Aiutaci. Grazie.

Inizio > Indice libri > Detto d'amore, di Dante Alighieri

Detto d'amore
Titolo:Detto d'amore
Autore:Dante Alighieri
Anno di pubblicazione:Decade del 1280
Lingua:Italiano
Lingua originale:Italiano
Formati disponibili:
Pubblicato il:2013-03-28
:

1074 visualizzazioni

Aggiungi ebook alla tua biblioteca

Amor sì vuole, e par-li,
Ch'i' 'n ogni guisa parli
E ched i' faccia un detto,
Che sia per tutto detto,
Ch'i' l'ag[g]ia ben servito.
Po' ch'e' m'eb[b]e 'nservito
E ch'i' gli feci omaggio,
I' l'ò tenuto o·maggio
E ter[r]ò giamà' sempre;
E questo fin asempr' è
A ciascun amoroso,
Sì c[h]'Amor amoroso
No·gli sia nella fine,
Anzi ch'e' metta a fine
Ciò ch'e' disira avere,
Che val me' c[h]'altro avere.
Ed egli è sì cortese
Che chi gli sta cortese
Od a man giunte avante,
Esso sì' l mette avante
Di ciò ched e' disira,
E di tutto il dis-ira.
Amor non vuol logag[g]io,
Ma e' vuol ben, lo gag[g]io,
Ch'è 'l tu' cuor, si'a lu' fermo.
Allor dice: «I' t'afermo
Di ciò che·ttu domandi,
Sanza che·ttu do·mandi»;
E dónati in presente,
Sanz'esservi presente
Di fino argento o d'oro,
Perch'i' a·llui m'adoro
Come leal amante.
A·llu' fo graz[z]e, amante
Quella che d'ogne bene
È sì guernita bene
Che 'n le' non truov' uon pare;
E quand' ella m'apare,
Sì grande gioia mi dona
Che lo me' cor s'adona
A le' sempre servire,
E di le' vo' serv' ire,
Tant' à in le' piacimento.
Non so se piacimento
Le' fia ched i' la serva:
Almen può dir che serv' à,
Come ch'i' poco vaglia.
Amor nessun non vaglia,
Ma ciascun vuole ed ama,
Chi di lui ben s'inama,
E di colu' fa forza
che ['n] compiacer fa forza
E nonn-à, i·nulla, parte.
Amor i·nulla part' è
Ch'e' non sia tutto presto
A fine amante presto.
Così sue cose livera
A chi l'amor no·llivera
E mette pene e 'ntenza
In far sua penetenza
Tal chente Amor comanda
A chi a·llu s'acomanda;
E chi la porta in grado,
Il mette in alto grado
Di ciò ched e' disia:
Per me cotal dì sia!
Per ch'i' già non dispero,
Ma ciaschedun dì spero
Merzé, po' 'n su' travaglio
I' son sanza travaglio,
E sonvi sì legato
Ch'i' non vo' che legato
Giamai me ne prosciolga:
Se·nn'à d'altri pro', sciolga!
Ch'i' vo' ch'Amor m'aleghi,
Che che Ragion m'alleghi:
Di lei il me' cor sicura,
Né più di lei non cura;
Ella si fa dïessa:
Né·ffu né fia di essa.
Amor blasma ed isfama
E dice ch'e' di[s]fama,
Ma non del mi', certano:
Perch'i' per le' certan ò
Che ciaschedun s'abatte;
Me' ched Amor sa, batte.
Ed a me dice: «Folle,
Perché così t'afolle
D'aver tal signoria?
I' dico, signó·ri' à
Chi porta su' sug[g]ello.
I' per me non sug[g]ello,
Della sua 'mprenta, breve,
Ch'e' troppo corta e breve
La gioia, e la noia lunga.
Or taglia ' geti, e lunga
Da lui, ch'eg[i] è di parte
Che, chi da lu' si parte,
E' fug[g]e e si va via.
Or non tener sua via,
Se vuo' da·llu' campare;
E se non, mal camp' are,
Che biado non vi grana,
Anzi perde la grana
Chiunque la vi getta.
Perdio, or te ne getta
Di quel falso diletto,
E fa che si'a diletto
Del mi', ched egli è fine,
Che dà gioia sanza fine.
Lo dio dov' ài credenza
Non ti farà credenza
Se non come Fortuna.
Tu·sse' in gran fortuna,
Se non prendi buon porto
Per quel ched i' t'ò porto,
Ed a me non t'aprendi
E 'l mi' sermone aprendi.
Or mi rispondi e di',
Ch'egli è ancor gran dì
A farmi tua risposta;
Ma non mi far risposta
A ciò ch'i' ò proposato.
Dì tu se pro' posat' ò».
E, quand' i' eb[b]i intesa
Ragion, ch'è stata intesa
A trarmi de la regola
D'Amor, che 'l mondo regola,
I' le dissi: «Ragione,
I' ò salda ragione
Con Amor, e d'acordo
Siàn ben del nostro acordo,
Ed è scritto a mi' conto
Ch'i' non sia più tu' conto.
È la ragion dannata;
Perch'i' t'ò per dannata,
Ed eb[b]i, per convento,
Po' ch'i' fu' del convento
D'Amor, cu' Dio man tenga,
E sempr' e' me mantenga.
Tu mi vuo' trar d'amare
E di' c[h]'Amor amar' è:
I' 'l truovà' dolce e fine
E su' comincio e fine
Mi pia[c]que e piacerà,
Ché 'n sé gran piacer'à.
Or come viverêo?
Sanz'Amor vive reo
Chi si governa al mondo;
Sanz'Amor egli è mondo
D'ogne buona vertute,
Né non può far vertute;
Sanz'Amor sì è nuìa,
Che, con cu' regna, envia
D'andarne dritto al luogo
Là dove Envia à·lluogo.
E perciò non ti credo,
Se·ttu dicess' il Credo
E 'l Paternostro e·ll'Ave,
Sì poco in te senn'àve.
Adio, ched i' mi torno,
E fine amante torno
Per devisar partita
Com' ell' è ben partita
E di cors e di membra,
Sì come a me mi membra».
Cape' d'oro battuto
Paion, che m'àn battuto,
Quelli che porta in capo,
Per ch'i' a·llor fo capo.
La sua piacente ciera
Nonn-è sembiante a cera,
Anz' è sì fresca e bella
Che lo me' cor s'abella
Di non le mai affare,
Tant'à piacente affare.
La sua fronte, e le ciglia,
Bieltà d'ogn' altr' eciglia:
Tanto son ben voltati
Che' mie' pensier' voltati
Ànno ver' lei, che gioia
Mi dà più c[h]'altra gioia
In su' dolze riguardo.
Di n[i]u·mal à riguardo
Cu' ella guarda in viso,
Tant'à piacente aviso;
Ed à sì chiara luce
Ch'al sol to' la sua luce,
E l'oscura e l'aluna
Sì come il sol la luna.
Per ch'i' a quella spera
Ò messa la mia spera,
E s'i' ben co·llei regno,
I' non vogli' altro regno.
La bocca e 'l naso e 'l mento
À più belli, e non mento,
Ch'unque nonn-eb[b]e Alena;
Ed à più dolce alena
C[he ne]ssuna pantera.
Per ch'i' ver' sua pantera
I' mi sono, 'n fed', ito,
E dentro v'ò fedito;
Ed èmene sì preso
Ched i' vi son sì preso
Che mai, di mia partita,
No·mi farò partita.
La gola sua, e 'l petto,
Sì chiar' è, ch'a Dio a petto
Mi par esser la dia
Ch'i' veg[g]io quella dia.
Tant'è bianca e lattata,
Che ma' non fu alattata
Nulla di tal valuta.
A me tropp' è valuta.
Ched ella sì m'à dritto
In saper tutto 'l dritto
C[h]'Amor usa in sua corte,
Ch'e non v'à leg[g]e corte.
Mani à lunghette e braccia.
E chi co·llei s'abraccia
Giamai mal nonn-à gotta:
Né di ren' né di gotta:
Il su' nobile stato
Sì mette in buono stato
Chiunque la rimira.
Per che 'l me' cor si mira
In lei e notte e giorno,
E sempre a·llei ag[g]iorno,
Ch'Amor sì·ll'à inchesto,
Néd e' non à inchesto
Se potesse aver termine,
C[h]'amar vorria san' termine.
E quando va per via,
Ciascun di lei à 'nvia
Per l'andatura gente;
E quando parla a gente,
Sì umilmente parla
Che boce d'agnol par là.
Il su' danzar e 'l canto
Val vie più ad incanto
Che di nulla serena,
Ché·ll'aria fa serena:
Q[u]ando la boce lieva,
Ogne nuvol si lieva
E l'aria riman chiara.
Per che 'l me' cor sì chiar'à
Di non far giamai cambio
Di lei a nessun cambio;
Ch'ell'è di sì gran pregio
Ch'i' non troveria pregio
Nessun, che mai la vaglia.
Amor, se Dio mi vaglia,
Il terreb[b]e a·ffollore,
E ben saria foll' o re'
Quand' io il pensasse punto.
M'Amor l'à sì a punto
Nella mia mente pinta,
Ch'i' la mi veg[g]io pinta
Nel cor, s'i' dormo o veglio.
Unque asessino a·Veglio
Non fu giamai sì presto,
Né a Dio mai il Presto,
Com' io a servir [a]mante
Per le vertù c'à mante.
E s'io in lei pietanza
Truov', o d'una pietanza
Del su'amor son contento,
I' sarò più contento,
Per la sua gran valenza,
Che s'io avesse Valenza.
Se Gelosia à 'n sé gina
Di tormene segina,
Lo Dio d'Amor mi mente:
Chéd i' ò ben a mente
Ciò ched e' m'eb[b]e in grado
Sed i' 'l servisse a grado.
Ben ci à egli un camino
Più corto, né 'l camino,
Perciò ch'i' nonn-ò entrata
Ched i' per quell'entrata
Potesse entrar un passo.
Ric[c]hez[z]a guarda il passo,
Che non fa buona cara
A que' che no·llà cara.
E sì fu' i' sì sag[g]io
Ched i' ne feci sag[g]io
S'i' potesse oltre gire.
«Per neente t'ag[g]ire»,
Mi disse, e co·mal viso:
«Tu·sse' da me diviso,
Perciò il passo ti vieto;
Non perché·ttu sie vieto,
Ma·ttu no·m'acontasti
Unque, ma mi contasti;
E ïo ciascù·schifo.
Va tua vita e sì procaccia,
Ch'i' so ben, chi pro' caccia,
Convien che bestia prenda.
Se fai che Veno imprenda
La guerr' a Gelosia,
Come che 'n gelo sia,
Convien ch'ella si renda,
E ched ella ti renda
Del servir guiderdone,
Senza che guiderdone,
Ma tutor ti ricorde:
Se ma' meco t'acorde,
Oro e argento aporta;
I' t'aprirò la porta,
Sanza che·ttu facci' oste.
E sì avrai ad oste
Folle-Larghez[z]a mala,
Che scioglierà la mala
E farà gran dispensa
In sale ed in dispensa
E 'n guardarobe e 'n cella.
Povertà è su'ancella:
Quella convien t'apanni
E che·tti trag[g]a ' panni
E le tue buone calze,
Che giamai no·lle calze,
E la camiscia e brache,
Se·ttu co·lle t'imbrache.
Figlia fu a Cuor-Fallito:
Perdio, guarda 'n fall' ito
Non sia ciò ch'i' t'ò detto;
E sie conmeco adetto,
E mostra ben voglienza
D'aver mia benvoglienza;
Ché Povertat' è insom[m]a
D'ogne dolor la somma.
Ancor non t'ò nomato
Un su' figliuol nomato:
Imbolar uon l'apella;
Chi da·llu' non s'apella,
Egli 'l mena a le forche,
Là dove nonn-à for che
E' monti per la scala,
Dov'ogne ben gli scala,
E danza a·ssuon di vento,
Sanz' avé·mai avento.
Or sì·tt'ò letto il salmo:
Ben credo, a mente sa' 'l mo',
Sì 'l t'ò mostrato ad agio.
Se mai vien' per mi agio,
Pensa d'esser maestro
Di ciò ch'i' t'amaestro,
Che Povertà tua serva
Non sia, né mai ti serva,
Ché 'l su' servigio è malo,
E ben può dicere "mal ò"
Cu' ella spoglia o scalza:
Ché d'ogne ben lo scalza,
E mettelo in tal punto
Ch'a vederlo par punto.
E gli amici e ' parenti
No·gli son aparenti:
Ciascun le ren' gli torna
E ciascun se ne torna.
..............................».

*
..............................

Perch'Amor m'ag[g]ia matto,
O che mi tenga a matto
Ragion, cui poco amo,
Già, se Dio piace, ad amo
Ch'ell' ag[g]ia no m'acroc[c]o.
Amor m'à cinto il croc[c]o,
Con che vuol ched i' tenda
S'i' vo' gir co·llui 'n tenda.
E dice, s'i' balestro
Se non col su' balestro,
O s'i' credo a Ragione
Di nulla sua ragione
Ch'ella mi dica o punga,
O sed i' metto in punga
Ric[c]hez[z]za per guardare,
O s'i' miro in guardare,
A·llui se non, ciò ch'ò,
Di lui non faccia cò;
Ma mi getta di taglia,
E dice che 'n sua taglia
I' non prenda ma' soldo,
Per livra né per soldo
Ched i' giamà' gli doni.
Amor vuol questi doni:
Corpo e avere e anima;
E con colui s'inanima,
Chi gliel dà certamente
(E chi altr' ac[c]erta, mente),
E sol lui per tesoro
Vuol ch'uon metta 'n tesoro.
E chi di lui è preso,
Sì vuol ch'e' sia apreso
D'ogne bell' ordinanza
Che 'l su' bellor dinanza.
Chi 'l cheta com' e' dee,
S'achita ciò ch'e' dee.
D'orgoglio vuol sie vòto,
Chéd egli à fatto voto
D[i] non amarti guar' dì
Se d'orgoglio no'l guardi:
Ché fortemente pec[c]a
Que' che d'orgoglio à pec[c]a.
Cortese e franco e pro'
Convien che sie, e pro'
Salute e doni e rendi:
Se·ttu a·cciò ti rendi,
D'Amor sarai in grazia,
E sì ti farà grazia.
E se se' forte e visto,
A caval sie avisto
Di punger gentemente,
Sì che la gente mente
Ti pongan per diletto.
Non ti truovi di letto
Matino a qualche canto.
Se·ttu sai alcun canto,
Non ti pesi il cantare
Quanto pesa un cantare,
Sì che n'oda la nota
Quella che 'l tu' cor nota.
Se·ssai giucar di lancia,
Prendila e sì·lla lancia,
E corri e sali e salta,
Che troppo gente asalta:
Far cosa che·llor seg[g]ia
Gli mette in alta seg[g]ia.
Belle robe a podere,
Secondo il tu' podere,
Vesti, fresche e novelle,
Sì che n'oda novelle
L'amor cu' tu à' caro
Più che 'l Soldano il Caro.
E s'elle son di lana,
Sì non ti paia l'ana
A devisar li 'ntagli,
Se·ttu à' chi gli 'ntagli.
Nove scarpette e calze
Convien che tuttor calze;
Della persona conto
Ti tieni; e nul mal conto
Di tua boc[c]a non l'oda,
Ma ciascun pregia e loda.
Servi donne ed onora,
Ché via troppo d'onor' à
Chi vi mette sua 'ntenta.
S'alcuno il diavol tenta
Di lor parlare a taccia
Sì li dì che·ssi taccia.
Sie largo; e d'altra parte
Non far del tu' cuor parte;
Tutto 'n quel luogo il metti
Là dove tu l'ametti:
Ch'egli è d'Amor partito
Chi 'l su' cuor à partito,
Ch'e' non tien leal fino
Chi va come l'alfino,
Ma sol con que' s'acorda
Che 'l su' camin vâ corda.
Mi' detto ancor non fino,
Ché d'un amico fino
Chieder convien ti membri,
Che metta cuor e membri
Per te se·tti bisogna,
E 'n ogne tua bisogna
Ti sia fedele e giusto.
Ma, fé che dô a san Giusto,
Seminati son chiari
I buon' amici chiari.
Ma, se 'l truovi perfetto,
Più ricco che 'l Perfetto
Sarai di sua compagna;
E s'à bella compagna,
La tua fia più sicura,
Ché Veno non si cura
Che non faccia far tratto,
Di che l'amor è tratto.
Di lor più il fatto isveglia,
Né ma' per suon di sveglia
Né per servir ch'e' faccia
No 'l guarda dritto in faccia
.....................................
......................................

Audiolibri di:Dante Alighieri
Vita nuova
Audiolibro dell'opera "Vita nuova" di Dante Alighieri.
Citazioni di Dante Alighieri:
Poscia, più che il dolor, poté il digiun...
Da poppa stava il celestial nocchiero, t...
Ecco Dite... Ed ecco il loco ove convien...
Ma tu che sol per cancellare scrivi....
Un diavolo è qui dietro che m’accisma....
Sa di sale lo pane altrui....
Per me si va ne la città dolente, per m...
Vuolsi così colà dove si puote ciò che...
Non ragioniam di lor, ma guarda e passa....
Coloro che visser sanza 'nfamia e sanza...
Amor, ch'al cor gentil ratto s'apprende....
Amor, ch'a nullo amato amar perdona....
Fatti non foste a viver come bruti, ma...
Che se in Fiorenza per via onorata non s...
Dio è Uno; l'Universo è un pensiero di D...
Non ti curar di loro, ma guarda e passa....
Ed ecco, quasi al cominciar dell'erta...
Ma non sì che paura non mi desse...
Temer si dee di sole quelle cose...
Donna è gentil nel ciel che si compia...
Per me si va ne la città dolente,...
Non ragioniam di lor, ma guarda e pas...
[NDR|Su Papa Celestino V]....
Vuolsi così colà dove si puoteci...
Caron dimonio, con occhi di bragia...
«Figliuol mio,» disse 'l maestro cort...
[NDR|Su Virgilio] Onora...
Mira colui con quella spada in mano,...
Poi ch'innalzai un poco più le ciglia...
Democrito, che 'l mondo a caso pone....
«La prima di color di cui novelle...
Amor, ch'al cor gentil ratto s'appren...
E quella [NDR|Francesca]...
Mentre che l'uno spirto questo disse,...
Voi cittadini mi chiamaste Ciacco:...
[[w:Pape Satàn, pape Satàn aleppe|Pap...
Questi fuor cerchi, che non han coper...
Fitti nel limo dicon: [NDR|...
Or se' giunta, anima fella! (il d...
Quanti si tegnon or là sù gran regi...
Chi è costui che sanza morteva p...
Chi m' ha negate le dolenti case!...
O voi ch'avete li 'ntelletti sani,...
D'ogne malizia, ch'odio in cielo acqu...
Puossi far forza ne la deïtade,c...
La frode, ond'ogne coscïenza è morsa,...
O sol che sani ogne vista turbata,...
Io son colui che tenni ambo le chiavi...
L'animo mio, per disdegnoso gusto,...
Poi si rivolse, e parve di coloro...
Ahi quanto cauti li uomini esser dien...
Sempre a quel ver c' ha faccia di men...
Ecco la fiera con la coda aguzza,...
O Simon mago, o miseri seguacich...
O somma sapïenza, quanta è l'arte...
E io: "Tanto m'è bel, quanto a te pia...
Ed el [NDR|papa Niccolò III...
Nuovo Iasón sarà, di cui si legge...
Deh, or mi dì: quanto tesoro volle...
Se Dio ti lasci, lettor, prender frut...
Ancor se' tu de li altri sciocchi?...
Mira c' ha fatto petto de le spalle;...
Suso in Italia bella giace un laco,...
Fer la città sovra quell'ossa morte;...
E io: "Maestro, i tuoi ragionamenti...
Quell'altro che ne' fianchi è così po...
Mettetel sotto, ch'i' torno per anch...
Ed elli avea del cul fatto trombetta....
Ahi Pistoia, Pistoia, ché non stanzi...
Nella settima bolgia delle [[w:M...
Godi, Fiorenza, poi che se' sì grande...
Là dentro si martiraUlisse e Dïo...
Considerate la vostra semenza:fa...
Cinque volte racceso e tante casso...
[NDR|Cesena] E quella c...
Io fui uom d'arme, e poi fui cordigli...
Ch'assolver non si può chi non si pen...
Mentre che tutto in lui veder m'attac...
Rimembriti di Pier da Medicina,s...
Coscïenza m'assicura,la buona co...
«Io fui d'Arezzo, e Albero da Siena»,...
Or fu già maigente sì vana come...
Maggior difetto men vergogna lava...
Ché voler ciò udire è bassa voglia...
Dove l'argomento de la mentes'ag...
Qual pare a riguardar la Garisenda...
La bocca sollevò dal fiero pasto...
Questi pareva a me maestro e donno,...
Ben se' crudel, se tu già non ti duol...
Poscia, più che 'l dolor, poté 'l dig...
Ahi Pisa, vituperio de le gentid...
Ahi Genovesi, uomini diversid'og...
Libertà va cercando, ch'è sì cara,...
Già era 'l sole a l'orizzonte giunto...
Noi eravam lunghesso mare ancora,...
O dignitosa coscïenza e netta,co...
State contenti, umana gente, al q...
Ché perder tempo a chi più sa più spi...
Come le pecorelle escon del chiuso...
[NDR|Incontro con Manfredi di Sici...
[[w:Or le bagna la pioggia e move il...
Orribil furon li peccati miei;ma...
Per lor maladizion sì non si perde,...
Che ti fa ciò che quivi si pispiglia?...
Vien dietro a me, e lascia dir le gen...
Ond'io, che solo innanzi a li altri p...
[NDR|Su Pia de' Tolomei]...
Pur Virgilio si trasse a lei, pregand...
Ahi serva Italia, di dolore ostello,...
Ahi gente che dovresti esser devota,...
Rade volte risurge per li rami ...
Era già l'ora che volge il disio...
Per lei Beatrice d'Este, mogli...
Oh vana gloria de l'umane posse!...
Colui [NDR|Provenzano Salva...
[NDR|Su Provenzano Salvani]...
Mostrava come i figli si gittaro...
Or superbite, e via col viso altero,...
A noi venìa la creatura bella,bi...
O gente umana, per volar sù nata,...
Ahi quanto son diverse quelle foci...
Tu li vedrai tra quella gente vana...
Oh Romagnuoli tornati in bastardi!...
Che volse dir lo spirto di Romagna...
Lume v'è dato a bene e a malizia....
Le leggi son, ma chi pon mano ad esse...
Ciascun confusamente un bene apprende...
Fino a quel punto misera e partita...
Perché men paia il mal futuro e 'l fa...
De l'Eneïda dico, la qual mammaf...
Veramente più volte appaion cose...
Facesti come quei che va di notte,...
Poi disse [NDR|Stazio]...
Io dicea fra me stesso pensando: 'Ecc...
Tutta esta gente che piangendo canta...
Sì accostati a l'un d'i due vivagni ...
La nova gente: "Soddoma e Gomorra";...
Poca favilla gran fiamma seconda....
Trasumanar significar per verban...
Intra due cibi, distanti e moventi...
Volontà, se non vuol, non s'ammorza,...
Apri la mente a quel ch'io ti paleso...
Siate, Cristiani, a muovervi più grav...
E la bella Trinacria, che caliga...
Ma tosto fia che Padova al palude...
Per questo l'Evangelio e i dottor mag...
E se le fantasie nostre son basse...
[NDR|Su Francesco e Domenico]...
Intra Tupino e l'acqua che discende...
Ché dentro a li occhi suoi ardeva un...
Sempre la confusion de le persone...
E come 'l volger del ciel de la luna...
Tu proverai sì come sa di salelo...
E quel che mi convien ritrar testeso...
Or tu chi se', che vuo' sedere a scra...
In quel loco fu' io Pietro Damiano,...
L'aiuola che ci fa tanto feroci,...
La Chiesa militante alcun figliuolo...
Opera naturale è ch'uom favella;...
Quand' ïo udi': «Se io [NDR...
Vergine Madre, figlia del tuo figlio,...
E come quei che con lena affannata...
E qual è quei che volontieri acquista...
E qual è quei che disvuol ciò che vol...
Quali i fioretti, dal notturno gelo...
Diverse lingue, orribili favelle,...
Come d'autunno si levan le foglie...
Io venni in luogo d'ogni luce muto,...
E come li stornei ne portan l'ali...
Quali colombe, dal disio chiamate,...
Qual è quel cane ch'abbaiando agogna,...
Quali dal vento le gonfiate vele...
Come fa l'onda là sovra Cariddi,...
La similitudine in Dante, pur nella sua...
Ecco un iddio più forte di me, che viene...
L'anima era tutta data nel pensare di qu...
Lo viso mostra lo color del core....
Ingégnati, se puoi, d'esser palese....
Tanto gentile e tanto onesta pare...
Consentire è un confessare, villanìa fa...
Voi che 'ntendendo il terzo ciel move...
Chi veder vuol la salute,faccia...
Ma però che non subitamente nasce amore...
Dico che intra tutte le bestialitadi que...
[...] la dottrina veracissima di Cristo,...
Non dee l'uomo, per maggiore amico, dime...
Amor che ne la mente mi ragionad...
Non vede il sol, che tutto 'l mondo g...
Filosofia non è altro che amistanza a sa...
Nullo sensibile in tutto lo mondo è più...
Le dolci rime d'amor ch'i' solia...
È gentilezza dovunqu'è vertute,m...
Tale imperò che gentilezza Qui...
Veramente Aristotile, che Stagirite ebbe...
E però che la perfezione di questa moral...
Guido, i' vorrei che tu Lapo ed io...
Se io sarò là dove siaFioretta m...
Tu, Violetta, in forma più che umana,...
«Or ecco leggiadria di gentil core,...
Un dì si venne a me Malinconiae...
Dovunque può essere litigio, ivi debbe e...
L'umana generatione, quando è massime li...
Amore, e Carità suo fuoco accese...
... AltissimoSignor del sommo ca...
Che Dante non amasse l'Italia, chi vorrà...
Conoscere e descrivere la mente di Dante...
Credo che tutti i lettori di Dante siano...
Dante Alighier, s'i' so' bon begolard...
Dante Alighieri che sorresse il mondo...
Dante alla porta di Paolo e Francesca...
Dante, che è Dante, non ebbe sempre lo s...
Dante ci invita a guardare in alto, ma c...
Dante, come ogni altro grand'uomo, era p...
Dante insegna la strada maestra della no...
Dante non sarebbe forse partito mai da V...
Dante sembra il poeta della nostra epoca...
[...] dell'Italiano che più di niun altr...
Dopo Omero nessun poeta, per mio giudici...
E voi, cari ragazzi, di chi è stato il p...
Fu adunque questo nostro poeta di medioc...
'Incipit vita nova'. Comincia la vita nu...
Legger Dante è un dovere; rileggerlo è b...
O gran padre Alighier... (Vittori...
Quando si ha una salda educazione nazion...
Soltanto l'artista universale, il morali...
Anch'ei, tra 'l dubbio giorno d'un go...
Dante, onde avvien che i vóti e la fa...
Forti sembianze di novella vitaC...
Ogni città d'Italia quando l'Italia sarà...
Un uomo Italiano, il più grande fra gl'I...
Volete voi, Operai Italiani, onorare dav...
Chaucer aveva una conoscenza della vita...
Ci sono voluti due secoli di Provenza e...
Il Dio di Dante è divinità ineffabile, I...
La visione di Dante è reale, perché egli...
I libri catalogati di Dante Alighieri:
Convivio (1304-1307)
De Vulgari Eloquentia (1303-1305)
Detto d'amore (Decade del 1280)
Divina Commedia
Egloghe
Egloghe (1319-1320)
Epistole
Fiore
Il Fiore
Inferno
La Divina Commedia
La divina commedia - Inferno (1304-1321)
La divina commedia - Paradiso (1304-1321)
La divina commedia - Purgatorio (1304-1321)
Monarchia
Monarchia (1312-13)
Paradiso
Purgatorio
Quaestio de aqua et de terra (1320)
Quaestio de aqua et terra
Rime
Vita nuova
Vita nuova (1293-1295)

Scrivi un commento







Libro | Scrittore | Citazione

Aiutaci!
Donazioni BitCoin:
132vG2BSxxG5FLGWpVRe8t9FsW2iiCSNqg
Aiuta ALK Libri donando Bitcoin

Sì | No