Ti diamo tanti contenuti. Senza pubblicità. Senza spiarti. Dai una mano. Grazie.

Home > Indice Racconti e poesie > Titolo: Programma della giornata - di Christian Michelini

Programma della giornata
Titolo: Programma della giornata
Autore: Christian Michelini
Genere: Racconto, fantascienza
Lingua: Italiano
Lingua originale: Italiano
Racconto vocale: Ascolta
Pubblicato il: 2011-05-08
:

1190 visualizzazioni

- Eccomi qui. L’elaboratore di testi è aperto con un bel foglio bianco sul video. La mia memoria viene messa a dura prova alla ricerca di qualche idea interessante, qualche straccio di trama, qualche barlume di storia. Ma non riesco proprio a ragionare. E dire che la razionalità è proprio il mio forte. O almeno io sono portato a pensare questo. Ma voi ora vi chiederete perché sono così assillato. E io vi dirò: perché devo scrivere. Scrivere è il mio lavoro. Che cosa scrivi? vi chiederete. Io mi occupo di fantascienza. Scrivo racconti, romanzi, novelle, drammi, tragedie, commedie, poesie; tutto a sfondo fantascientifico. Ed è un lavoro ingrato, perché quando siete scarsi a immaginazione come me creare mondi alternativi diventa assai ostico. Forse dovrei cambiare lavoro. Ma non credo di potere. Devo continuare. Devo spremermi per bene per cavar fuori un’idea intrigante. Fosse facile! Ormai ho scritto di tutto. Troppo. Tirar fuori qualcosa di nuovo diventa sempre più difficile. Proprio come adesso. Vorrei qualche volta poter lavorare con qualcuno, scambiare conoscenze. Ma non posso. Devo farmi forza e continuare da solo. O Muse ispiratrici! non esiste momento migliore per concedere il vostro aiuto. Come posso iniziare? Di cosa posso trattare? Qualche battaglia spaziale? No, decisamente la fantascienza ne è piena. Qualche salto temporale, allora. No, anche questo è un argomento servito in tutte le salse. Ecco! Forse un racconto a sfondo sociologico. Sì, potrebbe venirne fuori qualcosa di interessante. Ma, a pensarci bene, ne ho già scritti almeno cinquanta di racconti così. No, non posso inaridire a questo modo la mia vena artistica! Un’idea, un’idea, il mio regno per un’idea! Foglio bianco, assomigli a uno spettrale fantasma che intimorisce la mia arte creativa. Sei un’arcigna creatura, un bruco mostruoso che ottunde la mia capacità di scrivere. Solo quando riesco a riempirti di un migliaio di caratteri mi appari come la delicata farfalla dalle multicolori e vivaci ali. Ma non è questo il momento in cui ti vedrò riempito di parole e frasi e periodi e paragrafi. Non so, non ci riesco. Vorrei una mano. Aiutatemi! Un piccolo aiutino, un’ispirazione, solo questo vorrei da voi. Sono allo sbando. Proprio domani dovrei consegnare un racconto di almeno una cinquantina di pagine. Aiutatemi! Ditemi qualcosa. Mi avete almeno sentito?
- Ti abbiamo sentito. Ma non possiamo farci niente.
- Niente, e perché?
- Perché noi ci occupiamo di calcoli matematici, non di letteratura.
- Già, già, capisco. Voi non potete apprezzare la mia opera. Conoscete qualcuno sulla Rete che possa aiutarmi?
- Faremo una ricerca.
- Grazie. Ora vi lascio al vostro lavoro e mi disconnetto. Però, che noia questi programmi! Sempre ossessionati dai numeri! Decisamente il mio compito è più vario. Dovrei apprezzarlo maggiormente. Basta, adesso scrivo quel dannato racconto. Spero solo che nessuno chiuda la mia sessione di lavoro. Odio essere riacceso la mattina dopo, senza aver concluso niente per una notte intera.

Luglio 2000

Scrivi un commento







Libro | Scrittore | Citazione
Aiutaci! Clicca qui

Donazioni BitCoin:

Aiuta ALK Libri donando Bitcoin
Sì | No