Inizio > Indice Recensioni > Recensione: Senza sangue di Alessandro Baricco

"Senza sangue" di Alessandro Baricco
Titolo:Senza sangue
Titolo originale:Senza sangue
Autore:Alessandro Baricco
Editore:Rizzoli
Tipologia del supporto:Cartaceo
Anno di pubblicazione:2002
Pagine:105
Lingua:Italiano
Lingua originale dell'opera:Italiano
Genere:Romanzo
Licenza:Copyright (Diritti riservati)
DRM:
Recensione di:Denise Mereu
Recensione vocale:Senza Sangue_rece_Denise.opus, 118045 bytes
:

2621 visualizzazioni

L'autore
Alessandro Baricco è nato in Italia, a Torino, nel 1958.

Mato Rujo vive con i suoi figli in una fattoria, circondato dal silenzio di un'immensa pianura. Un silenzio rotto dall'arrivo di alcuni sicari senza scrupoli, venuti da molto lontano, per uccidere Mato.

"Abbiamo rivoltato la terra in modo così violento che abbiamo ridestato la ferocia dei bambini".

Mato Rujo vive con i suoi figli in una fattoria, circondato dal silenzio di un'immensa pianura. Un silenzio rotto dall'arrivo di alcuni sicari senza scrupoli, venuti da molto lontano, per uccidere Mato. Siamo alla fine di una guerra, e ci sono dei conti che devono essere pagati con la vita. L'uomo viene ucciso, non risparmiano neanche il figlio; l'unica a salvarsi è la piccola Nina, che il padre riesce a nascondere prima dell'arrivo dei killer. La piccola non vede ciò che accade, ma sente tutto, gli spari e le urla di dolore del padre. Sensazioni che non dimenticherà mai, un senso di paura che le rimarrà per sempre. Il tempo passa, e non sempre riesce ad attenuare il dolore. Adesso Nina è diventata una donna matura, ma ha ancora bisogno di capire perché è dovuta crescere sola.
Così, un giorno, si ritrova davanti a uno di quei killer che le hanno cambiato la vita. Il loro sembra un incontro casuale, ma l'anziano che si trova davanti dopo tanti anni riconosce subito quegli occhi, quella bambina, e capisce che lei non ha mai smesso di cercarlo. Seduti nel tavolino di un bar si raccontano di come hanno trascorso tutti questi anni, da quando in quella tragica notte cercarono di uccidere anche lei, dando fuoco alla fattoria. I loro sguardi e i loro gesti non sfuggono neanche ai passanti, che guardano questa strana coppia. Si torna indietro nel tempo per parlare, e per cercare di capire il proprio passato. Nina ha aspettato questo momento da tanto, troppo tempo. Non ci sono parole che possano giustificare le violenze di una guerra che non aveva motivo d'esistere. Silenzi alternati a parole di disprezzo, e a richieste di perdono che ora non servono più. La storia di due persone vissute troppo sole, che forse, finalmente, troveranno un po' di serenità insieme.

PAGELLA
Scorrevolezza:7
Valore artistico:6.5
Contenuti:6
Globale:6.5
Incipit del libro Senza sangue di Alessandro Baricco:

Nella campagna, la vecchia fattoria di Mato Rujo dimorava cieca, scolpita in nero contro la luce della sera. L'unica macchia nel profilo svuotato dalla pianura.I quattro uomini arrivarono su una vecchia Mercedes. La strada era scavata e secca – strada povera di campagna. Dalla fattoria, Manuel Roca li vide.Si avvicinò alla finestra. prima vide la colonna di polvere alzarsi sul profilo del mais. Poi sentì il rumore del motore. nessuno aveva più macchine, da quelle parti. Manuel Roca lo sapeva. Vide la mercedes spuntare lontano e poi scomparire dietro a un filare di querce. Poi non guardò più.Tornò verso la tavola e posò la mano sulla testa della figlia. Alzati, le disse. Prese una chiave dalla tasca, la appoggiò sul tavolo e fece un cenno col capo al figlio. Subito, disse il figlio. Erano bambini, due bambini.


[...]
I libri catalogati di Alessandro Baricco:
Barnum
Barnum. Cronache dal Grande Show (1995)
Castelli di rabbia
City (1999)
City
Emmaus
I barbari
La sindrome Boodman
Mr Gwyn
Next
Novecento
Novecento: Un Monologo
Oceano Mare
Omero Iliade
Omero, Iliade
Questa storia
Senza sangue (2002)
Seta
Tre Volte All'alba
Citazioni di Alessandro Baricco:
Andava e sapeva dove andare. Questo era...
Puoi spendere anni a vivere, ore a legg...
A prescindere da cultura alto o bassa, ...
La prossima volta che nasco ateo, lo fa...
Ogni quadro è in definitiva una promes...
Ho visto riapparire il fantasma di un m...
Ha un bello spremersi, il mondo tutto, ...
Nel momento in cui raccontava una cosa,...
Per quanto uno si sforzi Di vivere una...
Abbiamo rivoltato la terra In modo così...

Scrivi un commento







Libro | Scrittore | Citazione

Aiutaci!