Aiutaci. Grazie.

Inizio > Indice Recensioni > Scheda: Romeo e Giulietta di William Shakespeare

"Romeo e Giulietta" di William Shakespeare
Titolo:Romeo e Giulietta
Titolo originale:Romeo and Juliet
Autore:William Shakespeare
Editore:Garzanti
Tipologia del supporto:Cartaceo
Anno di pubblicazione:1595
Pagine:253
Lingua:Italiano
Lingua originale dell'opera:Inglese
Genere:Tragedia teatrale
DRM:
:

1156 visualizzazioni

L'autore
William Shakespeare è nato nel Regno Unito, a Stratford-upon-Avon, nel 1564. È morto a Stratford-upon-Avon, nel 1616.

"Romeo e Giulietta" (titolo originale: Romeo and Juliet) è un tragedia teatrale di William Shakespeare, pubblicato inizialmente nel 1595 in lingua inglese.

Questa edizione in italiano è stata pubblicata da Garzanti (253 pp.).

TRAMA

Nel prologo, il coro racconta agli spettatori come due nobili famiglie di Verona, i Montecchi e i Capuleti, si siano osteggiate per generazioni e che "dai fatali lombi di due nemici discende una coppia di amanti, nati sotto cattiva stella, il cui tragico suicidio porrà fine al conflitto".

Il primo atto comincia con una rissa di strada tra le servitù delle due famiglie, interrotta da Escalus, principe di Verona, il quale annuncia che, in caso di ulteriori scontri, i capi delle due famiglie saranno considerati responsabili e pagheranno con la vita. Quindi fa disperdere la folla. Paride, un giovane nobile, ha chiesto al Capuleti di dargli in moglie la figlia poco meno che quattordicenne, Giulietta. Capuleti lo invita ad attirarne l'attenzione durante il ballo in maschera del giorno seguente, mentre la madre di Giulietta cerca di convincerla ad accettare le offerte di Paride. Questa scena introduce la nutrice di Giulietta, l'elemento comico del dramma. Il rampollo sedicenne dei Montecchi, Romeo, è innamorato di Rosalina, una Capuleti (personaggio che non compare mai). Mercuzio (amico di Romeo e congiunto del Principe) e Benvolio (cugino di Romeo) cercano invano di distogliere Romeo dalla sua malinconia, quindi decidono di andare mascherati alla casa dei Capuleti, per divertirsi e cercare di dimenticare. Romeo, che spera di vedere Rosalina al ballo, incontra invece Giulietta.

I due ragazzi si scambiano poche parole, ma sufficienti a farli innamorare l'uno dell'altra e a spingerli a baciarsi. Prima che il ballo finisca, la Balia rivela a Giulietta il nome di Romeo. Rischiando la vita, Romeo si trattiene nel giardino dei Capuleti dopo la fine della festa. Durante la famosa scena del balcone, i due ragazzi si dichiarano il loro amore e decidono di sposarsi in segreto. Il giorno seguente, con l'aiuto della Balia, il francescano Frate Lorenzo unisce in matrimonio Romeo e Giulietta, sperando che la loro unione possa portare pace tra le rispettive famiglie.

Le cose precipitano quando Tebaldo, cugino di Giulietta e di temperamento iracondo, incontra Romeo e cerca di provocarlo a un duello. Romeo rifiuta di combattere contro colui che è ormai anche suo cugino, ma Mercuzio (ignaro di ciò) raccoglie la sfida. Tentando di separarli, Romeo inavvertitamente permette a Tebaldo di ferire Mercuzio, che muore augurando "la peste a tutt'e due le vostre famiglie". Romeo, nell'ira, uccide Tebaldo. Il Principe condanna Romeo solo all'esilio (perché Mercuzio era suo congiunto e Romeo l'ha solo vendicato): dovrà lasciare la città prima dell'alba del giorno seguente. I due sposi riescono a passare insieme un'unica notte d'amore. All'alba, svegliati dal canto dell'allodola, messaggera del mattino (che vorrebbero fosse il canto notturno dell'usignolo), si separano e Romeo fugge a Mantova.

Giulietta dovrebbe però sposarsi tre giorni dopo con Paride. Frate Lorenzo, esperto in erbe medicamentose, dà a Giulietta una pozione che la porterà a una morte apparente per quarantadue ore. Nel frattempo il frate manda un messaggero a informare Romeo affinché egli la possa raggiungere al suo risveglio e fuggire da Verona.

Sfortunatamente il messaggero del frate non riesce a raggiungere Romeo poiché Mantova è sotto quarantena per la peste, e Romeo viene a sapere da un suo amico della morte di Giulietta. Romeo disperato si procura un veleno (arsenico), torna a Verona in segreto e si inoltra nella cripta dei Capuleti, determinato ad unirsi a Giulietta nella morte.

Romeo, dopo aver ucciso in duello Paride, che era giunto anche lui nella cripta, e aver guardato teneramente Giulietta un'ultima volta, si avvelena pronunciando la famosa battuta "E così con un bacio io muoio" (Atto 5 scena III). Quando Giulietta si sveglia, trovando l'amante e Paride morti accanto a lei, si trafigge con il pugnale di Romeo.

Nella scena finale, le due famiglie e il Principe accorrono alla tomba, dove Frate Lorenzo gli rivela l'amore e il matrimonio segreto di Romeo e Giulietta. Le due famiglie, come anticipato nel prologo, sono riconciliate dal sangue dei loro figli e pongono fine alla loro guerra.

Incipit del libro Romeo e Giulietta di William Shakespeare:

Piazza pubblica

Compariscono SANSONE e GREGORIO armati di spada e scudo.

Sansone: No in fede mia, Gregorio! Non siam noi que' tali da lasciarsi mettere su le spalle il carbone.
Gregorio: No, perché in tal caso saremmo carbonai.
Sansone: Eh! voglio dire che se ci prende la stizza, facciamo presto a sguainare la lama.
Gregorio: Tu però, per il quieto vivere, tienti fuori delle occasioni.
Sansone: Io! meno botte allegramente, io, se mi fanno movere.
Gregorio: Il male è che non ti fanno movere allegramente a menar botte.
Sansone: Che cosa? un cane della casa dei Montecchi basta a farmi movere.
Gregorio: Moversi è moversi. Aver coraggio è star fermo dinanzi a questo cane. Il tuo moverti è scappar via.
Sansone: No, un cane della casa che ho nominata mi move a star fermo. Non cedo il muro a qualunque uomo o donna dei Montecchi.
Gregorio: Prova che sei un debole pagliaccio; sono i più deboli che si raccomandano al muro.


[...]
I libri catalogati di William Shakespeare:
Amleto (Hamlet) (1601)
Amleto
Antonio e Cleopatra (Antony and Cleopatra) (1606)
Antonio e Cleopatra
Cimbelino (Cymbeline) (1609)
Cimbelino
Come vi piace (As You Like It) (1599)
Coriolano (The Tragedy of Coriolanus) (1608)
Coriolano
Enrico IV - parte 1
Enrico IV - parte 2
Enrico IV, parte prima (King Henry the Fourth, First part) (1597)
Enrico IV, parte seconda (King Henry Fourth, Second part) (1598)
Enrico V (The Life of King Henry the Fifth) (1600)
Enrico VI (King Henry the Sixth)
Enrico VI-I (King Henry VI, Part I) (1588-1592)
Enrico VI-III (Henry VI, Part 3) (1588 - 1592)
Enrico VIII (The Life of King Henry the Eighth) (1612 - 1613)
Giulio Cesare (Julius Caesar) (1599)
Giulio Cesare
I Due Gentiluomini Di Verona
I Due Nobili Cugini
I sonetti (Sonnets) (1609)
I Sonetti
Il mercante di Venezia (The Merchant of Venice) (1596)
Il Mercante Di Venezia
Il racconto d'inverno
Il Ratto di Lucrezia (The Rape of Lucrece) (1594)
Il re Giovanni
La bisbetica domata (The taming of the shrew) (1594)
La Bisbetica Domata
La commedia degli errori
La dodicesima notte
La dodicesima notte ovvero quel che volete (Twelfth night: or, what you will) (1600)
La tempesta
Le allegre comari di Windsor (The Merry Wives of Windsor) (1599)
Le allegre comari di Windsor
Le commedie eufuistiche
Macbeth (1606)
Macbeth
Misura per misura
Molto rumore per nulla (Much ado about nothing) (1598)
Molto rumore per nulla
Otello (The tragedy of Othello, the moor of Venice) (1604)
Otello
Pene D'Amor Perdute (Love's Labour's Lost) (1593-1596 circa)
Pericle, il principe di Tiro
Pericle, principe di Tiro (Pericles, Prince of Tyre) (1608)
Pericle, principe di Tiro
Re Giovanni (The Life and Death of King John) (1590-1597)
Re Lear (The tragedy of King Lear) (1605)
Re Lear
Riccardo II
Riccardo III
Romeo e Giulietta (Romeo and Juliet) (1595)
Romeo E Giulietta
Sogno di una notte di mezza estate (A Midsummer night's dream) (1595)
Sogno di una notte di mezza estate
Timone d'Atene
Timone Di Atene
Tito Andronico (Titus Andronicus) (1593)
Tito Andronico
Troilo e Cressida
Troilo e Cressidra
Tutto è bene quel che finisce bene
Tutto E' Bene Quel Che Finisce Bene
Venere e Adone (Venus and Adonis) (1592-1593)
Citazioni di William Shakespeare:
(pag. 39) Albany: Non posso dire fin do...
(pag. 40) Buffone: Zio, se tu fossi sta...
(pag. 57-58) Buffone (cantando): Chi...
(pag. 59) Lear: Tu credi gran cosa ques...
(pag. 66) Edgardo: Quando vediamo uomin...
(pag. 28) Iago: Che eresia! Sono sette...
(pag. 38) Iago: [...] La chiarezza non...
(pag. 53) Iago: Perdonatemi, mio buon s...
(pag. 97) Nutrice: Ditemi, di grazia, s...
(pag. 101) Nutrice: È fidato il vostro...
(pag. 137-139) Leonato: [...] Fratello,...
Cordelia: «Il mio amore è più ricco dell...
Kent: «Non è vuoto il cuore di coloro la...
Matto: «La verità è un cane da chiudere...
Matto: «La ragione per cui le sette stel...
Lear: «Il non essere pessimo è un titolo...
Edgar: «Il peggio non è ancora arrivato...
Edgar: «A noi spetta gravarci del peso d...
E irridevano alla morte ossa sparpagliat...
Puoi parlare tu dei sentimenti che non p...
Il resto è silenzio....
Cos’è Ecuba per me e io per Ecuba?...
Non essere egoista, poiché sei troppo be...
La tua fine è di Verità e Bellezza termi...
Dar via te stesso ti conserva ancor te s...
Le più dolci cose coi loro atti diventan...
Basta, non più: ora non è più soave come...
Better be with the dead than on the tort...
I’ll join with black despair against my...
Il saggio sa di essere stupido, è lo stu...
Addio, bella crudeltà. (da La Dodices...
Chi muore senza portar nella tomba una p...
E la verginità, la vostra buona vecchia...
Eretico sarà chi accenda il rogo, non gi...
Gli uomini chiudono la propria porta con...
I clamori avvelenati di una donna gelosa...
L'afflizione potrebbe anche sorridere un...
La bellezza da sola persuadeGli occ...
La follia, mio signore, come il sole se...
Nascondi ciò che sonoE aiutami a...
Giulia: Perché di Proteo solo non...
Piacere e vendetta sono più sordi delle...
Se ho fatto una sola cosa buona nella mi...
Se soltanto avessi servito il mio Dio co...
La Fortuna sa far entrar in porto anche...
O prigionia, sii molto benvenuta! Tu sei...
Dormendo non si sente il mal di denti. (...
Che peccato che ai matti non sia permess...
La bellezza tenta i ladri più dell'oro....
Tutto il mondo è un teatro e tutti gli u...
Non sai che sono donna? Quando penso, de...
Al mondo gli uomini son sempre morti e s...
[NDR|Amare] È esser tutto...
Preferirei dover rimettermi a curare le...
Preferirei farmi grattare la testa al so...
Piuttosto che fare il buffone a questo m...
Ah, per me, dico, datemi la guerra! È me...
Oh, mia diletta, questo lungo bacio, lun...
Il Coriolano non ha avuto fortuna...
Più fortunato fu il dramma sulle scene i...
Secondo alcuni critici, il Coriolano...
Perfino i critici favorevoli hanno trova...
Critici come Derek Traversi hanno fatto...
È fino al sepolcro di Cristo che noi and...
L'Inglese è nato per cacciar l'infedele...
Non sarà mai detto ch'io mi sia dannato...
Il sangue e il coraggio s'infiammano di...
L'idea di un gran fatto varca sempre i l...
Quando la celia è tanto spinta, e massim...
Non v'è che frode in uno scellerato; ma...
Capisco i tuoi baci e tu i miei (Mortime...
Signore, Signore, quanto siamo soggetti...
Signori, il tempo della vita è breve....
C'è un'incapacità nell'uomo, innata, a s...
Falstaff è il carattere più comico che a...
Falstaff è un tristo, ma il più gradito...
Il contrasto di due giovani eroi, il pri...
Nella seconda parte dell'Enrico IV, Shak...
La gloria è simile a un cerchio nell'acq...
Non vi è corazza più forte di un cuore i...
Per prima cosa, ammazziamo tutti gli avv...
Ma dimmi: non hai mai sentito dire...
E dunque, poi che m'ha voluto il ciel...
Che amore può ispirareun essere...
Il diavolo non si fa scrupolo, pei suoi...
Io considero il mondo per quello che è:...
Se fare fosse facile quanto sapere ciò c...
Ma amore è cieco, e gli amanti non vedon...
Non ha occhi un ebreo? Non ha mani, orga...
Oh, fortunati strazi quando chi mi tortu...
Aspetta un momento, c'è qualcos'altro. Q...
Il carattere della compassione è di non...
Nulla v'è di così insensibile, brutale o...
Possiamo chiudere con il passato, ma il...
Come arrivano lontano i raggi di quella...
Buon amico, non hai ancora ragione di di...
Ah! Quante volte ci eccita al delitto la...
Chiunque permette alla propria lingua di...
Il cittadino crucciato fa alleanza col n...
Oh, sintomi vani e incannatori! I mali,...
Il re Giovanni è il prologo, come...
Gli avvenimenti politici militari sono p...
La tenera vittima di una sfrenata ambizi...
Per il grande desiderio che avevo di ved...
C'è poco da scegliere frammezzo alle mel...
La mia [NDR|biblioteca] er...
La sventura ti può dare le compagnie di...
L'uomo morendo salda tutti i debiti. (St...
Siamo fatti anche noi della materia di c...
È più facile avere una mentalità difensi...
Il bello è brutto, il brutto è bello. (l...
Lo spietato Macdonwald(che sembr...
Una bella giornata così brutta non l'ave...
L'orrore del realeè nulla contro l'...
Prendi l'aspetto del fiore innocente, ma...
Il più vicino per sangue, il più pronto...
Nulla si è ottenuto, tutto è sprecato, q...
Ciò che l'uomo osa, io oso....
Oh Cielo misericordioso: uomo, non calca...
Gli angeli sono sempre rilucenti anche s...
Scompari, macchia maledetta! Scompari, d...
Mi batterò, finché dalle mie ossa non si...
Sarebbe dovuta morire prima o poi....
Vivi per essere la meraviglia e l'ammira...
Venite spiriti che presiedete i pensieri...
Il male: ma se questo male fosse del tut...
Nel Macbeth, il bene appare solo...
Ah, è cosa eccellente possedere la forza...
Ma l'uomo, l'uomo orgoglioso, ammantato...
Perché la verità è la verità, sempre la...
C'era una stella che danzava e sotto que...
Chi ha la barba è più che un giovane, e...
Il silenzio è l'araldo più perfetto dell...
Eh, sì, tutti son buoni a farsi forti al...
Non c'è mai stato un filosofo che potess...
Mia invece, mia ti ho amata, mia lodata,...
E crepi la tua idea di volerti annegare!...
Il Moro è franco e leale e giudica onest...
Quando non c'è più rimedio è inutile add...
Gli uomini dovrebbero essere quello che...
Oh, guardatevi dalla gelosia, mio signor...
Emilia: Oh, ma chi ha potuto farv...
Otello: Domandate di grazia a que...
È tutta colpa della Luna, quando si avvi...
[NDR|Ultime parole avvicinandosi a...
Nella tragedia di Otello, il male...
Il pensiero della morte è come uno specc...
Pochi amano sentir parlare dei peccati c...
La malinconia dagli oscuri occhi, triste...
Più bella è l'apparenza e peggiore l'ing...
Ai miei occhi sembra un diamante tra pez...
Vedo così che il tempo è il vero tiranno...
O dèi! Perché prima ci date il cielo e p...
È strano come la nostra natura sia tanto...
Tutto il mondo è una perpetua tempesta i...
Una donna disonesta non è una donna. (...
Quello la sua malattia se l'è portata ad...
E perché poi dovrei io acconciarmi a que...
Qui sta la stoltezza della gente: quando...
Tu, "Z", figlia illegittima, tu lettera...
Il principe delle tenebre è un gentiluom...
Finché possiamo dire: "quest'è il peggio...
Noi siamo per gli dèi quello che son le...
I vizi capitali s'appalesano bene a tutt...
Rideremo delle farfalle dorate. (Lear: a...
Nel Re Lear, il tempestoso dramma...
Un odio infinito per la malvagità ingann...
Più il cristallo del firmamento è terso,...
Il diamante prezioso, racchiuso con diec...
Quella che noi appelliamo pazienza nelle...
Il dolore allorché è profondo e vero è u...
Non siamo nati per supplicare, ma per co...
La sventura fa di un'ora un giorno. (at...
Tutti i luoghi, che l'occhio del Cielo v...
Nessuna virtù può eguagliare il bisogno....
La vanità, insaziato cormorano, consumat...
Voi potete spogliarmi dei miei titoli, d...
Shakespeare ne dipinge nel Riccardo II u...
La serie degli avvenimenti politici, che...
Oltre ai significati storico-politici, l...
La vostra bellezza fu causa di quest'eff...
Non insegnare alle tue labbra tale dispr...
Anna: Sei tu che ignori, infame,...
Vesto così la mia nuda perfidiacon...
Un cavallo! Un cavallo!Il mio regno...
L'amore può dar forma e dignità a cose b...
Ahimè, da quanto ho potuto leggere o udi...
Io fuggirò da te, mi nasconderò nella se...
Le più feroci non hanno un cuore come il...
Ciò che il tuo occhio al risveglio ve...
Non c'è occhio d'uomo che abbia mai sent...
Pazzo, amante, poeta: tutti e tre sono c...
Può ben dire la sua un leone, quando a d...
La tua virtù mi rassicura: non è mai not...
La quintessenza di tutte queste commedie...
Finché l'uomo avrà occhi, avrà respir...
Ancor mi dolgo di doglie già chiuse...
Più gli occhi serro e più i miei occh...
E cosi, coll'imagine tua o coll'amor tuo...
Le [[Rosa (fiore)|rose]] canine hanno...
Se voi leggete questi versi, non rico...
In me quel tempo dell'anno tu scorgi...
E ogni altra angoscia che ora par mor...
e più che il rovo appesta il giglio s...
Alle nozze sincere di due animei...
Ragazzo bello, che del tempo reggi...
Sciupio vitale in scempio di vergogna...
Di morte mangerai, che mangia gli uom...
I Sonetti di Shakespeare sono più che no...
A chi e a che cosa pensava Guglielmo Sha...
Ciò che Shakespeare non poté essere prat...
Dopo Omero nessun poeta, per mio giudici...
La mia anima si rifugia sempre nel Vecch...
Leggere Shakespearequesto è il v...
Qualcuno ci sorveglia mentre scriviamo....
Qualunque cosa dica, so che Shakespeare...
Quando, ad esempio, sento le espressioni...
Shakespeare mi faceva dimenticar Sofocle...
Shakespeare non è mai esistito. Tutte le...
Un barbaro che non era privo d'ingegno....

Scrivi un commento







Libro | Scrittore | Citazione
Aiutaci! Clicca qui

Donazioni BitCoin:

Aiuta ALK Libri donando Bitcoin
Sì | No