Aiutaci. Grazie.

Inizio > Indice Recensioni > Recensione: Cronaca di una morte annunciata di Gabriel García Márquez

"Cronaca di una morte annunciata" di Gabriel García Márquez
Titolo:Cronaca di una morte annunciata
Titolo originale:Cronica de una muerte anunciada
Autore:Gabriel García Márquez
Editore:Arnoldo Mondadori Editore
Tipologia del supporto:Cartaceo
Anno di pubblicazione:1981
Pagine:119
Lingua:Italiano
Lingua originale dell'opera:Spagnolo
Genere:Romanzo
Licenza:Copyright (Diritti riservati)
DRM:
Recensione di:Christian Michelini
Prima pagina vocale: Ascolta la prima pagina vocale
:

1529 visualizzazioni

L'autore
Gabriel García Márquez nacque in Colombia, ad Aracataca, nel 1927. È morto a Città del Messico, nel 2014.

Il suo nome originale è Gabriel José de la Concordia García Márquez.

Ciò che colpisce maggiormente in questo romanzo di Márquez è il senso di inesorabilità che pervade l'opera.

Ciò che colpisce maggiormente in questo romanzo di Márquez è il senso di inesorabilità che pervade l'opera. Tutto il paese, fin dalla notte di quella funesta giornata, quando i negozi, i mercati aprono per cominciare un nuovo giorno di lavoro. Tutti sapevano, tranne pochissimi familiari, ma nessuno credeva che i due fratelli della sposa, macellai per professione e gente pacifica, sarebbero andati a scannare il loro conoscente di baldorie, appartenente ad una famiglia in vista, credendolo l'autore del misfatto: la persona che aveva preso la verginità della sposa, loro sorella, prima che le nozze fossero celebrate. Scandalo per lo sposo che, rigettata alla sua famiglia la moglie per nulla immacolata, non sarà più quello di prima; scandalo per la sposa fedifraga, che, picchiata dalla madre, verrà esiliata in un posto lontanissimo (ma non prenderà il velo).
Il vero innocente di tutta la vicenda è il protagonista, ed è doppiamente innocente: l'unico a non saperne niente fin quando i coltelli iniziano a trafiggerlo, l'unico non responsabile (o almeno tale è creduto, perché sembra che la sposa dica un nome a caso per proteggere il suo "vero" amato).
Causa ed effetto, indistricabilmente concatenati.

Consigliato a:

Se vi è piaciuto quest'opera vi consiglio di leggere anche "La lettera scarlatta" di Nathaniel Hawthorne e, per l'emancipazione femminile, "L'amante di Lady Chatterley" di David Herbert Lawrence, ma anche "Lettera ad un bambino mai nato" di Oriana Fallaci.

Incipit del libro Cronaca di una morte annunciata di Gabriel García Márquez:

Il giorno che l'avrebbero ucciso, Santiago Nasar si alzò alle 5,30 del mattino per andare ad aspettare il battello con cui arrivava il vescovo. Aveva sognato di attraversare un bosco di higuerones sotto una pioggerella tenera, e per un istante fu felice dentro il sogno, ma nel ridestarsi si sentì inzaccherato da capo a piedi di cacca d'uccelli. «Sognava sempre alberi, – mi disse Plácida Linero, sua madre, 27 anni dopo, nel rievocare i particolari di quel lunedì ingrato. – La settimana prima aveva sognato di trovarsi da solo su un aereo di carta stagnola che volava in mezzo ai mandorli senza mai trovare ostacoli», mi disse. Plácida Linero godeva di una ben meritata fama di sicura interprete dei sogni altrui, a patto che glieli raccontassero a digiuno, ma non aveva riscontrato il minimo segno di malaugurio in quei due sogni di suo figlio, né negli altri sogni con alberi che lui le aveva riferito nei giorni che precedettero la sua morte.


[...]
Explicit: Cronaca di una morte annunciata di Gabriel García Márquez:

Stavano cominciando a far colazione quando videro entrare Santiago Nasar inzuppato di sangue che portava tra le mani il grappolo delle proprie viscere. Poncho Lanao mi disse: «Quello che non ho mai potuto dimenticare fu il terribile odore di merda». Ma Argénida Lanao, la figlia maggiore, raccontò che Santiago Nasar camminava con la prestanza di sempre, misurando bene i passi, e che il suo volto di saraceno con i ricci sconvolti era più bello che mai. Nel passare di fronte alla tavola sorrise a tutti, e proseguì, attraverso le camere da letto, fino all'uscita posteriore della casa. «Restammo paralizzati dallo spavento» mi disse Argénida Lanao. Mia zia Wenefrida Márquez stava squamando una alosa nel patio della sua casa, dall'altra parte del fiume, e lo vide scendere le scalinate del vecchio molo cercando con passo fermo la direzione di casa sua.
"Santiago, figlio mio" gli gridò, "che ti succede!"
Santiago Nasar la riconobbe.
"È che mi hanno ammazzato, piccola Wene" disse.
Inciampò sull'ultimo scalino, ma si rialzò subito. «Ebbe persino cura di scuotersi con la mano la terra che gli era rimasta sulle trippe» mi disse mia zia Wene. Poi entrò in casa per la porta posteriore, che stava aperta dalle sei, e crollò ventre a terra in cucina.


[...]
I libri catalogati di Gabriel García Márquez:
12 Racconti Raminghi
Cent'anni di solitudine (Cien años de soledad) (1967)
Cent'anni di solitudine
Cronaca di una morte annunciata (Cronica de una muerte anunciada) (1981)
Cronaca Di Una Morte Annunciata
Dell'Amore e di altri demoni
Diatriba d'amore contro un uomo seduto
Foglie Morte
I Funerali Della Mamá Grande
Il generale nel suo labirinto
L'Amore Ai Tempi Del Colera
L'amore al tempo del colera (El amor en los tiempos del cólera) (1985)
L'amore al tempo del colera
L'autunno del patriarca
La Incredibile E Triste Storia Della Candida Erendira E Della Sua Nonna Snaturata (La increíble y triste historia de la cándida Eréndira y de su abuela desalmada) (1972)
La mala ora
Memoria Delle Mie Puttane Tristi
Nessuno scrive al colonnello (El coronel no tiene quien le escriba) (1961)
Nessuno Scrive Al Colonnello
Notizia di un sequestro
Occhi Di Cane Azzurro
Vivere per raccontarla
Citazioni di Gabriel García Márquez:
Ragazze, non pettinatevi di notte perché...
Nella vita non c’è nulla di più triste d...
Non c’è ubriaco che sia capace di mangia...
Aveva sentito dire che la gente non muor...
Il bisogno ha la faccia di cane. ...
Il tempo passa senza far rumore. ...
Lei gli domandò in quei giorni se era ve...
Gli disse che l'amore era un sentimento...
La vita non è quella che si è vissuta, m...
Osservò all'improvviso che la sua bellez...
Preferiamo una tomba in Colombia che una...
Lo zingaro veniva deciso a restare nel v...
Nella scuola semidistrutta dove aveva pr...
Era più alto di quando se n'era andato,...
Ma Rebeca era ormai al sicuro da qualsia...
L'ebbrezza del potere cominciò a decompo...
Non immaginava che era più facile cominc...
Fece allora un ultimo sforzo per cercare...
Era arrivato alla fine di ogni speranza,...
Il colonnello Aureliano Buendía comprese...
Attraversò un deserto giallo dove l'eco...
"Sto dicendo" disse, "che sei di quelle...
Amaranta pensava a Rebeca, perché la sol...
Forse, non solo per farla capitolare ma...
Non si muore quando si deve, ma quando s...
Ma la nuova scoperta che il tempo bastav...
Erano le ultime cose che rimanevano di u...
L'immagine di Remedios, [...], gli rimas...
Fece costruire a sua moglie una stanza d...
Era convinta che le porte erano state in...
Una ruota giratoria che avrebbe continua...
Fu piuttosto un sordo sentimento di rabb...
Solo sei mesi più tardi Aureliano seppe...
Smarrito nella solitudine del suo immens...
"Il migliore amico," soleva dire allora,...
Il colonnello Aureliano Buendìa grattò p...
Aveva dovuto promuovere 32 guerre, e ave...
Pensò confusamente, intrappolato alla fi...
Ma la sua buona intenzione fu frustrata...
Intuí che egli non aveva fatto tante gue...
Ma che l'una e l'altra azione erano stat...
La vita le si esauriva nel ricamo del su...
La necessità di sentirsi triste si andav...
In quella Macondo dimenticata perfino da...
"Sono tutti così", disse lei, senza mera...
Il primo della stirpe è legato ad un alb...
Scostatevi, vacche, che la vita è breve....
"Cosa ti aspettavi?" sospirò Ursula. "Il...
Nella furia del suo tormento cercava inu...
Non riusciva a capire come mai aveva avu...
Le stirpi condannate a cent'anni di soli...
L'aria aveva una densità ingenua, come s...
Non gli era mai venuto in mente fino all...
Lei lo lasciò finire, grattandogli la te...
Non può piovere per tutta la vita. (Aure...
E se non lo trovo [NDR|un nuovo am...
Niente assomiglia tanto all'inferno quan...
Non tollero più che tu sia così simpatic...
Si può essere innamorati di diverse pers...
«Ricco no» disse, «sono un povero con so...
...la ragazzina alzò gli occhi per veder...
Non era immaginabile la quantità di cose...
Doveva insegnarle a pensare all'amore co...
Così pensava a lui senza volerlo, e quan...
Un uomo sa quando sta diventando vecchio...
Jeremiah de Saint-Amour amava la vita co...
Prima si godette il piacere istantaneo d...
...il cuore le si frantumò quando vide i...
«Avrò tutto il tempo che vorrò per ripos...
Era ancora troppo giovane per sapere che...
Gli sembrava così bella, così seducente,...
...non lo guardò, non interruppe il rica...
Non appena aveva finito di farlo lei lo...
Florentino Ariza rimaneva esausto, incom...
Fino ad allora l'aveva sorretto la finzi...
Era convinto che una donna che se la fa...
Nell'ozio riparatore della solitudine, i...
...una tenera zaffata di merda umana, ca...
Era un pappagallo spelacchiato e maniaco...
… aveva sentito un'urgenza irresistibile...
… i sintomi dell'amore sono gli stessi d...
Né lui né lei avevano vita per nulla di...
… perché mai avrebbe ammesso la realtà c...
… gli esseri umani non nascono sempre il...
È incredibile come si possa essere tanto...
… lo spaventò il sospetto tardivo che è...
Lei era così abbagliante da sembrare l'u...
Nel corso degli anni entrambi arrivarono...
Sapevo che non sarebbe mai diventato amo...
Il mondo avanza. Si, gli dissi, avanza,...
Maledizione, pensai, com'è sleale il ros...
Mi venne da pensare che una delle piacev...
La mia unica spiegazione è che così come...
Perché mi hai conosciuta così vecchio? L...
[...]e constatavamo per l'ennesima volta...
L'autista mi avvertì: Attenzione, profes...
Grazie a lei affrontai per la prima volt...
[...] e lì presi coscienza che la forza...
"Ne prenda atto: i pazzerelli tranquilli...
[...] la fama è una signora molto grassa...
Il sesso è la consolazione che si ha qua...
Così iniziai a capire che non obbediva a...
Cominciai a leggerle Il piccolo principe...
Passai anche una settimana senza toglier...
Fui felice di risponderle la verità affi...
Ho sempre sostenuto che la gelosia ne sa...
È impossibile non finire per essere come...
[...] e sostenni il suo sguardo con un c...
Non morire senza aver provato la meravig...
A partire da allora cominciai a misurare...
L'ispirazione non dà preavvisi....
«Nel frattempo,» disse Abrenuncio «suona...
Nessun pazzo è pazzo se ci si adatta all...
Lui l'aveva detto: «Vivo spaventato di e...
Lei gli domandò in quei giorni se era ve...
«Le idee non sono di nessuno» disse. Dis...
L'incredulità resiste più della fede, pe...
«Sono convinto che sia stato un ordine d...
«Non ho la forza per contrastare la volo...
Gli intellettuali che rendono omaggio al...
Se c'è qualcosa di fittizio, piuttosto,...

Scrivi un commento







Libro | Scrittore | Citazione
Aiutaci! Clicca qui

Donazioni BitCoin:

Aiuta ALK Libri donando Bitcoin
Sì | No