Inizio > Indice Recensioni > Recensione: Visioni bengalesi di Rabindranath Tagore

"Visioni bengalesi" di Rabindranath Tagore
Titolo:Visioni bengalesi
Autore:Rabindranath Tagore
Editore:Fratelli Melita Editori
Tipologia del supporto:Cartaceo
Anno di pubblicazione:1992
Pagine:191
Lingua:Italiano
Lingua originale dell'opera:Hindi
Genere:Raccolta di epistole
Prezzo :12000
Codice ISBN:88-403-7280-6
Licenza:Copyright (Diritti riservati)
DRM:
Recensione di:Christian Michelini
Pubblicato il:2011-09-11
:

1328 visualizzazioni

L'autore
Rabindranath Tagore nacque in India, a Calcutta, nel 1861. È morto a Santiniketan, nel 1941.

Originariamente, il suo nome era রবীন্দ্রনাথ ঠাকুর, रवीन्द्रनाथ ठाकुर. Ecco alcuni soprannomi che Rabindranath Tagore ha usato: Gurudev, Rabíndranáth Thákhur.

I principali ambiti in cui Rabindranath Tagore si è impegnato sono: filosofia, drammaturgia, narrativa.

Questo libro raccoglie numerose lettere (ed estratti da lettere) indirizzate dallo scrittore Rabindranath Tagore ai suoi amici.

Questo libro raccoglie numerose lettere (ed estratti da lettere) indirizzate dallo scrittore Rabindranath Tagore ai suoi amici. La natura necessariamente frammentaria di questa raccolta ci presenta un intellettuale giovane ed esuberante, che prende posizione su alcune questioni in modo appassionato.
L'autore descrive spesso paesaggi e bozzetti di vita della sua terra, l'India. Scene di vita quotidiana si alternano a scene di sofferenza (o insofferenza) quotidiana. L'autore parla dei suoi viaggi sul fiume, delle visite ai villaggi, della natura, dei suoi incontri con personalità locali, delle sue idee, dei suoi desideri e aspirazioni.
L'aria di giovinezza si respira in molti brani, che talvolta appaiono anche idealisti, o finanche acerbi nel presentare le idee.
Complessivamente, questo volume è indicato per trascorrere qualche ora serena, lontano dalla frenesia del nostro mondo. Come altre opere di scrittori indiani o che si ispirano alle filosofie indiane, la calma (che diviene a volte imperturbabilità, quasi l'atarassia dei filosofi greci) è un tratto distintivo sia della prosa che dei contenuti.

PAGELLA
Scorrevolezza:8
Valore artistico:7
Contenuti:7
Globale:7

Consigliato a:

Se avete apprezzato questo volume vi consiglio ovviamente di leggere altre opere di Rabindranath Tagore. Hermann Hesse, premio Nobel per la letteratura nonché un autore nato in Germania, un paese molto diverso dall'India, ha saputo assimilare nelle sue opere il modo di pensare e narrare tipico di autori indiani. Di lui potreste leggere "Dall'India - Annotazioni, diari, poesie, considerazioni e racconti" (un volume affine a quello che stiamo recensendo), "Siddharta", "Il lupo della steppa", "Demian", "Il piacere dell'ozio", "Pellegrinaggio d'autunno", "Knulp - Klein e Wagner - L'ultima estate di Klingsor", "Sull'anima".

I libri catalogati di Rabindranath Tagore:
Gitanjali
I misteri del Bengala. Storie e racconti di fantasmi
Il Giardiniere
Il giardiniere - Uccelli migranti (1986)
Il nido dell'amore
La luna crescente
Novelle preziose (1992)
Visioni bengalesi (1992)
Citazioni di Rabindranath Tagore:
Sono uscito solo sulla mia strada Verso...
Là dove la Natura è sempre nascosta, sot...
Ignoro se l'ideale socialista d'una più...
Per qualche tempo sono stato colpito dal...
Guardandoti negli occhiricordo s...
L'onda non riesce a prendereil f...
La castità è una ricchezza che viene da...
I bambini s'incontrano con grida e danze...
Il dolore è transitorio, mentre l'oblio...
L'artista è l'amante della Natura, perci...

Scrivi un commento







Libro | Scrittore | Citazione

Aiutaci!