Inizio > Indice Citazioni > Citazione di Aleksandr Isaevič Solženicyn

Informazioni
Autore:Aleksandr Isaevič Solženicyn
Tratto da:Arcipelago Gulag (Parte 1 e 2)
Lingua originale:Russo
Selezionata da:Christian Michelini
Citazione:Vlasov capitò nella cella 61.
Era prevista per un uomo solo: lunga cinque metri larga poco più di uno.
Due brande di ferro erano fissate al pavimento, su ciascuna si coricavano due condannati.
Altri quattordici erano sdraiati sul pavimento di cemento.
Per attendere la morte avevano lasciato meno di tre quarti di metro quadro a testa, sebbene si sappia da tempo che anche un morto ha diritto a due metri di terra, e parevano pochi a Cechov...
Pubblicato il:2011-05-04
:

1090 visualizzazioni

Citazione precedente <-| |-> Citazione successiva
Citazioni di Aleksandr Isaevič Solženicyn:
Vlasov capitò nella cella 61. Era previ...
[...] una dozzina di vermi non può roder...
Il «progresso» non deve più essere consi...
LA CRESCITA ECONOMICA NON SOLO NON È NEC...
L'odierna vita cittadina, alla quale è c...
Un uomo che è costretto a scassare con i...
Alla fine della mia vita posso sperare c...
Bisogna saper migliorare con pazienza qu...
C'è una parola che si usa molto oggi: "a...
Gli uomini hanno finito per convincersi,...
I libri catalogati di Aleksandr Isaevič Solženicyn:
Arcipelago Gulag
Arcipelago Gulag (Parte 1 e 2) (Архипела́г ГУЛА́Г) (1973)
Il primo cerchio
Padiglione cancro
Un giorno nella vita di Ivan Denisovič
Vivere senza menzogna (1974)

Scrivi un commento







Libro | Scrittore | Citazione

Aiutaci!