Aiutaci. Grazie.

Inizio > Indice Recensioni > Recensione: Ti prendo e ti porto via di Niccolò Ammaniti

"Ti prendo e ti porto via" di Niccolò Ammaniti
Titolo:Ti prendo e ti porto via
Titolo originale:Ti prendo e ti porto via
Autore:Niccolò Ammaniti
Editore:Arnoldo Mondadori Editore
Tipologia del supporto:Cartaceo
Anno di pubblicazione:1999
Pagine:459
Lingua:Italiano
Lingua originale dell'opera:Italiano
Genere:Romanzo
Licenza:Copyright (Diritti riservati)
DRM:
Recensione di:Joana Ramos
Pubblicato il:0072-00-00
:

2336 visualizzazioni

L'autore
Niccolò Ammaniti è nato in Italia, a Roma, nel 1966.

Per avere maggiori informazioni su Niccolò Ammaniti, potete consultare il sito web ufficiale dell'autore, disponibile a questa pagina:
http://www.niccoloammaniti.it/.

Ischiano Scalo, un paesino sperduto tra Lazio e Toscana: qui nasce Pietro Maroni, il personaggio di questo romanzo.

Ischiano Scalo, un paesino sperduto tra Lazio e Toscana: qui nasce Pietro Maroni, il personaggio di questo romanzo.
Nella storia tutto si svolge intorno a Pietro e agli abitanti di Schiano Scalo, tutti hanno un legame con il protagonista: la famiglia problematica di Pietro; la sua scuola, con i problemi dei ragazzi che non sono seguiti dai genitori e con un preside di carattere debole; la sua amata Gloria e le loro avventure (un amore ingenuo ma intenso alla loro tenera età); la professoressa Palmieri, una donna affascinante ma sola che attira l'attenzione degli abitanti; il grande Biglia con la sua vita da sballo nella riviera romagnola, le sue fantastiche storie d'amore e i suoi viaggi in Giamaica, che provocano l'invidia dei suoi amici d'infanzia.
Il romanzo narra le vicende di ognuno di questi personaggi che circondano Pietro, descritte in maniera molto accurata ma senza lungaggini descrittive che possono stancare, lasciando al lettore conoscere un po di più di ogni uno di loro, per poi, con sorpresa, confluire nella storia del vero protagonista, Pietro.
Niccolò Ammaniti ha usato un linguaggio scorrevole, questa è una lettura intrigante e appassionante che può appassionare anche le persone che non amano leggere.

Incipit del libro Ti prendo e ti porto via di Niccolò Ammaniti:

È finita.
Vacanze. Vacanze. Vacanze.
Per tre mesi. Come dire sempre.
La spiaggia. I bagni. Le gite in bicicletta con Gloria. E i fiumiciattoli di acqua calda e salmastra, tra le canne, immerso fino alle ginocchia, alla ricerca di avannotti, girini, tritoni e larve d'insetti.
Pietro Moroni appoggia la bici contro il muro e si guarda in giro.
Ha dodici anni compiuti, ma sembra più piccolo della sua età.
È magro. Abbronzato. Una bolla di zanzara in fronte. I capelli neri, tagliati corti, alla meno peggio, da sua madre. Un naso all'insù e due occhi, grandi, color nocciola. Indossa una maglietta bianca dei mondiali di calcio, un paio di pantaloncini jeans sfrangiati e i sandali di gomma trasparente, quelli che fanno la pappetta nera tra le dita.


[...]
I libri catalogati di Niccolò Ammaniti:
Branchie
Che la festa cominci (2009)
Che La Festa Cominci
Come Dio comanda
Il libro italiano dei morti
Io E Te
Io non ho paura
L'ultimo capodanno dell'umanità
Ti prendo e ti porto via (1999)
Ti prendo e ti porto via
Citazioni di Niccolò Ammaniti:
Ho bisogno di un riassunto....
Bisogna scrivere sotto la pelle. Bisogna...
[NDR|Su [[Romanzo criminale - L...
Io ho un problema con gli eroi in genera...
Mentre nella vita di tutti i giorni quel...
Ho difficoltà a scindere quello che pens...
Un libro e un film non sono la stessa co...
Shining di Kubrick è un film ecce...
Bisognerebbe avere più sceneggiatori, ch...
Mi hanno colpito i film di alcuni giovan...
Non mi interessa invece quel cinema che...
Nel cinema italiano manca la follia, anc...
Ho amato molto i Marvel e in particolare...
Non è il mezzo attraverso cui passano le...
I videogiochi sono il mio sogno, solo ch...
[NDR|Wolverine degli X-Men]...
Il mondo è fatto per la gente come te. I...
Non parlare di libertà. Tutti sono bravi...
Dio si accanisce sui più deboli. Tu sei...
Solo chi ha paura muore facendo stronzat...
Piantala con questi mostri, Michele. I m...
Da piccolo sognavo sempre i mostri. E an...
Che stavo facendo? Ogni pedalata era un...
«Giuralo sulla mia testa». «Te lo...
Una Uno turbo GTI nera (vestigia di un'e...
Mi sento come un albatros portato dalle...
Almeno una volta alla settimana bisogna...
Dentro, da qualche parte nel basso ventr...
Ha capito subito perché lo aveva fatto....
Per Max, provarci era uguale a un tuffo...
Nella vita le cose passano sempre, come...
Non bisogna credere a quelli che ti dico...
E la cosa tremenda è che più lei è stron...
La loro amicizia si era adattata alla si...
Quelle che tu chiami figure di merda son...

Scrivi un commento







Libro | Scrittore | Citazione

Aiutaci!
Donazioni BitCoin:
132vG2BSxxG5FLGWpVRe8t9FsW2iiCSNqg
Aiuta ALK Libri donando Bitcoin

Sì | No