Inizio > Indice Recensioni > Recensione: Cecenia. Il disonore russo di Anna Stepanovna Politkovskaja

"Cecenia. Il disonore russo" di Anna Stepanovna Politkovskaja
Titolo:Cecenia. Il disonore russo
Autore:Anna Stepanovna Politkovskaja
Editore:Fandango
Tipologia del supporto:Cartaceo
Anno di pubblicazione:2003
Pagine:192
Lingua:Italiano
Lingua originale dell'opera:Russo
Genere:Reportage
Licenza:Copyright (Diritti riservati)
DRM:
Recensione di:Valentina Nuccio
Pubblicato il:0108-00-00
:

1032 visualizzazioni

L'autrice
Anna Stepanovna Politkovskaja nacque nella Federazione Russa, a New York, nel 1958. Morì a Mosca, nel 2006.

Il suo nome originale è А́нна Степа́новна Политко́вская.

Anna Politkovskaja era una giornalista russa della Novaja Gazeta. È stata uccisa il 7 ottobre 2006 perché era attivamente impegnata nella salvaguardia dei diritti del popolo ceceno.

Anna Politkovskaja era una giornalista russa della Novaja Gazeta. È stata uccisa il 7 ottobre 2006 perché era attivamente impegnata nella salvaguardia dei diritti del popolo ceceno. È stata lì più di 40 volte e questo libro è la sintesi delle terribili vicende che questa terra si trovava e si trova tuttora a vivere. Omicidi subdoli, gente deportata, donne incinte violentate e bruciate, bambini ammazzati brutalmente: ecco cosa Anna scrive in “Cecenia. Il disonore russo”. Il reportage è una dura accusa a Vladimir Putin, Capo della Federazione russa, e ai militari russi che compiono scempi sotto gli occhi velati della comunità internazionale. È dalla parte della popolazione Anna, lei russa che sfida i potenti del suo Paese per vivere tra il fango e il sangue, in condizioni igieniche inesistenti, con i crampi allo stomaco per la fame e in continuo pericolo di vita. Particolare il capitolo in cui racconta dell’assalto, nel 2002, al teatro Dubrovka di Mosca in cui persero la vita 129 persone tenute in ostaggio da 41 sequestratori ceceni, morti anche loro, che rivendicavano l’indipendenza della Cecenia dalla Madre Russia. Raccoglie lo strazio delle famiglie di chi a casa non è più tornato, donne e uomini che spariscono, inghiottiti dalle percosse e dalle violenze. Anna accusa la sua patria di soprusi e trattamenti disumani e degradanti che lacerano la persona e la riducono ad un essere spaventato e senza futuro.

PAGELLA
Scorrevolezza:9
Valore artistico:9
Contenuti:9
Globale:9

Consigliato a:

Consigliato a chi non sa cos’è lo scempio della Cecenia e vuole capire o semplicemente documentarsi per non dimenticare.

I libri catalogati di Anna Stepanovna Politkovskaja:
Cecenia. Il disonore russo (2003)
Citazioni di Anna Stepanovna Politkovskaja:
Bisogna essere disposti a sopportare mol...
Certe volte, le persone pagano con la vi...
I giornalisti non sfidano l'ordin...
Impedire a una persona che fa il suo lav...
Io vedo tutto. Questo è il mio problema....
L'unico dovere di un giornalista è scriv...
Niente potrà togliermi il senso di colpa...
Sono una reietta. È questo il risultato...
Prima che Anna Politkovskaja venisse amm...

Scrivi un commento







Libro | Scrittore | Citazione

Aiutaci!