Inizio > Indice Recensioni > Scheda: La sonata a Kreutzer e altri racconti di Lev Tolstoj

"La sonata a Kreutzer e altri racconti" di Lev Tolstoj
Titolo:La sonata a Kreutzer e altri racconti
Autore:Lev Tolstoj
Tipologia del supporto:Digitale
Lingua:Italiano
Genere:Non definito
DRM:Non definito
Scarica con Retroshare:Formato: ePub
retroshare://file?name=La%20sonata%20a%20Kreutzer%20e%20altr
i%20racconti%20-%20Lev%20Tolstoj.epub&size=263290&hash=72961
fc67e56f00b887c75a936f9099f3dafe882


Pubblicato il:2013-03-23
:

629 visualizzazioni

Autore
Lev Tolstoj nacque in una nazione non definita, a Jàsnaja Poljana, nel 1828. Morì ad Astàpovo, nel 1910.

"La sonata a Kreutzer e altri racconti" è un libro scritto da Lev Tolstoj.

Questa versione in italiano è pubblicata da un editore non definito.

Incipit del libro La sonata a Kreutzer e altri racconti di Lev Tolstoj:




La sonata a Kreutzer e altri racconti





I

La primavera era appena cominciata. Viaggiavamo già da due giorni. Salivano e scendevano viaggiatori che percorrevano brevi distanze, ma ce n’erano tre che erano saliti alla stazione dove il treno era partito, proprio come me: una signora piuttosto brutta, non più giovane, con il viso tormentato, un cappotto quasi da uomo e il cappellino, che fumava; un suo conoscente, tipo loquace sulla quarantina, con le sue cose nuove e ben ordinate; un signore di bassa statura che se ne stava in disparte e si muoveva a scatti, ancora piuttosto giovane ma coi capelli ricci precocemente incanutiti e due occhi stranamente scintillanti che si spostavano velocemente da un oggetto all’altro. Aveva un vecchio cappotto di buon taglio con il collo di astrakan e un grosso berretto, sempre di astrakan. Sotto il paltò, quando se lo sbottonava, si era visto il farsetto con la camicia russa ricamata. Un’altra caratteristica di questo signore consisteva poi nel fatto che, di tanto in tanto, emetteva strani suoni, come volesse espettorare o come se iniziasse una risata subito interrotta.

Per tutto il tempo del viaggio, questo signore aveva attentamente evitato contatti e rapporti con i viaggiatori. Se la vicina gli rivolgeva la parola, rispondeva rapido e brusco; leggeva o fumava guardando dal finestrino, oppure tirava fuori provviste dal suo vecchio sacco, beveva tè e mangiucchiava.

Mi sembrava si fosse stufato della propria solitudine e più volte avevo pensato di rivolgergli la parola, ma quando i nostri occhi si incontravano, cosa che - sedendo noi in diagonale uno di fronte all’altro - accadeva spesso, si girava dall’altra parte e si metteva a leggere o a guardare dal finestrino.

Il secondo giorno, verso sera, mentre eravamo fermi in una grande stazione, questo nervoso signore andò a prendere dell’acqua bollente e si preparò il tè. Il signore con le cose nuove e ben ordinate - come seppi in seguito, un avvocato con la signora dal cappotto quasi maschile che fumava accanto a lui, erano andati invece a prendere il tè in stazione.

Durante la loro assenza salirono sul treno varie persone nuove tra le quali un vecchio alto, rasato e rugoso -

chiaramente un mercante - con una pelliccia di martora e un berretto di panno dalla visiera enorme. Il mercante prese posto di fronte alla signora con l’avvocato e subito attaccò discorso con un giovane - dall’aspetto un commesso - che era salito in treno anche lui a quella stazione.

Io sedevo in diagonale di fronte a loro e, dato che il treno era fermo, nei momenti in cui non passava nessuno potevo sentire a tratti i loro discorsi. Da principio il mercante spiegò che si stava recando nella sua proprietà, distante una stazione soltanto; poi, come al solito,


[...]
I libri catalogati di Lev Tolstoj:
"Perché la gente si droga?" e altri saggi su società, politica e religione
Anna Karenina
Che cosa è l'arte?
Che fare?
Confessioni
Contro la caccia e il mangiar carne
Discorso sulle edizioni popolari
Filipòk
Guerra e pace
I cosacchi
I Cosacchi E Altri Racconti
I diari
I quattro libri di lettura
I racconti di Sebastopoli
Idillio
Il bastoncino verde: scritti sul cristianesimo
Il Natale di Martin
Il padrone e il lavorante
Il Regno di Dio è in voi
Ivàn lo scemo
Citazioni di Lev Tolstoj:
C'erano momenti in cui, sotto il dominio...
Così come il dolore è una sensazione nec...
Dio è quell'infinito Tutto, di cui l'uom...
Dove va l'ago va anche il filo....
Eroe del racconto, eroe che io amo con t...
I cavalli compiangono solamente se stess...
Il contenuto deve essere facile da ca...
Il poeta sottrae tutto il meglio della v...
Io più di chiunque altro sono debitore d...
L'arte è la più alta manifestazione di p...

Scrivi un commento







Libro | Scrittore | Citazione

Aiutaci!