Aiutaci. Grazie.

Inizio > Indice Recensioni > Scheda: Cent'anni di solitudine di Gabriel García Márquez

"Cent'anni di solitudine" di Gabriel García Márquez
Titolo:Cent'anni di solitudine
Titolo originale:Cien años de soledad
Autore:Gabriel García Márquez
Editore:Arnoldo Mondadori Editore
Tipologia del supporto:Cartaceo
Anno di pubblicazione:1967
Pagine:405
Lingua:Italiano
Lingua originale dell'opera:Spagnolo
Genere:Romanzo
Licenza:Copyright (Diritti riservati)
DRM:
Prima pagina vocale: Ascolta la prima pagina vocale
Pubblicato il:0011-00-00
:

2059 visualizzazioni

L'autore
Gabriel García Márquez nacque in Colombia, ad Aracataca, nel 1927. È morto a Città del Messico, nel 2014.

Il suo nome originale è Gabriel José de la Concordia García Márquez.

"Cent'anni di solitudine" (col titolo originale: Cien años de soledad) è un romanzo di Gabriel García Márquez che è stato per la prima volta pubblicato in spagnolo nel 1967.

Questa versione in italiano è edita da Arnoldo Mondadori Editore (405 pp.).

TRAMA

Cent'anni di solitudine è la storia delle sette generazioni della famiglia colombiana dei Buendía nella città di Macondo. Il capostipite, fondatore di Macondo, José Arcadio Buendía, e Ursula Iguarán, sua moglie (e cugina di primo grado), lasciano Riohacha, in Colombia, per trovare una vita migliore e una nuova casa. Una notte, durante il viaggio, accampato sulla riva di un fiume, José Arcadio Buendía sogna "Macondo", una città fatta di specchi che riflette il mondo dentro e attorno ad essa. Dopo essersi destato, decide di fondare Macondo lungo quel fiume; dopo giorni di peregrinazione nella giungla, la fondazione di Macondo da parte di José Arcadio Buendía è utopica.

Il fondatore credeva che Macondo fosse circondata dall'acqua, e da quell'isola, inventa un mondo in base alle sue conoscenze e percezioni. Ben presto, dopo la sua fondazione, Macondo diventa una città in preda ad eventi insoliti e straordinari che coinvolgono le generazioni della famiglia Buendía, incapaci o non disposte ad evitare le loro ripetute (e spesso auto-inflitte) disgrazie. Infine un uragano distrugge Macondo, la città degli specchi. Alla fine della narrazione, un membro della famiglia decifra un'iscrizione in codice che generazioni di uomini Buendía avevano tentato invano di interpretare. Il messaggio segreto informa il destinatario di ogni fortuna o sventura vissuta dalla famiglia Buendía.

La ripetitività del tempo e dei fatti è appunto il grande tema del romanzo, un tema in cui l'autore riconosce la caratteristica della vita colombiana e attraverso cui vediamo delinearsi altri elementi: l'utilizzo di un "realismo magico" che mostra un microcosmo arcano in cui la linea di demarcazione fra vivi e morti non è più così nitida e in cui ai vivi è dato il dono tragico della chiaroveggenza, il tutto con un messaggio cinicamente drammatico di fondo.

Incipit del libro Cent'anni di solitudine di Gabriel García Márquez:




Cent’anni di solitudine




Gabriel Garcìa Màrquez

Cent’anni di solitudine

Feltrinelli

Titolo originale dell’opera

Cien años de soledad

© 1967 Editorial Sudamericana, Buenos Aires

Traduzione dallo spagnolo di Enrico Cicogna

A Jomì Garcìa Ascot

E Marìa Luisa Elìo

Molti anni dopo, di fronte al plotone di esecuzione, il colonnello Aureliano Buendìa si sarebbe ricordato di quel remoto pomeriggio in cui suo padre lo aveva condotto a conoscere il ghiaccio.

Macondo era allora un villaggio di venti case di argilla e di canna selvatica cos truito sulla riva di un fiume dalle acque diafane che rovinavano per un letto di pietre levigate, bianche ed enormi come uova preistoriche. Il mondo era cos ì recente, che molte cose erano prive di nome, e per ci-tarle bisognava indicarle col dito. Tutti gli anni, verso il mese di marzo, una famiglia di zingari cenciosi piantava la tenda vicino al villaggio, e con grande frastuono di zufoli e tamburi faceva conoscere le nuove invenzioni. Prima portarono la calamita. Uno zingaro corpulento, con barba arruffata e mani di passero, che si presentò col nome di Melquìades, diede una truculenta manifestazione pubblica di quella che egli stesso chiamava l’ottava meraviglia dei savi alchimisti della Macedonia. Andò di casa in casa trascinando due lingotti metallici, e tutti sbigottirono vedendo che i paioli, le padelle, le molle del focolare e i treppiedi cadevano dal loro posto, e i legni scric-chiolavano per la disperazione dei chiodi e delle viti che cercavano di schiavarsi, e perfino gli oggetti perduti da molto tempo ricomparivano dove pur erano stati lungamente cercati, e si trascinavano in turbolenta sbrancata dietro ai ferri magici di Melquìades. “Le cose hanno vita propria,” proclamava lo zingaro con aspro accento, “si tratta soltanto di risvegliargli l’anima.” José Arcadio Buendìa, la cui smisurata immaginazione andava sempre più lontano dell’ingegno della natura, e ancora più in là del miracolo e della magia, pensò che era possibile servirsi di quella invenzione inutile per sviscerare l’oro della terra. Melquìades, che era un uomo onesto, lo prevenne: “Per quello non serve.” Ma a quel tempo José Arcadio Buendìa non credeva nell’onestà degli zingari, e cos ì barattò il suo mulo e una partita di capri coi due lingotti calamitati.

Ursula Iguaran, sua moglie, che faceva conto su quegli animali per rimpinguare il deteriorato patrimonio domestico, non riuscì a dissuaderlo. “Molto presto ci avanzerà tanto oro da lastricarne la casa,” ribatté suo marito. Per parecchi mesi si ostinò a dimostrare la veracità delle sue conge tture. Esplorò la


[...]
Explicit: Cent'anni di solitudine di Gabriel García Márquez:

Allora saltò oltre per precorrere le predizioni e appurare la data e le circostanze della sua morte. Tuttavia, prima di arrivare al verso finale, aveva già compreso che non sarebbe mai più uscito da quella stanza, perché era previsto che la città degli specchi (o degli specchietti) sarebbe stata spianata dal vento e bandita dalla memoria degli uomini nell'istante in cui Aureliano Babilonia avesse terminato di decifrare le pergamene, e che tutto quello che vi era scritto era irripetibile da sempre e per sempre, perché le stirpi condannate a cent'anni di solitudine non avevano una seconda opportunità sulla terra.


[...]
I libri catalogati di Gabriel García Márquez:
12 Racconti Raminghi
Cent'anni di solitudine (Cien años de soledad) (1967)
Cent'anni di solitudine
Cronaca di una morte annunciata (Cronica de una muerte anunciada) (1981)
Cronaca Di Una Morte Annunciata
Dell'Amore e di altri demoni
Diatriba d'amore contro un uomo seduto
Foglie Morte
I Funerali Della Mamá Grande
Il generale nel suo labirinto
L'Amore Ai Tempi Del Colera
L'amore al tempo del colera (El amor en los tiempos del cólera) (1985)
L'amore al tempo del colera
L'autunno del patriarca
La Incredibile E Triste Storia Della Candida Erendira E Della Sua Nonna Snaturata (La increíble y triste historia de la cándida Eréndira y de su abuela desalmada) (1972)
La mala ora
Memoria Delle Mie Puttane Tristi
Nessuno scrive al colonnello (El coronel no tiene quien le escriba) (1961)
Nessuno Scrive Al Colonnello
Notizia di un sequestro
Occhi Di Cane Azzurro
Vivere per raccontarla
Citazioni di Gabriel García Márquez:
Ragazze, non pettinatevi di notte perché...
Nella vita non c’è nulla di più triste d...
Non c’è ubriaco che sia capace di mangia...
Aveva sentito dire che la gente non muor...
Il bisogno ha la faccia di cane. ...
Il tempo passa senza far rumore. ...
Lei gli domandò in quei giorni se era ve...
Gli disse che l'amore era un sentimento...
La vita non è quella che si è vissuta, m...
Osservò all'improvviso che la sua bellez...
Preferiamo una tomba in Colombia che una...
Lo zingaro veniva deciso a restare nel v...
Nella scuola semidistrutta dove aveva pr...
Era più alto di quando se n'era andato,...
Ma Rebeca era ormai al sicuro da qualsia...
L'ebbrezza del potere cominciò a decompo...
Non immaginava che era più facile cominc...
Fece allora un ultimo sforzo per cercare...
Era arrivato alla fine di ogni speranza,...
Il colonnello Aureliano Buendía comprese...
Attraversò un deserto giallo dove l'eco...
"Sto dicendo" disse, "che sei di quelle...
Amaranta pensava a Rebeca, perché la sol...
Forse, non solo per farla capitolare ma...
Non si muore quando si deve, ma quando s...
Ma la nuova scoperta che il tempo bastav...
Erano le ultime cose che rimanevano di u...
L'immagine di Remedios, [...], gli rimas...
Fece costruire a sua moglie una stanza d...
Era convinta che le porte erano state in...
Una ruota giratoria che avrebbe continua...
Fu piuttosto un sordo sentimento di rabb...
Solo sei mesi più tardi Aureliano seppe...
Smarrito nella solitudine del suo immens...
"Il migliore amico," soleva dire allora,...
Il colonnello Aureliano Buendìa grattò p...
Aveva dovuto promuovere 32 guerre, e ave...
Pensò confusamente, intrappolato alla fi...
Ma la sua buona intenzione fu frustrata...
Intuí che egli non aveva fatto tante gue...
Ma che l'una e l'altra azione erano stat...
La vita le si esauriva nel ricamo del su...
La necessità di sentirsi triste si andav...
In quella Macondo dimenticata perfino da...
"Sono tutti così", disse lei, senza mera...
Il primo della stirpe è legato ad un alb...
Scostatevi, vacche, che la vita è breve....
"Cosa ti aspettavi?" sospirò Ursula. "Il...
Nella furia del suo tormento cercava inu...
Non riusciva a capire come mai aveva avu...
Le stirpi condannate a cent'anni di soli...
L'aria aveva una densità ingenua, come s...
Non gli era mai venuto in mente fino all...
Lei lo lasciò finire, grattandogli la te...
Non può piovere per tutta la vita. (Aure...
E se non lo trovo [NDR|un nuovo am...
Niente assomiglia tanto all'inferno quan...
Non tollero più che tu sia così simpatic...
Si può essere innamorati di diverse pers...
«Ricco no» disse, «sono un povero con so...
...la ragazzina alzò gli occhi per veder...
Non era immaginabile la quantità di cose...
Doveva insegnarle a pensare all'amore co...
Così pensava a lui senza volerlo, e quan...
Un uomo sa quando sta diventando vecchio...
Jeremiah de Saint-Amour amava la vita co...
Prima si godette il piacere istantaneo d...
...il cuore le si frantumò quando vide i...
«Avrò tutto il tempo che vorrò per ripos...
Era ancora troppo giovane per sapere che...
Gli sembrava così bella, così seducente,...
...non lo guardò, non interruppe il rica...
Non appena aveva finito di farlo lei lo...
Florentino Ariza rimaneva esausto, incom...
Fino ad allora l'aveva sorretto la finzi...
Era convinto che una donna che se la fa...
Nell'ozio riparatore della solitudine, i...
...una tenera zaffata di merda umana, ca...
Era un pappagallo spelacchiato e maniaco...
… aveva sentito un'urgenza irresistibile...
… i sintomi dell'amore sono gli stessi d...
Né lui né lei avevano vita per nulla di...
… perché mai avrebbe ammesso la realtà c...
… gli esseri umani non nascono sempre il...
È incredibile come si possa essere tanto...
… lo spaventò il sospetto tardivo che è...
Lei era così abbagliante da sembrare l'u...
Nel corso degli anni entrambi arrivarono...
Sapevo che non sarebbe mai diventato amo...
Il mondo avanza. Si, gli dissi, avanza,...
Maledizione, pensai, com'è sleale il ros...
Mi venne da pensare che una delle piacev...
La mia unica spiegazione è che così come...
Perché mi hai conosciuta così vecchio? L...
[...]e constatavamo per l'ennesima volta...
L'autista mi avvertì: Attenzione, profes...
Grazie a lei affrontai per la prima volt...
[...] e lì presi coscienza che la forza...
"Ne prenda atto: i pazzerelli tranquilli...
[...] la fama è una signora molto grassa...
Il sesso è la consolazione che si ha qua...
Così iniziai a capire che non obbediva a...
Cominciai a leggerle Il piccolo principe...
Passai anche una settimana senza toglier...
Fui felice di risponderle la verità affi...
Ho sempre sostenuto che la gelosia ne sa...
È impossibile non finire per essere come...
[...] e sostenni il suo sguardo con un c...
Non morire senza aver provato la meravig...
A partire da allora cominciai a misurare...
L'ispirazione non dà preavvisi....
«Nel frattempo,» disse Abrenuncio «suona...
Nessun pazzo è pazzo se ci si adatta all...
Lui l'aveva detto: «Vivo spaventato di e...
Lei gli domandò in quei giorni se era ve...
«Le idee non sono di nessuno» disse. Dis...
L'incredulità resiste più della fede, pe...
«Sono convinto che sia stato un ordine d...
«Non ho la forza per contrastare la volo...
Gli intellettuali che rendono omaggio al...
Se c'è qualcosa di fittizio, piuttosto,...

Scrivi un commento







Libro | Scrittore | Citazione
Aiutaci! Clicca qui

Donazioni BitCoin:

Aiuta ALK Libri donando Bitcoin
Sì | No