Inizio > Indice Recensioni > Recensione: Ritratti a memoria di Bertrand Russell

"Ritratti a memoria" di Bertrand Russell
Titolo:Ritratti a memoria
Titolo originale:Portraits from Memories and other Essays
Autore:Bertrand Russell
Editore:Longanesi & C.
Tipologia del supporto:Cartaceo
Anno di pubblicazione:1956
Pagine:292
Lingua:Italiano
Lingua originale dell'opera:Inglese
Genere:Raccolta di saggi
Prezzo :500
Licenza:Copyright (Diritti riservati)
DRM:
Recensione di:Christian Michelini
Pubblicato il:0141-00-00
:

1695 visualizzazioni

L'autore
Bertrand Russell è nato in Galles, a Trellech, nel 1872. È morto a Penrhyndeudraeth, nel 1970.

In origine, il suo nome era Bertrand Arthur William Russell.

Il grande filosofo e matematico Bertrand Russell parla della sua vita, dei suoi pensieri e dei celebri personaggi che ha conosciuto.

Questa è una raccolta di saggi, articoli e interventi in conferenze del grande filosofo e matematico Bertrand Russell. L'autore, ormai anziano ai tempi della stesura di questi brani, ci parla di alcuni personaggi, celebri e non, che ha conosciuto nella sua vita, partendo dai tempi in cui era ancora allievo all'università. Tra i personaggi famosi si annoverano Ludwig Wittgenstein, Joseph Conrad, Herbert George Wells, David Herbert Lawrence, George Bernard Shaw. Fra quelli meno famosi molti professori universitari, alcuni strambi, altri animati da un profondo amore per la conoscenza.
Il libro poi procede con alcuni articoli, che ripercorrono ricordi di infanzia (come quelli legati all'importante figura del nonno di Russell, celebre politico), alcune decisioni importanti per la vita del filosofo, e numerose prese di posizione rispetto alla realtà del suo tempo (come il pacifismo ragionato che lo indusse ad opporsi alla Prima Guerra Mondiale, che lo obbligò al carcere). A volte però Russell assume la dimensione di osservatore distaccato che analizza i cambiamenti del suo tempo e dello spirito del tempo, che potremmo definire con una parola tedesca zeitgeist. Dalla sua infanzia e giovinezza, in cui gli ideali di progresso continuo e miglioramenti incessanti della vita degli uomini e della società, fino alla cieca paura di un olocausto nucleare, determinato dalla Guerra Fredda tra le superpotenze, il passo è lunghissimo, ma purtroppo ben reale.
Russell si rammarica di come parole come libertà siano state travisate e diventato bagaglio della più turpe politica reazionaria (sono infatti parole usate in misura maggiore dai partiti nazista e fascista, oltre che quelli successivi reazionari). In questo spera che la distopia illustrata in "1984" di George Orwell non abbia mai a realizzarsi, e per avvalorare questa speranza indica possibili strade che devono intraprendere i politici e gli uomini assennati per evitare un'ecatombe planetaria. Gli ultimi scritti illustrano con lucidità queste posizioni.
La chiarezza espositiva di Russell è sempre encomiabile: ci mostra con logica sempre precisa e puntuale cosa intende parlando di moralità, problema ontologico, dimostrazioni scientifiche, futuro dell'umanità, arte della scrittura, ricerca della felicità.

PAGELLA
Scorrevolezza:8
Valore artistico:8
Contenuti:8
Globale:8

Consigliato a:

Consiglio questo libro a tutti, perché la coerenza e genialità di questo grande autore possono sempre essere un faro per le menti più recettive.
Vi consiglio di leggere altre opere di Bertrand Russell, come "La conquista della felicità" o "Pensieri". Tra i vari intellettuali e filosofi di cui parla Russell in questo volume, vi sono anche Epicuro e Cartesio: vi suggerisco allora di leggere "Lettera sulla Felicità (a Meneceo)" di Epicuro (potete trovarne anche l'audiolibro a questa pagina) e il "Discorso sul metodo" di Renato Cartesio (anche questo abbiamo in audiolibro).
Altro autore che vi potrebbe interessare è Erasmo da Rotterdam: potete leggere il suo "Elogio della follia" (o ascoltarlo in audiolibro).

Pagina delle citazioni da quest'opera di Bertrand Russell.

I libri catalogati di Bertrand Russell:
Bertrand Russell dice la sua
I fondamenti della geometria
I principi della matematica
Introduzione alla filosofia matematica
L'analisi della mente
La conquista della felicità (The Conquest of Happiness) (1930)
La visione scientifica del mondo
Matrimonio e morale
Misticismo e Logica
Pensieri (The Quotable Bertrand Russell) (1993)
Perché non sono cristiano (Why I Am not a Christian) (1957)
Perchè non sono Cristiano
Ritratti a memoria (Portraits from Memories and other Essays) (1956)
Storia della filosofia occidentale
Storia della filosofia Occidentale Vol. 1
Storia della filosofia Occidentale Vol. 2
Storia della filosofia Occidentale Vol. 3
Citazioni di Bertrand Russell:
Uno dei mali della nostra epoca consiste...
Uno dei sintomi dell'arrivo di un esauri...
Se io sostenessi che tra la Terra e Mart...
Sarei disposto ad aver meno piaceri, se...
Siamo portati a pensare che, per effettu...
Sarei propenso a dire che è fanatico chi...
A me sembra che tutti, con pochissime ec...
Gli uomini si abituano a tutto con una s...
L'uomo che ottiene facilmente le cose pe...
A tutti i giovani d'ingegno che perdono...

Scrivi un commento







Libro | Scrittore | Citazione

Aiutaci!