Inizio > Indice Recensioni > Scheda: Arcipelago Gulag (Parte 1 e 2) di Aleksandr Isaevič Solženicyn

"Arcipelago Gulag (Parte 1 e 2)" di Aleksandr Isaevič Solženicyn
Titolo:Arcipelago Gulag (Parte 1 e 2)
Titolo originale:Архипела́г ГУЛА́Г
Autore:Aleksandr Isaevič Solženicyn
Editore:Arnoldo Mondadori Editore
Tipologia del supporto:Cartaceo
Anno di pubblicazione:1973
Pagine:607
Lingua:Italiano
Lingua originale dell'opera:Russo
Genere:Saggio storico
Prezzo :3000
Licenza:Copyright (Diritti riservati)
DRM:
Pubblicato il:0089-00-00
:

1494 visualizzazioni

L'autore
Aleksandr Isaevič Solženicyn è nato nella Federazione Russa, a Kislovodsk, nel 1918. Morì a Mosca, nel 2008.

Il suo nome originale è Алекса́ндр Иса́евич Солжени́цын. Aleksandr Isaevič Solženicyn è conosciuto anche con i seguenti soprannomi: Aleksandr Isaevič Solženitsyn, Aleksandr Isaevich Solzhenitsyn.

"Arcipelago Gulag (Parte 1 e 2)" (col titolo originale: Архипела́г ГУЛА́Г) è un saggio storico scritto da Aleksandr Isaevič Solženicyn che è stato inizialmente pubblicato nel 1973 in lingua russo.

Questa versione in italiano è stata stampata da Arnoldo Mondadori Editore (607 pagine, prezzo 3000 ).

PAGELLA
Scorrevolezza:9
Valore artistico:8
Contenuti:8
Globale:8
Incipit del libro Arcipelago Gulag (Parte 1 e 2) di Aleksandr Isaevič Solženicyn:

A cuore stretto mi ero astenuto per anni dal pubblicare questo libro, già pronto: il dovere verso chi era ancora vivo prendeva il sopravvento su quello verso i morti.
Ma oggi che la Sicurezza dello Stato ha comunque in mano l'opera, non mi rimane altro che pubblicarla immediatamente.

A. Solgenlcyn.
settembre 1973.


In questo libro non vi sono personaggi né fatti inventati.
Uomini e luoghi sono chiamati con il loro nome.
Se sono indicati con le sole iniziali, è per considerazioni personali.
Se non sono nominati affatto, è perché la memoria umana non ne ha conservato i nomi: ma tutto fu esattamente così.
L'anno millenovecentoquarantanove ci capitò sotto gli occhi, a me e alcuni amici, una curiosa nota nella rivista Natura dell'Accademia delle Scienze.
Vi si diceva, in minuti caratteri, che in riva al fiume Kolyma, (1) durante gli scavi, era stato trovato uno strato sotterraneo di ghiaccio, antico torrente gelato, e racchiusi in esso esemplari pure congelati di fauna fossile (di qualche decina di millenni fa).
Fossero pesci o tritoni si erano conservati tanto freschi, comunicava il dotto corrispondente, che i presenti, spaccato il ghiaccio, li mangiarono sul posto, VOLENTIERI.
Probabilmente i pochi lettori della rivista si saranno meravigliati quanto lungamente il pesce può conservarsi nel ghiaccio.
Ma ben pochi avranno capito il significato vero, titanico, dell'incauta nota.
Noi lo capimmo subito.


[...]
I libri catalogati di Aleksandr Isaevič Solženicyn:
Arcipelago Gulag
Arcipelago Gulag (Parte 1 e 2) (Архипела́г ГУЛА́Г) (1973)
Il primo cerchio
Padiglione cancro
Un giorno nella vita di Ivan Denisovič
Vivere senza menzogna (1974)
Citazioni di Aleksandr Isaevič Solženicyn:
Vlasov capitò nella cella 61. Era previ...
[...] una dozzina di vermi non può roder...
Il «progresso» non deve più essere consi...
LA CRESCITA ECONOMICA NON SOLO NON È NEC...
L'odierna vita cittadina, alla quale è c...
Un uomo che è costretto a scassare con i...
Alla fine della mia vita posso sperare c...
Bisogna saper migliorare con pazienza qu...
C'è una parola che si usa molto oggi: "a...
Gli uomini hanno finito per convincersi,...

Scrivi un commento







Libro | Scrittore | Citazione

Aiutaci!