | Citazione
Aiutaci! Clicca qui

Donazioni BitCoin:

Aiuta ALK Libri donando Bitcoin
Sì | No