Aiutaci. Grazie.

Inizio > Indice Recensioni > Recensione: Ebano di Ryszard Kapuściński

"Ebano" di Ryszard Kapuściński
Titolo:Ebano
Titolo originale:Heban
Autore:Ryszard Kapuściński
Editore:Giangiacomo Feltrinelli Editore
Tipologia del supporto:Cartaceo
Anno di pubblicazione:1998
Pagine:277
Lingua:Italiano
Lingua originale dell'opera:Polacco
Genere:Romanzo autobiografico
Licenza:Copyright (Diritti riservati)
DRM:
Recensione di:Valentina Nuccio
Pubblicato il:0120-00-00
:

1510 visualizzazioni

L'autore
Ryszard Kapuściński è nato in Polonia, a Pinsk, nel 1932. È morto a Varsavia, nel 2007.

Nella sua carriera, Ryszard Kapuściński ha usato anche questi soprannomi: Ryszard Kapuscinski.

Questo romanzo è un viaggio nel continente africano attraverso gli occhi attenti del suo autore.

Questo romanzo è un viaggio nel continente africano: attraverso gli occhi attenti di Ryszard Kapuściński possiamo guardare approfonditamente una realtà lontana, ricca di superstizioni, lotte continue per la sopravvivenza, concezioni temporali opposte a quelle occidentali, stili di vita antitetici. Leggendo “Ebano” ci si sente ricchi. Ci si sente fortunati. Esiste un divario sconvolgente tra LORO e NOI, causato da anni di lotte civili, migliaia di morti e ferite profonde secoli. Ma l’Africa di Kapuściński non è solo sofferenza: è l’incessante ricerca perpetua di ombra e di cibo, è paura di ammalarsi di malaria, è vivere insieme a scarafaggi e insetti di ogni genere, è gioia nel vedere le danze tipiche dei luoghi che incontra lungo il suo reportage. Un universo costellato da lucine che nelle sere fredde africane, illuminano il percorso del viaggiatore spaurito. Kapuściński affronta anche le tematiche politiche, i colpi di stato e le rivolte dei guerriglieri in Ruanda e in Eritrea. Commovente il rapporto di amore e fratellanza che vige nelle comunità dei villaggi e l’armonia dei clan. In “Ebano” si riscontra un modo inquieto di vivere, in continuo movimento, fatto di gerarchie rigide e antiche credenze. Ma lo scrittore focalizza la sua attenzione sulla liquidità del continente: l’Africa affonda le sua vita nell’ombra e nell’acqua. “L’acqua è tutto. Il deserto ti insegnerà una verità: esiste qualcosa che un uomo può desiderare e amare più di una donna. L’acqua.”

PAGELLA
Scorrevolezza:9
Valore artistico:8
Contenuti:9
Globale:9

Consigliato a:

Questo romanzo è consigliato a chi vuole conoscere ed addentrarsi in un mondo che esula dai luoghi turistici per comprendere al meglio, la vita africana ricca di cultura e tradizioni.

Incipit del libro Ebano di Ryszard Kapuściński:

La prima cosa che colpisce è la luce. Luce dappertutto, forte, intensa. Sole dappertutto. Solo ieri, la Londra autunnale, inondata di pioggia. L'aereo lucido di pioggia. Il vento freddo, l'oscurità. Qui, di primo mattino, l'aeroporto inondato di sole e noi tutti immersi nel sole.In passato, quando gli uomini giravano il mondo a piedi, a cavallo o per nave, il viaggio dava loro il tempo di abituarsi al cambiamento. Le immagini della terra scorrevano con lentezza, la scena del mondo si spostava un po' alla volta. Un viaggio durava settimane, mesi. L'uomo aveva il tempo di abituarsi al nuovo ambiente, al nuovo paesaggio. Anche il clima mutava gradualmente, a tappe successive. Prima di raggiungere la fornace equatoriale, il viaggiatore proveniente dalla gelida Europa aveva già attraversato il grato tepore di Las Palmas, la canicola di El-Mahara e l'inferno di Capo Verde.


[...]
I libri catalogati di Ryszard Kapuściński:
Autoritratto di un reporter (Autoportret reportera) (2006)
Ebano (Heban) (1998)
Ebano
Imperium (1994)
Citazioni di Ryszard Kapuściński:
Quando si raggiunge una crisi? Quando so...
Il nostro mondo, in apparenza globale, i...
La storia è spesso il risultato di una m...
Il dramma delle culture, infatti – compr...

Scrivi un commento







Libro | Scrittore | Citazione
Aiutaci! Clicca qui

Donazioni BitCoin:

Aiuta ALK Libri donando Bitcoin
Sì | No