Inizio > Indice Citazioni > Citazione di Abhinavagupta

Informazioni
Autore:Abhinavagupta
Selezionata da:wiki
Citazione:Dopo di ciò il maestro, fermo e concentrato, richiamandosi alla mente tutto quello che è stato fin qui detto, dopo unito fra di loro il corpo, etc., del discepolo ed il suo proprio corpo, soffio vitale e via dicendo, deve meditare come il tutto risieda dentro il suo proprio corpo, soffio vitale, etc. Basandosi quindi sulle concezioni anzidette, ben fermo e concentrato di mente, egli deve meditare come il cammino del tempo ed il cammino dello spazio riposino sul soffio vitale, come questo riposi sulla potenza, come questa riposi sulla coscienza e come la coscienza pura sia identica a Śiva, inseparata dalla coscienza del discepolo ed inseparata pure dal fuoco mantrico, etc.; (e così meditando), secondo il metodo già esposto, su Śiva, dispogliato o avviluppato o ambedue insieme, versare l'oblazione completa – (e tutto ciò) «coi sensi ben pacificati». (2013, 78b-82)
Pubblicato il:2014-03-15
:

761 visualizzazioni

Citazione precedente <-| |-> Citazione successiva
Citazioni di Abhinavagupta:
Chi è purificato da una vera esclusiva d...
Io rendo omaggio a Te, che trascendi il...
L'apparenza che ha valore pragmatico (...
L'illuminazione (prakāśa) che sor...
La potenza del Signore, pur adottando un...
Mi inchino davanti all'Assoluto non-dual...
Reale è l'ente che appare nel momento de...
In realtà non c'è nessun membro dello yo...
Allora, quando il Signore desidera disce...
Come ogni goccia d'acqua giunge infine a...
I libri catalogati di Abhinavagupta:
Īśvarapratyabhijñāvirmaśinī
Mālinīvijayavārttika
Parātriṃśikāvivaraṇa
Tantrāloka
Tantrasāra

Scrivi un commento







Libro | Scrittore | Citazione

Aiutaci!