Inizio > Indice Recensioni > Recensione: L'arte del romanzo di Milan Kundera

"L'arte del romanzo" di Milan Kundera
Titolo:L'arte del romanzo
Titolo originale:L'art du roman
Autore:Milan Kundera
Editore:Adelphi
Tipologia del supporto:Cartaceo
Anno di pubblicazione:1986
Pagine:228
Lingua:Italiano
Lingua originale dell'opera:Francese
Genere:Saggio
Argomento:Scrittura
Licenza:Copyright (Diritti riservati)
DRM:
Recensione di:Valentina Nuccio
Pubblicato il:0123-00-00
:

1579 visualizzazioni

L'autore
Milan Kundera è nato in Francia, a Brno, nel 1929.

Il paese originario di Milan Kundera è la Repubblica Ceca.

Sette saggi per approfondire il concetto di romanzo.

Sette saggi per approfondire il concetto di romanzo. Ecco le variazioni del tema sviscerate dallo scrittore boemo che, attraverso gli scritti dei grandi romanzieri quali Miguel de Cervantes e Franz Kafka, Denis Diderot e Robert Musil, Lev Nikolaevič Tolstoj e Hermann Broch, Witold Gombrowicz e Gustave Flaubert, Laurence Sterne e François Rabelais, arriva a delineare i suoi pensieri in merito appunto al romanzo considerato come arte ed essenza di vita. Citazione degna di esame è sicuramente quella di “Anna Karenina” di Lev Nikolaevič Tolstoj, dove concetti come amore e agire subiscono una metamorfosi e si travestono di filosofia. Questo saggio profuma di misticismo: caratteristica la visione del testo scritto come filo di continuità che unisce passato e futuro e ancor più interessante, l’analisi della “trinità romanzesca”. Kundera osserva al microscopio Franz Kafka, Marcel Proust e James Joyce; esamina i tre modi di scrivere e percepire la realtà, li scompone dall’interno e ne fa emergere un punto di partenza comune: la vita interiore dell’uomo. Da qui si dipartono tre linee di scrittura oltre che di pensiero, che convergono nella sintesi del personaggio kunderiano: un soggetto sperimentale che coniuga le poche informazioni a disposizione del lettore e il desiderio, da parte dell’autore, di spronare l’immaginazione al fine di completare il carattere del personaggio. A completare l’opera, Milan Kundera compone il suo glossario: sessantacinque parole che esulano la loro etimologia classica per assumere il significato che egli stesso attribuisce nei suoi romanzi.

PAGELLA
Scorrevolezza:7
Valore artistico:8
Contenuti:9
Globale:8

Consigliato a:

Questo romanzo è consigliato a persone poliedriche, che aspirano ad una lettura particolare del romanzo: frammentato e rivisitato, scomposto e riassettato da una mano tanto superba quanto geniale.

I libri catalogati di Milan Kundera:
Amori ridicoli
Il libro del riso e dell'oblio
Il Valzer degli addii
Jacques e il suo padrone, omaggio a Denis Diderot in 3 atti
L'arte del romanzo (L'art du roman) (1986)
L'Arte del romanzo
L'identità
L'ignoranza
L'immortalità
L'insostenibile leggerezza dell'essere
La festa dell'insignificanza
La Lentezza
La vita è altrove
Lo scherzo (Żert)
Citazioni di Milan Kundera:
Il mondo è giunto all’orlo di un confin...
Perché quell'edificio poggia sull'unico...
Consideriamo quindi il critico come uno...
Fino a qualche tempo fa i conservatori e...
Il romanziere insegna alla gente a cogli...
Un romanzo che non scopra un segmento di...
L'invasione russa del 1968 ha spazzato v...
Bellezza: l'impoeticità del giusto mezzo...
L'erotismo è come il ballo: c'è sempre u...
L'umorismo può esistere solo là dove la...

Scrivi un commento







Libro | Scrittore | Citazione

Aiutaci!