Inizio > Indice Recensioni > Scheda: Elogio dell'Ozio di Robert Louis Stevenson

"Elogio dell'Ozio" di Robert Louis Stevenson
Titolo:Elogio dell'Ozio
Autore:Robert Louis Stevenson
Tipologia del supporto:Digitale
Lingua:Italiano
Genere:Non definito
DRM:Non definito
Pubblicato il:2013-03-23
:

619 visualizzazioni

L'autore
Robert Louis Stevenson è nato in Scozia, ad Edimburgo, nel 1850. È morto a Vailima, nel 1894.

In origine, il suo nome era Robert Louis Balfour Stevenson.

Ecco i principali ambiti in cui Robert Louis Stevenson si è impegnato: romanzi d'avventura, narrativa per ragazzi.

Per sapere qualcosa di più su Robert Louis Stevenson, potete consultare il sito web ufficiale dell'autore, disponibile a questa pagina:
http://www.robert-louis-stevenson.org.

"Elogio dell'Ozio" è un libro scritto da Robert Louis Stevenson.

Questa edizione in italiano è stata stampata da un editore non definito.

Incipit del libro Elogio dell'Ozio di Robert Louis Stevenson:




Elogio dell’Ozio




“…cominciai a scrivere queste pagine con uno
scopo ben definito: dovevo essere l’Advocatus, non,
spero, del Diavolo, ma della Gioventù. Volevo sostenere, con moderazione, le opinioni dei giovani oppo-ste a quelle degli adulti; esplorare tutto il campo in
cui si fronteggiano, e infine produrre un volumetto di
particolari prove a difesa che potrei intitolare, senza
timore di sbagliare, vita a venticinque anni”.

Nella prefazione alla raccolta Virginibus Puerisque, di cui il seguente saggio fa parte, R. L. Stevenson
sembra attenuare la provocazione contenuta nelle
sue pubblicazioni di qualche anno prima. Ma An Apology for Idlers(*), l’appassionata difesa di una
vita libera e spontanea, contro ogni imposizione di
dogmi o di comportamenti, esprimeva le più profonde
convinzioni dello scrittore.

A distanza di anni, infatti, Stevenson confermava
energicamente: “viaggiare da uomini consapevoli
attraverso le età della vita significa gettare il cuore
aldilà dell’educazione liberale. ”

(*) Pubblicato per la prima volta in Cornhill Magazine, luglio 1877.

“Boswell: ci si annoia a starcene qui in ozio.

Johnson: ciò accade, signore, perché gli allri
stanno lavorando, ci manca la compagnia.

Se tutti stessimo in ozio, nessuno si annoierebbe:
ci divertiremmo tutti a vicenda. ”

Di questi tempi ognuno di noi è obbligato, sotto pena di una condanna in contumacia per lesa rispet-tabilità, a dedicarsi a qualche professione remunerativa; e a dedicarcisi con un atteggiamento quasi simile all’entusiasmo. Una voce del partito opposto, di coloro che si accontentano del necessario e preferiscono guardarsi in giro e spassarsela, sa un po’ di provocazione e di guasconata. Eppure non dovrebbe essere così. Il cosiddetto ozio - che non è affatto il non fare nulla, ma piuttosto il fare una quantità di cose non riconosciute dai dogmatici regolamenti della classe dominante - ha lo stesso diritto dell’operosità di sostenere la propria posizione.

Robert Louis Stevenson

Elogio dell’ozio

E’ assodato che l’esistenza di gente che si rifiuta di poco di titoli e bilanci, i letterati disprezzano gli partecipare alla grande corsa a handicap per qualche illetterati, e tutti coloro che hanno una professione si monetina, rappresenta un insulto e un disinganno alleano nello svilire chi non ne ha una.

per chi invece vi partecipa. Un bravo ragazzo, come Questa è una delle difficoltà dell’argomento, ma se ne vedono tanti, prende la sua decisione, opta per non la peggiore. Non puoi essere messo in galera per le monetine e, come dicono enfaticamente in Ameri-aver parlato contro


[...]
I libri catalogati di Robert Louis Stevenson:
Elogio dell'Ozio
I Weir Di Hermiston
Il club dei suicidi (The New Arabian Nights: The Suicide Club) (1878)
Il Club dei Suicidi
Il diavolo della bottiglia
Il ragazzo rapito (Kidnapped) (1886)
Il Ragazzo Rapito
Janet la Storta
L'isola del tesoro (Treasure Island) (1883)
L'Isola Del Tesoro
La freccia nera
Lo strano caso del dottor Jekyll e del signor Hyde
Lo strano caso del Dr. Jekyll e del Sig. Hyde (The Strange Case of Dr. Jekyll and Mr. Hyde) (1885)
Rapito (Kidnapped) (1886)
Strano Caso Del Dottor Jekyll E Del Signor Hyde
Virginibus puerisque
Weir di Hermiston (Weir of Hermiston) (1896)
Citazioni di Robert Louis Stevenson:
Esiste una specie di morti viventi, di g...
Essere ciò che siamo, diventare ciò che...
Il primo dovere di un uomo è parlare; è...
In fin dei conti i luoghi comuni sono le...
La politica è forse l'unica professione...
...nell'ottobre del 18..., tutta Londra...
Odio il cinismo più del diavolo; a meno...
Ognuno vive vendendo qualcosa....
Per ogni cosa ci sono due parole, una ch...
E ora concludiamo. Volete essere saggio?...

Scrivi un commento







Libro | Scrittore | Citazione

Aiutaci!