Inizio > Indice Recensioni > Recensione: Le avventure di Gordon Pym di Edgar Allan Poe

"Le avventure di Gordon Pym" di Edgar Allan Poe
Titolo:Le avventure di Gordon Pym
Titolo originale:The Narrative of Arthur Gordon Pym of Nantucket
Titoli alternativi:Storia di Arthur Gordon Pym
Autore:Edgar Allan Poe
Editore:Club degli Editori
Tipologia del supporto:Cartaceo
Anno di pubblicazione:1837
Pagine:277
Lingua:Italiano
Lingua originale dell'opera:Inglese
Genere:Romanzo
Argomento:Horror psicologico
DRM:
Recensione di:Christian Michelini
Pubblicato il:2011-08-12
:

1572 visualizzazioni

L'autore
Edgar Allan Poe nacque negli Stati Uniti d'America, a Boston, nel 1809. È morto a Baltimora, nel 1849.

Nella sua carriera, Edgar Allan Poe ha usato anche questi soprannomi: Edgard Poë, Edgardo Poë, Edgardo Poe.

Ecco le principali aree in cui Edgar Allan Poe si è impegnato: poliziesco, giallo, horror.

Il mare sconosciuto, un terrore ignoto, una terra inumana: questo e molto altro nel romanzo di Edgar Allan Poe.

In questo magnifico romanzo incompiuto Edgar Allan Poe riesce a trasfondere tutto il senso dell'orrore e della paura di fronte all'ignoto, alle catastrofi, ai mondi e alle genti sconosciute, e a quel mare che, fonte di misteri, può salvare e uccidere allo stesso tempo le persone.
È la storia questa di un viaggio ai confini del mondo conosciuto, verso un Antartide misterioso e ignoto, un viaggio che però si tramuta subito in incubo, per le avverse condizioni climatiche, per il naufragio della nave che, non solo è una tragedia a se stante, ma riesce anche a rievocare ancestrali paure umane, come l'antropofagia. L'incontro con i selvaggi che abitano queste terre diviene ben presto una lotta tra la civiltà e la barbarie, un'acerrima battaglia per la sopravvivenza.
La parte finale dell'opera è quella che mi ha maggiormente affascinato: pur essendo incompiuta, il senso di spaesamento e di paura viscerale e arcaica che riesce a infondere è veramente impagabile.
Edgar Allan Poe è celebre per i racconti del terrore, ma anche in questo romanzo, sua unica produzione di una certa corposità, riesce a stupire il lettore per la sua atmosfera e per gli spettri dell'ignoto che riesce a creare. Nelle descrizioni, nelle immagini, nelle situazioni: in tutti questi momenti letterari il presente volume riesce gradevolmente ad eccellere e a colorare l'immaginazione di chi legge. Ed è un merito grandissimo per un'opera avventurosa come questa.

PAGELLA
Scorrevolezza:9
Valore artistico:7.5
Contenuti:8
Globale:8.5

Consigliato a:

Consiglio questo volume a tutti gli appassionati di buoni romanzi d'avventura: non lasciatevi spaventare dal fatto che sia un romanzo incompiuto, perché già così è fin troppo denso :-)
Se vi è piaciuta quest'opera, non posso fare altro che consigliarvi di leggere i racconti di Edgar Allan Poe, ad esempio nella raccolta edita da Einaudi (eccovi il link al volume primo e secondo). Altra lettura molto bella è quella della poesia "The Raven" (Il corvo).
Se volete leggere romanzi di avventura ma non orrorifici, vi consiglio "L'isola del tesoro" di Robert Louis Stevenson e "Le avventure di Tom Sawyer" e "Le avventure di Huckleberry Finn" di Mark Twain.

Opere contenute

Le avventure di Gordon Pym
The narrative of Arthur Gordon Pym of Nantucket
1837

Lo scarabeo d'oro
The gold-bug
1843

Manoscritto trovato in una bottiglia
Ms. found in a bottle (titolo originale alternativo: Manuscript found in a bottle)
1833

Incipit del libro Le avventure di Gordon Pym di Edgar Allan Poe:

INTRODUZIONE

Tornato negli Stati Uniti alcuni mesi or sono, dopo un'incredibile serie di avventure nei mari del Sud e altrove, di cui viene fornito un resoconto nelle pagine che seguono, feci per caso la conoscenza di alcuni gentiluomini di Richmond, in Virginia, i quali mostrarono grande interesse per tutto ciò che riguardava le regioni da me visitate e insistettero per convincermi, quasi si trattasse di un passo doveroso, a rendere pubblico il mio racconto. Vi erano tuttavia vari motivi per rifiutare, e tra questi alcuni assolutamente privati, che riguardavano me soltanto, e altri che non lo erano affatto. Poiché non avevo quasi mai tenuto un diario durante la mia assenza, a frenarmi contribuiva anche il timore di non riuscire a scrivere, affidandomi semplicemente alla memoria, un resoconto così dettagliato e compatto da possedere l'apparenza di quella verità di cui comunque sarebbe stato l'espressione; escluse, naturalmente, certe esagerazioni naturali e inevitabili, alle quali chiunque indulge quando si tratta di descrivere eventi che hanno il potere di eccitare l'immaginazione. Un altro motivo consisteva nel fatto che gli avvenimenti da raccontare erano di natura così assolutamente irreale da rendere inaccettabili le mie asserzioni (suffragate soltanto dalla testimonianza di un unico individuo, e per di più un mezzosangue indiano), e dunque non potevo sperare che nella fiducia della mia famiglia e di quegli amici che nel corso della loro esistenza avevano avuto modo di prestare fede al mio amore per la verità; il vasto pubblico avrebbe probabilmente considerato le mie affermazioni come favole impudenti e ingegnose. Una delle cause principali che mi impedivano comunque di accettare i suggerimenti dei miei consiglieri era la mancanza di fiducia che io stesso provavo verso le mie capacità di scrittore.
Tra i gentiluomini della Virginia che mostrarono grande interesse per le mie osservazioni, e più precisamente per le parti del racconto che riguardavano l'Oceano Antartico, vi era un certo signor Poe, fino a poco tempo addietro direttore del «Southern Literary Messenger», mensile pubblicato nella città di Richmond dal signor Thomas W. White. Costui mi consigliò calorosamente, tra l'altro, di preparare subito un resoconto completo di quanto avevo visto e sofferto, e di affidarmi alla sagacia e al buon senso dei lettori, insistendo, cosa del tutto plausibile, che per quanto rozza potesse risultare la stesura del testo, la sua stessa ineleganza, sempre che di ciò si trattasse, avrebbe aumentato le possibilità che venisse accolto come vero.


[...]
Audiolibri di:Edgar Allan Poe
Poesie
Raccolta di poesie
Audiolibro che raccoglie poesie di Edgar Allan Poe, nella traduzione di Ernesto Ragazzoni.
Nuovi racconti straordinari
Audiolibro della raccolta di racconti "Nuovi racconti straordinari" di Edgar Allan Poe.
I libri catalogati di Edgar Allan Poe:
Berenice
Bon-Bon
Celebrità
Colloquio fra Monos e Una
Dialogo di Eiros e Charmion
Eleonora
Hans Phaall
Hop-Frog
I delitti della Rue Morgue
I racconti di Edgar Allan Poe Volume primo 1831-1840
I racconti di Edgar Allan Poe Volume secondo 1841-1843
Il barile d'Amontillado
Il Corvo
Il crollo della Casa Usher
Il cuore rivelatore
Il diavolo nella torre
Il duca De l'Omelette
Il gatto nero
Il mistero di Maria Rogêt
Il pozzo e il pendolo
Citazioni di Edgar Allan Poe:
Dopo la discesa negli abissi più orripil...
Devi sentire che tremo....
Io morirò, io devo morire di questa pazz...
Coloro che sognano ad occhi aperti conos...
Come regola generale, nessuno scrittore...
È veramente da mettere in dubbio che l'i...
Essere sepolti vivi è senza dubbio, il p...
I veri, i soli veri pensatori, gli uomin...
L'ignoranza è una benedizione, ma perché...
Le più alte facoltà della riflessione so...

Scrivi un commento







Libro | Scrittore | Citazione

Aiutaci!