Aiutaci. Grazie.

Inizio > Indice Recensioni > Recensione: Le mie prigioni di Silvio Pellico

"Le mie prigioni" di Silvio Pellico
Titolo:Le mie prigioni
Titolo originale:Le mie prigioni
Autore:Silvio Pellico
Editore:Arnoldo Mondadori Editore
Tipologia del supporto:Cartaceo
Anno di pubblicazione:1832
Pagine:217
Lingua:Italiano
Lingua originale dell'opera:Italiano
Genere:Autobiografia
Argomento:La detenzione di Pellico ai tempi della carboneria
Licenza:Pubblico dominio
DRM:
Recensione di:Denise Mereu
eBook:Leggi l'eBook
Formati disponibili:
Audiolibro: Ascolta l'audiolibro

(Anteprima, 24 kbit)

:

1982 visualizzazioni

Aggiungi ebook alla tua biblioteca
L'autore
Silvio Pellico è nato in Italia, a Saluzzo, nel 1789. Morì a Torino, nel 1854.

Le mie prigioni" è una delle opere più significative del giovane Silvio Pellico, scritto nella prima metà del 1800.

"Governiamo l'immaginativa, e staremo bene quasi dappertutto".

"Le mie prigioni" è una delle opere più significative del giovane Silvio Pellico, scritto nella prima metà del 1800, quando Pellico decide di affiliarsi alla Carboneria per seguire i propri ideali di libertà e riscossa anti-austriaca. Proprio il giorno dopo questa sua scelta, l'Austria decreta la pena di morte per i carbonari della Lombardia.
In questo diario la sua storia assume una duplice valenza, politica e religiosa: da una parte Pellico condanna fermamente questa nuova ondata rivoluzionaria, dall'altra il grande interesse per la sua storia è dato proprio dal messaggio religioso. Il fulcro del libro rimane l'esperienza della prigionia, in ogni pagina i suoi pensieri deprimenti si alternano ai ricordi della sua vita felice, fino al giorno dell'incarcerazione. Vive momenti relativamente tranquilli, ma sente anche profonda angoscia in ogni sua lunghissima giornata, fino al punto di desiderare la morte. Ma, la sua fede, pur provata duramente, gli impedirà di trovare il coraggio per farla finita. I primi giorni di prigionia sono i più duri, ogni giorno rivolge un pensiero ai suoi cari, rimproverandosi di non essere stato abbastanza amorevole con loro, soprattutto ora che non sa se potrà mai più riabbracciarli. La solitudine divenuta sempre più pesante, ogni tanto è alleviata da qualche lettura in biblioteca: Pellico tiene in esercizio la mente abituandosi a studiare ogni giorno qualche verso di Dante. Anche leggere la Bibbia lo aiuterà ad essere più forte. Col tempo capisce quanto sia importante riuscire a distinguere gli umori da quelle tristi prigioni, cercando la serenità dentro di sé, imparando a gestire l'immaginazione.
Pellico sarà trasferito in diverse carceri; si rifiuta di collaborare, perciò viene portato a Venezia. Qui la stanchezza fisica e psicologia lo mettono a dura prova. Il gran freddo invernale e il caldo soffocante dell'estate lo renderanno sempre più debole. Pellico cede, e decide di rimettersi al giudizio della Commissione, confessando il reato di Carboneria.
Nel 1830, dopo le carceri di Murano e Moravia, due fra le più dure che si conoscano, gli viene concessa la grazia, la sua pena di morte viene tramutata in quindici anni di carcere. Pellico passa le sue giornate a scrivere, legge e rilegge i suoi appunti, meditando sulle sue riflessioni. Ogni tanto riceve delle lettere da parte della famiglia, non prima di essere state censurate da una commissione che arrivava al punto di lasciargli le parole iniziali e finali della lettera, cancellando tutto. Dopo la grazia, Pellico cerca sempre di rimanere sereno, atteggiamento apprezzato dai giudici che gli consigliano di rimanere tale, perché gli sarà di vantaggio per il futuro. Ci sono diverse persone imprigionate, con le quali ogni tanto scambia due parole, ma spesso parla anche con qualche carceriere dall'animo tenero. Dopo quasi dieci lunghissimi anni, Pellico viene liberato, e potrà finalmente riabbracciare i suoi familiari. Dopo quest'esperienza, lascerà da parte la vita politica, pur non rinnegando le sue idee, e continuando la sua attività letteraria. Silvio Pellico uscirà molto provato da questa esperienza, fisicamente e psicologicamente, ma con una rinnovata forza d'animo e una fede ancora più forte, che gli faranno apprezzare ancora di più la vita e le persone, per le quali non proverà mai disprezzo o risentimento.

Consigliato a:

Se vi è piaciuto questo libro potrebbe interessarvi "Manoscritto di un prigioniero" di Carlo Bini, di cui abbiamo disponibile anche l'audiolibro.

Incipit del libro Le mie prigioni di Silvio Pellico:

CAPO I

Il venerdì 13 ottobre 1820 fui arrestato a Milano, e condotto a Santa Margherita. Erano le tre pomeridiane. Mi si fece un lungo interrogatorio per tutto quel giorno e per altri ancora. Ma di ciò non dirò nulla. Simile ad un amante maltrattato dalla sue bella, e dignitosamente risoluto di tenerle broncio, lascio la politica ov'ella sta, e parlo d'altro.
Alle nove della sera di quel povero venerdì, l'attuario mi consegnò al custode, e questi, condottomi nella stanza a me destinata, si fece da me rimettere con gentile invito, per restituirmeli a tempo debito, orologio, denaro, e ogni altra cosa ch'io avessi in tasca, e m'augurò rispettosamente la buona notte.
«Fermatevi, caro voi;» gli dissi «oggi non ho pranzato; fatemi portare qualche cosa.»
«Subito, la locanda è qui vicina; e sentirà, signore, che buon vino!»
«Vino, non ne bevo.»
A questa risposta, il signor Angiolino mi guardò spaventato, e sperando ch'io scherzassi. I custodi di carceri che tengono bettola, inorridiscono d'un prigioniero astemio.
«Non ne bevo, davvero.»
«M'incresce per lei; patirà al doppio la solitudine...»
E vedendo ch'io non mutava proposito, uscì; ed in meno di mezz'ora ebbi il pranzo. Mangiai pochi bocconi, tracannai un bicchier d'acqua, e fui lasciato solo.


[...]
Audiolibri di:Silvio Pellico
Le mie prigioni
Autobiografia
Audiolibro dell'opera "Le mie prigioni", la celebre autobiografia dell'esperienza carceraria di Silvio Pellico.
I libri catalogati di Silvio Pellico:
Adello
Aroldo e Clara
Dei doveri degli uomini
Ebelino
Francesca da Rimini
Ildegarde
Le mie prigioni (1832)
Le mie prigioni (1832)
Le mie prigioni (1832)
Le mie Prigioni
Poesie inedite
Poesie scelte
Rosilde
Citazioni di Silvio Pellico:
Un giorno è presto passato, e quando la...
Governiamo l’immaginativa, e staremo be...
L’immortalità dell’anima È cosa che tan...
Quegli prese la rosa e pianse....
Chi ragion vuol tutta geloSenza...
Non v'è in terra virtù senza pianto. (da...
Ad amare l'umanità, è d'uopo saper mirar...
Bella è sempre la pietà verso gl'infelic...
Chi mente, se anche non viene scoperto,...
L'adempimento del dovere è talmente nece...
La gratitudine è l'anima della religione...
La verità è Dio. Amar Dio ed amare la ve...
Non disonorare il sacro nome d'amico, da...
Non volerti sforzare ad avere amici. È m...
Per credere, è d'uopo voler credere, è d...
Quand'hai commesso un torto, non mentir...
Tutto ciò che impari, t'applica ad impar...
Amore è di sospetti fabbro. (I, I...
Vederti, udirti, e non amarti... uman...
BellaCome un angel, che Dio crea...
T'amo, Francesca, t'amo,E disper...
Ah, pace,O esacerbati spiriti fr...
Chi opera per sincera coscienza può erra...
Il vivere libero è assai più bello del v...
L'uomo si reputa migliore, aborrendo gli...
La disgrazia di non piangere è una delle...
Non v'è dubbio che ogni condizione umana...
Simile ad un amante maltrattato dalla su...
Un'anima umana, nell'età dell'innocenza,...
Una diffidenza moderata può esser savia:...

Scrivi un commento







Libro | Scrittore | Citazione

Aiutaci!
Donazioni BitCoin:
132vG2BSxxG5FLGWpVRe8t9FsW2iiCSNqg
Aiuta ALK Libri donando Bitcoin

Sì | No