Aiutaci. Grazie.

Inizio > Indice Recensioni > Recensione: Sottosopra di Milena Agus

"Sottosopra" di Milena Agus
Titolo: Sottosopra
Titolo originale: Sottosopra
Autore: Milena Agus
Editore: Mondolibri
Tipologia del supporto: Digitale
Anno di pubblicazione: 2011
Prima edizione italiana: 2011
Lingua: Italiano
Lingua originale dell'opera: Italiano
Genere: Romanzo
Argomento: Vite e segreti del palazzo di "sottosopra"
Prezzo : 6,99
Codice ISBN: 9788874523597
Licenza: Copyright (Diritti riservati)
DRM:
Recensione di: Denise Mereu
Pubblicato il: 2013-03-23
:

1161 visualizzazioni

Autore
Milena Agus è nato in una nazione non definita, a Genova, nel 1955.

Si è dedicato principalmente a queste aree: nuova letteratura sarda.

"Anna è leggiadra e nonostante la pesantezza, è leggera, perché fa le feste alla vita e sorride sempre, un sorriso dolce e fiducioso. Non è mai arrabbiata, e se le fanno dei torti, li perdona e non ci pensa più."

La voce narrante di questo romanzo parla della sua complessa situazione familiare, e di come, per lasciarsi il passato alle spalle, decide di partire e iniziare una nuova vita.
Andrà a vivere in un palazzo dove, anche grazie a lei, si intrecceranno le vite dei suoi inquilini, in particolare di due anziani vicini.
Al piano di sopra abita il Signor Johnson, un uomo benestante, che ha trascorso la sua vita suonando il violino sulle navi da crociera. Sua moglie improvvisamente lo lascia, e lui, evidentemente scoraggiato, non trova più la forza per badare a sé e alla casa.
Di sotto abita Anna, una donna instancabile, che, pur consapevole della serietà dei suoi problemi di salute, continua a lavorare nelle case di famiglie agiate, sognando di cambiare in meglio la sua vita e quella di sua figlia.
Anna decide di occuparsi della casa del vicino, che appare così grande, luminosa e bella, in confronto alla sua, da innamorarsene subito. Ogni volta che inizia un nuovo lavoro, spera che questo porti un cambiamento definitivo, infatti dopo tante delusioni e tanti sacrifici, Anna sogna ancora di rifarsi una vita con un vero amore.
In questo piccolo romanzo Milena Agus riesce a farci "visualizzare" questo palazzo immaginario, i cui abitanti, caratterizzati ciascuno da una diversa mania, e delusi dalla propria esistenza, sognano di vivere quella degli altri, e scoprirne i segreti.

PAGELLA
Scorrevolezza: 5.5
Valore artistico: 5
Contenuti: 5
Globale: 5

INFORMAZIONI EDITORIALI

Nel palazzo di Sottosopra vivono ricchi e poveri che s’incontrano sulle scale, si scambiano servizi e favori. Al piano alto abita un anziano violinista americano, Mr. Johnson, che ha lasciato le scene e il successo per naturale ritrosia. Al piano basso Anna, una donna delle pulizie, acciaccata dalla vita ma prodiga di fiducia e tenerezza che distribuisce agli altri abitanti: Giovannino, un bambino cosi giudizioso da essersi educato da solo, Mrs. Johnson, che aspira solo alle impossibili cose normali, e Alice che vuole diventare una macchina del sesso per evitare la solitudine, ciascuno con la propria mania, la propria pazzia piccola o grande, la propria paura. Nel palazzo gli abitanti si spostano e si scambiano le abitazioni, come fosse il modo più semplice di affrontare le turbolenze della vita: Anna sogna di salire fino alla casa del signore di sopra, Mr. Johnson di scendere fino al piano di sotto, per conoscere “l’immensa felicità che ci viene dalla felicità di qualcuno che è felice con noi”. Fra la realtà e l’invenzione, Sottosopra racconta un nuovo, incantevole sogno, in cui - come succede nel mondo di Milena Agus - tutto continuamente si rovescia: la vita che è come adattarsi a un paio di scarpe, la vecchiaia che è il momento migliore per amare e l’amore che è “un guizzo di luce, magari l’ultimo

Incipit del libro Sottosopra di Milena Agus:










Capitolo 2

Qualche tempo fa, Mr. Johnson, il signore di sopra, aveva bussato alla mia porta, vestito con sobria eleganza da gentleman, ma con le scarpe slacciate, l’orlo dei pantaloni scucito, i calzini di diverso colore.


“Abito al piano di sopra,” aveva detto. “Sono un vicino”.


“Lo so. Il nostro palazzo non è progettato perché non ci si incontri”.


Aveva qualcosa di urgente da chiedere: se per favore potevo innaffiargli i fiori, perché lui suonava il violino sulle navi da crociera e doveva partire e la moglie ai fiori ci teneva molto, soprattutto alle rose e alle piante di piselli rossi, e se fosse tornata si sarebbe dispiaciuta di trovarli secchi.


“Non esistono i piselli rossi, Mr. Johnson, si tratta sicuramente di bacche”.


Giorni fa, al rientro dalla crociera, ha bussato di nuovo, per ringraziarmi, aveva trovato le rose e i piselli rossi in gran forma, ma non era quello lo scopo della sua visita. Imbarazzato ha chiesto se non potevo cercare fra le mie amiche studentesse qualcuna che fosse brava a fare la governante, che volesse in cambio vitto e alloggio, perché la moglie se n’era andata, forse per sempre, e adesso lui non aveva bisogno di una cameriera e basta, ma di qualcuno che gli governasse la casa e non pensasse solo a pulire. Mi vedeva sempre con tanti libri ed era sicuro di potersi fidare di me.


Non ho riflettuto a lungo e sono corsa subito dalla signora di sotto, Anna, che è malata di cuore, ma ha bisogno di soldi e tutti i giorni prende due autobus per andare e due per tornare dal lavoro. Fare la governante al piano di sopra le sarebbe sembrata senz’altro una fortuna.


Aspettiamo il signore di sopra sedute sul divano, la signora di sotto e io, lei mi guarda come per dire: “La casa del signore di sopra! Ah, la casa del signore di sopra! Hai visto che sole, che terrazza sul mare, che specchi! ”


Una cameriera vestita da cameriera ci fa accomodare e dice: “Viene subito”.


Poi entra Mr. Johnson, vestito con sobria eleganza, da gentleman, ma con una manica della giacca strappata.


“Ha la manica della giacca strappata!” ho notato indicandogli il gomito.


Si scusa e torna indietro, sicuramente per cambiarsi, e Anna mi fa gli occhiacci, ma quando rientra ha la stessa giacca.


“Mr. Johnson,” gli dico, “questa è la signora di sotto, che sarebbe disponibile a lavorare da lei”.


“Oh, grazie!”


“La mia amica sa fare tutto, cucina, cuce, pulisce, lava e stira in modo rifinito”.


“Grazie!”


“Mr. Johnson, la signora lavora anche in altre case, ma se vuole può cominciare domani”.


“Grazie! ”


“Allora, a domani, Mr. Johnson?” Finalmente Anna parla.


“A domani!” Finalmente Mr. Johnson la guarda e le risponde.


“Arrivederci! ”


“See you soon!”


E andiamo via.


Durante le trattative, che poi quelle non erano


[...]
I libri catalogati di Milena Agus:
Ali di Babbo
Il Vicino
La Contessa Di Ricotta
Mal di Pietre
Mentre Dorme Il Pescecane
Sottosopra (2011)
Citazioni di Milena Agus:
Anna è leggiadra e nonostante... [leggi]

Scrivi un commento







Libro | Scrittore | Citazione
Aiutaci! Clicca qui

Donazioni BitCoin:

Aiuta ALK Libri donando Bitcoin
Sì | No