Inizio > Indice Recensioni > Scheda: Il Bacio Perduto di Lara Adrian

"Il Bacio Perduto" di Lara Adrian
Titolo:Il Bacio Perduto
Autore:Lara Adrian
Editore:Leggereditore
Tipologia del supporto:Digitale
Lingua:Italiano
Genere:Non definito
Tags:Fiction, Horror
Codice ISBN:9788865080306
DRM:Non definito
Pubblicato il:2013-03-23
:

683 visualizzazioni

Autore
Lara Adrian è nato in una nazione non definita.

"Il Bacio Perduto" è un libro di Lara Adrian.

Questa edizione in italiano è stata stampata da Leggereditore (ISBN: 9788865080306).

INFORMAZIONI EDITORIALI

La bellissima Elise Chase si aggira senza tregua per le strade di Boston. Armata di un'antica daga e spinta da un violento desiderio di vendetta, sa ciò che vuole e non si fermerà finché non l'avrà ottenuto.
Dà la caccia a coloro che le hanno strappato l'amore più grande della sua vita: il figlio. Finora ha utilizzato incredibili poteri psichici, ma adesso è giunto il momento di imparare a controllarli, perché la stanno lentamente uccidendo. La sua ultima speranza è rappresentata dall'incontro con l'affascinante e tenebroso Tegan il vampiro…
Presto fra i due nascerà un'insolita alleanza, un legame che andrà ben oltre il mero interesse personale, e che esploderà in un'onda incontenibile di desiderio. Perché persino un cuore di ghiaccio, che per secoli ha resistito a qualunque tentazione, può vacillare di fronte alla passione.

Incipit del libro Il Bacio Perduto di Lara Adrian:










/**/




Capitolo Uno

Camminava in mezzo a loro senza essere notata: una pendolare come tanti altri nell'ora di punta pomeridiana che arrancava nella neve caduta di fresco quel febbraio, diretta alla stazione ferroviaria. Nessuno prestava la minima attenzione alla donna minuta nella giacca a vento troppo grande, col cappuccio tirato, e la sciarpa che le nascondeva la faccia fin sotto gli occhi, che osservava la folla di pedoni umani con acuto interesse. Troppo acuto, sapeva, ma non poteva farne a meno.



Non vedeva l'ora di essere là fuori in mezzo a loro, impaziente di trovare la sua preda.



Dalle cuffiette del lettore mp3 portatile, il fragoroso martellare di musica rock le risuonava nella testa. Non era suo. Era appartenuto a suo figlio adolescente... a Camden. Il dolce Cam, che era morto solo quattro mesi prima, una vittima della guerra sotterranea di cui ora anche Elise stessa faceva parte. Era lui la ragione per cui si trovava qui, ad aggirarsi per le strade affollate di Boston con un pugnale nella tasca della giacca e una lama dal filo in titanio assicurata alla coscia. Ora più che mai, Camden era la sua ragione di vita.



La sua morte non poteva rimanere impunita.



Elise attraversò a un semaforo e procedette lungo la strada verso la stazione. Poteva vedere le persone parlare mentre le superava, le loro labbra che si muovevano in silenzio, le loro parole - ancora più importante, i loro pensieri - smorzate dai testi aggressivi, dalle chitarre urlanti e dal pulsare ritmico del basso che riempiva le sue orecchie e le riverberava nelle ossa. Non sapeva di preciso cosa stesse ascoltando, né aveva importanza. Tutto quello che le occorreva era il rumore, forte e che durasse abbastanza a lungo per farla arrivare al luogo della caccia.



Entrò nell'edificio, solo un'altra persona in una fiumana di umanità in movimento. La luce si riversava da tubi fluorescenti sul soffitto. L'odore di sudiciume di strada, umidità e troppi corpi assalì il suo naso attraverso la sciarpa. Costretta a dividersi attorno a lei, la folla semovente la superò da entrambi i lati, e molti la urtavano o la spintonavano via nella loro fretta di prendere il treno successivo. Più d'uno le rivolse un'occhiataccia nel passare, indirizzandole improperi per essersi fermata così di colpo in mezzo ai piedi.



Dio, quanto detestava tutto questo contatto, ma era necessario. Trasse un respiro per calmarsi, poi allungò una mano in tasca e spense la musica. Il frastuono della stazione si riversò su di lei come un'onda, avviluppandola con il chiasso di voci, lo strascichio di piedi, il traffico di fuori e il fragoroso raschiare metallico del treno in arrivo. Ma questi rumori non erano nulla paragonati agli altri che la sommersero ora.



Pensieri orrendi, cattive intenzioni, peccati segreti, aperte ostilità... Tutto quanto si rimestava attorno a lei come una


[...]
I libri catalogati di Lara Adrian:
il bacio cremisi
Il Bacio del Risveglio
Il bacio di mezzanotte
Il Bacio Eterno
Il bacio oscuro
Il Bacio Perduto
Il Bacio Svelato

Scrivi un commento







Libro | Scrittore | Citazione

Aiutaci!