Aiutaci. Grazie.

Inizio > Indice Recensioni > Recensione: Animal Factory di Edward Bunker

"Animal Factory" di Edward Bunker
Titolo:Animal Factory
Titolo originale:Animal Factory
Autore:Edward Bunker
Editore:Giulio Einaudi Editore
Tipologia del supporto:Cartaceo
Anno di pubblicazione:1977
Pagine:237
Lingua:Italiano
Lingua originale dell'opera:Inglese
Genere:Romanzo
Prezzo :10,5
Licenza:Copyright (Diritti riservati)
DRM:
Recensione di:Anna Rita Federici
:

690 visualizzazioni

L'autore
Edward Bunker nacque negli Stati Uniti d'America, a Hollywood, nel 1933. È morto a Los Angeles, nel 2005.

Originariamente, il suo nome era Edward Heward Bunker. Ecco alcuni soprannomi che Edward Bunker ha usato: Edward "Eddie" Bunker.

Il carcere come vita altra dove le regole e i rapporti della società non hanno più valore, dove si ritorna ad uno stato selvaggio, tribale quasi, dove conta solo il potere della forza e della violenza.

La quarta di copertina
Il carcere come vita altra dove le regole e i rapporti della società non hanno più valore, dove si ritorna ad uno stato selvaggio, tribale quasi, dove conta solo il potere della forza e della violenza. Non ha valore la vita così come non ha valore la morte, come bestie si vive e come bestie si muore. Ma al fondo di questa esperienza disumana si possono ritrovare ancora sentimenti buoni, genuini e gratuiti, tanto più forti quanto difficili da coltivare. Ma sono i sentimenti una eccedenza inutile, voluttuaria, che costa cara: sì, volersi mantenere uomini è un lusso e anche in questo caso verrà pagato a caro prezzo.

L’intreccio
Un giovane di classe sociale agiata entra a San Quintino per aver spacciato droga nel suo ambiente con troppa disinvoltura, senza precauzioni, ingenuamente sicuro della impunità (anzi, quasi di non commettere reato). È un bel ragazzo, dunque una persona a rischio e non ha possibilità di difesa in quel mondo a parte che è il carcere; ma sarà proprio la sua faccia, il suo bell’aspetto che lo aiuteranno a far breccia nel cuore di un duro di quel carcere, di cui diventerà il protetto (ma non l’amante). Nasce un’amicizia che gli permetterà di uscire quasi indenne da quell’esperienza, anche se uscirà dalla porta sbagliata, mentre il suo protettore che si è assunto tutti i rischi di questa amicizia dovrà rinunciare, presumibilmente per sempre o per molto tempo ancora, a tornare fuori.

Consigliato a:

Il commento
Edward Bunker, nato come voce dissonante di grande suggestione (è realmente un ex galeotto che ha trovato nella scrittura la sua redenzione sociale), sembra abbia voluto fare con questa “Animal Factory”, un romanzo sulla pena carceraria che trasforma un uomo da semplice deviante in vero criminale, che non dà possibilità di redenzione e che incentiva, scontandola in queste carceri, delitti peggiori, poiché vi si conduce una vita peggiore di quella per cui si è stati condannati. Devo dire che pur amando questo autore, non considero questa opera tra le migliori che abbia scritto. Mi pare che col tempo, acquisendo una certa perizia e professionalità, Bunker abbia perduto quella potente spinta narrativa, quel linguaggio grossolano e tagliente, come le pietre lavorate da selvaggi, quella ferocia autentica che ci faceva sentire l’odore del sangue, i colpi concitati delle botte, l’angustia e il terrore delle celle, o della prigione del proprio stato sociale, della propria condizione di vita, in cui il deviante, benché libero, si dibatteva. Ha perduto insomma l’urgenza del narrare, più palpabile invece, ad esempio, in “Cane mangia cane” o “Come una bestia feroce”.

Incipit del libro Animal Factory di Edward Bunker:

Quando i prigionieri, quasi cinquecento, vennero ammassati nel parcheggio, fuori dai cancelli della prigione, l'alba cominciva a tingere di un giallo pallido il basso profilo della città. Ad attenderli c'era una schiera di autobus bianchi e neri con i finestrini sbarrati e una pesante inferriata che separava il posto dell'autista dai sedili posteriori. L'aria era impregnata del fumo pungente del diesel e dell'odore di spazzatura marcia. La marmaglia dei prigionieri, più di metà neri o chicanos, era incolonnata per due, sei per catena, e ciascun gruppo riempiva un autobus: sembravano dei millepiedi umani. Dappertutto c'erano vicesceriffi in uniforme stirata alla perfezione. A ogni autobus erano stati assegnati tre vice, mentre gli altri stavano a guardare con le grosse .357 Magnum Python che penzolavano dalle mani. Alcuni poi accarezzavano dei fucili a canne mozze.


[...]
I libri catalogati di Edward Bunker:
Animal Factory (1977)
Animal factory
Cane mangia cane
Come una bestia feroce
Stark
Citazioni di Edward Bunker:
Quando si parla di scrittori, la memoria...
Io parlo di un mondo fatto di feste sull...
Per anni non ho fatto che rubare. Avessi...
Oggi la prigione americana è un luogo or...
Se provi a dare un pugno a qualcuno, puo...
Io non ho avuto una gioventù. La mia è l...
Io offro le mie migliori performance in...
[...] il mestiere degli avvocati è di v...
Fece domande, ascoltò storie. La prigion...
Ufficialmente la segregazione era finita...
Era una follia. Duecento uomini occupava...
Tutto quello che un uomo ha in prigione...
Tutti invecchiano e muoiono, senza che p...
La prigione è una fabbrica che trasforma...
La questione non è se la prigione può ai...
Sebbene il mio corpo fosse esausto, la m...
A essere sinceri, il fatto che avessi uc...
Sarei sceso in guerra contro la società,...
A trenta secondi dalla fine (1985...
Le iene (1992)...
[[Heat - La sfida]] (1995) – Cons...
Animal Factory (2000) – Sceneggia...

Scrivi un commento







Libro | Scrittore | Citazione

Aiutaci!
Donazioni BitCoin:
132vG2BSxxG5FLGWpVRe8t9FsW2iiCSNqg
Aiuta ALK Libri donando Bitcoin

Sì | No