Inizio > Indice Recensioni > Scheda: Pluto di Aristofane

"Pluto" di Aristofane
Titolo:Pluto
Titolo originale:Πλοῦτος
Autore:Aristofane
Editore:Bibliomania.it
Tipologia del supporto:Digitale
Anno di pubblicazione:388 a.C.
Pagine:42
Lingua:Italiano
Lingua originale dell'opera:Greco antico
Genere:Commedia teatrale
DRM:
:

1645 visualizzazioni

L'autore
Aristofane è nato nell'Antica Grecia, nel 450 a.C. circa. È morto nel 388 a.C. circa.

Il suo nome originale è Ἀριστοφάνης.

Si è dedicato principalmente alle seguenti aree: teatro.

"Pluto" (titolo originale: Πλοῦτος) è un commedia teatrale di Aristofane che è stato pubblicato in lingua greco antico nel 388 a.C..

Questa versione in italiano è stata pubblicata da Bibliomania.it (42 pp.).

Incipit del libro Pluto di Aristofane:

'''Nocciola''': Giove mio! Santi Numi! Oh, che fastidio
stare al servizio d'un padrone pazzo!
Il servo potrà dar consigli d'oro
sin che gli piace: se chi tiene il mestolo
si vuol rompere il collo, dopo, i guai
sono a mezzo! Ché il diavolo non vuole
ch'abbia la signoria del proprio corpo
chi ci sta dentro, ma chi l'ha comprato.
Cosí vanno le cose! E adesso, poi,
io me la piglio con l'ambiguo Apollo,
che dal tripode d'oro oracoleggia.
Non ho forse ragione? Lui che, dicono,
è medico e indovino da cartello,
ha rimandato il mio padrone pazzo
da legare. Ché va dietro le peste
d'un uomo cieco; e fa tutto il contrario
di quello che dovrebbe. Perché noi
che ci vediamo, li guidiamo, i ciechi.
Questo si fa guidare, e vi costringe
me, né risponde sillaba.


[...]
I libri catalogati di Aristofane:
Ecclesiazuse
Gli Acarnesi (Άχαρνῆς) (425 a.C.)
Gli Acarnesi
Gli uccelli (Ὄρνιθες) (414 a.C.)
Gli uccelli
I Cavalieri (Ἱππεῖς) (424 a.C.)
La Pace (Εἰρήνη) (421 a.C.)
La Pace
Le donne a parlamento (Ἐκκλησιαζοῦσαι) (391 a.C.)
Le donne alla festa di Demetra (Θεσμοφοριάζουσαι) (411 a.C.)
Le nuvole
Le rane
Le vespe (Σφῆκες) (422 a.C.)
Lisistrata (Λυσιστράτη) (411 a.C.)
Lisistrata
Pluto (Πλοῦτος) (388 a.C.)
Tesmoforiazuse
Citazioni di Aristofane:
Mai otterrai che il granchio cammini dir...
Diceopoli: Quante trafitte a ques...
Diceopoli: Tu che al culo focoso...
Moglie: Bella figliuola, porta co...
Diceopoli: Dunque i denti converr...
Anche le buffonate sanno la verità. (vv....
Servo A: Poveri noi, che guai, po...
Paflagone: I beni pubblici pria c...
Dioniso: Né voi me: da mattina...
L'uomo saggio impara molte cose dai suoi...

Scrivi un commento







Libro | Scrittore | Citazione

Aiutaci!