Inizio > Indice Recensioni > Scheda: I Promessi Sposi di Alessandro Manzoni

"I Promessi Sposi" di Alessandro Manzoni
Titolo:I Promessi Sposi
Titolo originale:I Promessi Sposi
Autore:Alessandro Manzoni
Editore:Gremese
Tipologia del supporto:Cartaceo
Anno di pubblicazione:1842
Pagine:605
Lingua:Italiano
Lingua originale dell'opera:Italiano
Genere:Romanzo
Prezzo:3900
DRM:
Pubblicato il:2011-09-03
:

1002 visualizzazioni

L'autore
Alessandro Manzoni nacque in Italia, a Milano, nel 1785. È morto a Milano, nel 1873.

Originariamente, il suo nome era Alessandro Francesco Tommaso Manzoni.

"I Promessi Sposi" è un romanzo scritto da Alessandro Manzoni che è stato pubblicato nel 1842 in italiano.

Questa edizione in italiano è edita da Gremese (605 pagine, prezzo 3900 ).


Copertina dell'edizione Gremese.
Incipit del libro I Promessi Sposi di Alessandro Manzoni:

====''Fermo e Lucia''====Quel ramo del [[lago di Como]] d'onde esce l'Adda e che giace fra due catene non interrotte di monti da settentrione a mezzogiorno, dopo aver formati varj seni e per così dire piccioli golfi d'ineguale grandezza, si viene tutto ad un tratto a ristringere; ivi il fluttuamento delle onde si cangia in un corso diretto e continuato di modo che dalla riva si può per dir così segnare il punto dove il lago divien fiume. Il ponte che in quel luogo congiunge le due rive, rende ancor più sensibile all'occhio questa trasformazione: perché gli argini perpendicolari che lo fiancheggiano non lasciano venir le onde a battere sulla riva ma le avviano rapide sotto gli archi; e presso quegli argini uno può quasi sentire il doppio e diverso romore dell'acqua, la quale qui viene a rompersi in piccioli cavalloni sull'arena, e a pochi passi tagliata dalle pile di macigno scorre sotto gli archi con uno strepito per così dire fluviale. ([[s:Fermo e Lucia/Tomo Primo/Cap I#Incipit|Incipit]])


[...]
Explicit: I Promessi Sposi di Alessandro Manzoni:

Il bello era a sentirlo raccontare le sue avventure: e finiva sempre col dire le gran cose che ci aveva imparate, per governarsi meglio in avvenire. – Ho imparato, – diceva, – a non mettermi ne' tumulti: ho imparato a non predicare in piazza: ho imparato a guardare con chi parlo: ho imparato a non alzar troppo il gomito: ho imparato a non tenere in mano il martello delle porte, quando c'è lì d'intorno gente che ha la testa calda: ho imparato a non attaccarmi un campanello al piede, prima d'aver pensato quel che possa nascere –. E cent'altre cose.


[...]
I libri catalogati di Alessandro Manzoni:
Adelchi
Del Romanzo Storico
Del romanzo storico e, in genere, de i componimenti misti di storia e d'invenzione
Del trionfo della libertà
Fermo e Lucia
I Promessi Sposi (1842)
I Promessi Sposi (1842)
I promessi sposi
Il Cinque Maggio
Il Conte di Carmagnola
Il nome di Maria
In morte di Carlo Imbonati
Inni Sacri
Osservazioni sulla morale cattolica
Per una prima comunione
Poesie giovanili
Storia della colonna infame (1840)
Storia della colonna infame
Tutte Le Poesie
Citazioni di Alessandro Manzoni:
Al passar della falce che pareggia tutte...
La vita è il paragone delle parole....
Il meglio, troppe volte, s’attraversa al...
Come un forte inebriatoIl Signor...
Doni con volto amico,Con quel ta...
Dormi, o Celeste; i popoliChi na...
Gola e vanità, due passioni che crescono...
Il pittore di ritratti è come lo scrivan...
Il principio, di necessità tanto più ind...
Il raziocinio è un lume che uno può acce...

Scrivi un commento







Libro | Scrittore | Citazione

Aiutaci!