Inizio > Indice Recensioni > Recensione: Il poeta con la chitarra di Daniele Cavagna

"Il poeta con la chitarra" di Daniele Cavagna
Titolo:Il poeta con la chitarra
Titolo originale:Il poeta con la chitarra
Autore:Daniele Cavagna
Editore:I fiori di campo
Tipologia del supporto:Cartaceo
Anno di pubblicazione:2006
Pagine:126
Lingua:Italiano
Lingua originale dell'opera:Italiano
Genere:Romanzo
Argomento:Riflessioni sulla tragedia dei bambini soldato in Africa
Licenza:Copyright (Diritti riservati)
DRM:
Recensione di:Denise Mereu
Pubblicato il:0143-00-00
:

793 visualizzazioni

L'autore
Daniele Cavagna è nato in Italia.

Trovate maggiori informazioni sul sito ufficiale di Daniele Cavagna, a questa pagina:
http://www.danielecavagna.com.

Il protagonista di questa storia si chiama Romeo, un uomo unico nel suo genere, senza radici, sempre in movimento, pronto a dedicare la sua vita ad un lavoro altamente gratificante, trascorsa ad aiutare le persone realmente bisognose.

"Romeo era un poeta e la sua poesia rimaneva anche quando lui non c'era. Non poteva scorrere via come l'acqua di un fiume. Si radicava nelle persone che l'avevano ascoltato con quella sua chitarra. Era una specie di creatura mitologica, mezzo uomo e mezzo chitarra. Una specie sconosciuta di centauro. Mezzo uomo e mezzo poesia... la sua musica narrava la verità che molti uomini cercano per una vita intera".

"L'Africa. La prima volta sono rimasto impressionato dalla differenza fra la notte e il giorno. Il caldo, il sole che picchia sulla testa, lo sguardo che si perde tremolante nel calore che sale dal pavimento ruvido delle pianure, i versi degli animali in lontananza, il profumo della terra che cuoce sotto i raggi roventi... di sera tutto questo si trasforma in un soffio di magia. Il calore diventa accogliente tepore, lo sguardo che si offusca per il caldo, ora, si perde nelle luci soffuse dei fuochi e delle stelle, gli animali feroci fanno sentire più forte le loro voci, la terra rilascia essenze acidule e intense di una storia senza fine alle spalle. Tutto quello che ci circonda in questo momento è una poesia scritta da Dio".

"Vorrei sentirmi veramente a casa in qualsiasi luogo. Adoro l'idea della libertà, di poter prendere una nave, attraccare dopo due mesi in chissà quale angolo della terra, scendere e sentire l'aria di casa, sentirmi padrone di me stesso. In fondo siamo come delle enormi chiocciole che si portano appresso il loro rifugio per potersene servire in ogni momento".



Oggi vi presentiamo un libro di Daniele Cavagna, un giovane autore che ho conosciuto grazie all'opera "Il poeta con la chitarra"; una storia ambientata in un piccolo villaggio africano, uno dei tanti, in cui la mancanza di acqua potabile, la fame, le malattie, decretano la sorte dei più piccoli.
Il protagonista di questa storia si chiama Romeo, un uomo unico nel suo genere, senza radici, sempre in movimento, pronto a dedicare la sua vita ad un lavoro altamente gratificante, trascorsa ad aiutare le persone realmente bisognose. Il suono di quella chitarra, sua fedele compagna di vita, rappresenta la sua stessa anima, nelle persone che hanno l'occasione di conoscerlo rimarrà sempre un bellissimo ricordo. Grazie al suo lavoro gira continuamente l'Africa, si occupa della supervisione dei lavori, della costruzione di pozzi d'acqua, scuole, ospedali. Il suo aiuto è fondamentale per le popolazioni, soprattutto l'aiuto psicologico che occorre per superare i traumi delle guerre civili e i conflitti fra gli stati. Quando si pensa a Romeo, e si immagina impegnato in chissà quali luoghi remoti, in quali nuove avventure, ecco la sorpresa, quando meno te lo aspetti arriva l'immensa emozione di un nuovo incontro.
In ogni occasione è difficile nascondere l'ammirazione per questo amico, del resto Romeo ama mettersi spesso in gioco, sorprendendo tutti con il suo altruismo. Le persone che decidono di partire per l'Africa sono quelle che spesso, più di altre, dimostrano il coraggio di cambiare la propria vita e tagliare i ponti col passato e con una vita molto spesso agiata. Ci si innamora di questa meravigliosa terra, qualcosa di magico spinge a trasferirsi lì proprio per ritrovarsi, scoprire nuove emozioni che forse si credevano perse. Romeo non riesce a stare nello stesso posto, così, spesso, sparisce senza dare spiegazioni, spinto sempre da una buona causa e pronto ad una nuova esperienza, come quando decide di andare a combattere in Uganda, contro la dittatura.
L'Africa è tanto bella, quanto terribili sono le situazioni di alcuni stati. I bambini sono le vere vittime, spesso costrette a diventare adulti così in fretta da non conoscere l'infanzia. I ribelli li addestrano per combattere, mentre le bambine vengono usate come schiave per i passatempi dei soldati nelle foreste.
La missione di Romeo è proprio quella di riuscire a liberare i bambini soldato, ostaggi dei ribelli, che per la loro libertà chiedono un riscatto. La realtà dei bambini soldato è ancora poco conosciuta, ecco perché vi consiglio di leggere questo libro, che vi spingerà sicuramente ad approfondire l'argomento. Si tratta di un'esperienza che non può non cambiare la vita. Difficile trovare una scusa e rifiutare quando si ha la possibilità di cambiare realmente le cose, non si può che provare invidia per chi ha il potere di migliorare la vita del prossimo.

Sito dell'autore: http://www.danielecavagna.com

PAGELLA
Scorrevolezza:7
Valore artistico:8
Contenuti:8
Globale:8
I libri catalogati di Daniele Cavagna:
Il poeta con la chitarra (2006)
Citazioni di Daniele Cavagna:
Romeo era un poeta e la sua poesia riman...
L'Africa. La prima volta sono rimasto im...
Vorrei sentirmi veramente a casa in qual...

Scrivi un commento







Libro | Scrittore | Citazione

Aiutaci!