Ti diamo tanti contenuti. Senza pubblicità. Senza spiarti. Dai una mano. Grazie.

Home > Indice Biografie > Biografia di Thomas Mann

Thomas Mann
Autore: Thomas Mann
Nome originale: Paul Thomas Mann
Nazione: Germania
Nato nel: 1875
Morto nel: 1955
Nato a: Lubecca
Morto a: Zurigo
Biografia di: Franca Fontana
Pubblicato il: 2011-05-06
:

3268 visualizzazioni

Paul Thomas Mann (Lubecca 1875 - Zurigo 1955), scrittore tedesco fra i più grandi della letteratura europea del novecento.


Paul Thomas Mann (Lubecca 1875 - Zurigo 1955), scrittore tedesco fra i più grandi della letteratura europea del novecento.

Paul Thomas Mann nacque a Lubecca il 6 giugno 1875, secondo di cinque figli in una famiglia altoborghese. Il padre Thomas Johann Heinrich Mann era un ricco commerciante, colto e austero; la madre Julia da Silva-Bruhns, nata in Brasile, era giunta in Germania ancora bambina. Dotata di una elegante bellezza esotica e di una pregevole sensibilità musicale, amava suonare il piano accompagnandosi col canto per suo diletto e per rallegrare i figli.
Thomas Mann trascorse l'infanzia e l'adolescenza in un ambiente sereno, che favorì la sua inclinazione alla fantasticheria, alla riflessione, alla lettura e all'arte.
Nel 1891 il padre morì e la famiglia si trasferì a Monaco. Thomas Mann la raggiunse l'anno seguente, dopo aver portato a termine gli studi ginnasiali a Lubecca, durante i quali collaborò con la rivista scolastica "Fruehlingssturm" pubblicando alcuni articoli e recensioni.
A Monaco trovò un impiego presso una Società di assicurazioni, pur continuando a scrivere per passione nel tempo libero. La pubblicazione su di una rivista della novella "Perduta" (1894) segnò il suo debutto letterario, che meritò il plauso del poeta Richard Dehmel, una fra le più importanti personalità culturali della città, il quale lo esortò ad abbandonare l'impiego per dedicarsi esclusivamente alla scrittura.
Thomas Mann accolse con entusiasmo l'incoraggiamento ricevuto, sospendendo anche gli studi di letteratura presso l'Università di Monaco, iniziati per poter successivamente esercitare la professione di giornalista.
Thomas Mann, economicamente protetto da una rendita annuale ereditata dal padre, visse per qualche anno in stretto rapporto con gli ambienti culturali della città, si dedicò alla lettura di Ibsen, si interessò alla musica di Wagner, e collaborò, insieme al fratello maggiore Heinrich, con la rivista nazionalista "Il XX secolo". Contemporaneamente scrisse le novelle "Delusione", "Il pagliaccio", "Luiselle", e "Il piccolo signor Friedemann" (1898): quest'ultima gli procurò le lodi dell'editore berlinese Samuel Fischer, che consigliò al giovane Thomas di cimentarsi nella stesura di un'opera di più ampio respiro. Da questa esortazione, Tomas Mann trasse lo stimolo per la creazione del suo primo grande romanzo "I Buddenbrook" pubblicato nel 1901: in quest'opera autobiografica, che ebbe un immediato successo editoriale, e che rese più sicura anche la sua posizione economica, è narrata la storia di una ricca famiglia di commercianti che va in rovina, mentre la società in cui vive si avvia verso un inarrestabile decadimento. La trama del romanzo era stata concepita nel 1896, durante il periodo trascorso a Palestrina e a Roma, insieme al fratello Heinrich al quale era molto legato.
Erano stati mesi dedicati all'approfondimento dei grandi scrittori russi: Lev Nikolaevič Tolstoj, Ivan Sergeevič Turgenev, Hamsun, e allo studio delle filosofie di Nietzsche e di Schopenhauer.
Nel 1903 venne pubblicato un libro di racconti dal titolo "Tristano", che conteneva anche "L'armadio", "Gladius Dei" e "Tonio Kröger".
L'ispirazione per quest'ultimo racconto, considerato un capolavoro dai critici letterari, l'aveva avuta nel corso di un viaggio in Danimarca.
Nel 1905 Thomas Mann sposò Katia Pringsheim, discendente di una fra le più ricche e prestigiose famiglie della capitale del regno della Baviera. Dal matrimonio, nacquero sei figli: Erika (1905), Klaus (1906), Golo (1909), Monika (1910), Elisabeth (1918), e Michael (1919).
In quegli anni Thomas Mann pubblicò altre novelle: "Il fanciullo prodigio" (1903), "Dal Profeta" (1904), "L'incidente ferroviario" (1907), il dramma storico "Fiorenza" (1906), e il romanzo "Altezza reale" (1909). Nel 1912 uscì il romanzo breve "La morte a Venezia", in cui si dipana il conflitto interiore dell'artista fra arte e vita, dignità borghese e liberazione degli istinti, per risolversi in una tragica atmosfera satura di decadentismo.

Allo scoppio della prima guerra mondiale (1914-1918), si schierò a fianco della causa del nazionalismo tedesco, e con i saggi: "Pensieri di guerra" (1914) e "Federico e la grande coalizione" (1915), diversamente dalle posizioni progressiste del fratello Heinrich, con il quale entrò in forte contrasto, Thomas Mann sostenne le ragioni ideali del conflitto, nella convinzione che la Germania era stata costretta alla guerra per difendere i valori culturali autoctoni minacciati dalle idee democratiche divulgate dall'Occidente.
Poco dopo la fine della guerra pubblicò "Considerazioni di un apolitico" (1918). Con questa opera Thomas Mann, volle ancor più approfonditamente argomentare le sue posizioni in difesa degli ideali della civiltà spirituale tedesca, nonostante avesse già compreso, ancor prima che la guerra finisse, che non ci sarebbe stata la vittoria del germanesimo, e che il corso della storia ed il
rinnovamento non potevano essere fermati.
Nel 1919 Thomas Mann si ritirò dalla scena pubblica. Era necessario per lui ritrovare la propria tranquillità interiore nelle cose semplici e pacate della vita famigliare di ogni giorno. Da questo periodo nacquero due nuove composizioni: "Il poema della piccina" (1919) e "Cane e padrone" (1919). Nello stesso anno gli venne conferita dall'Università di Bonn la laurea Honoris causa della Facoltà di Lettere e Filosofia.
Ma nel 1922 drammatici avvenimenti politici lo richiamarono alla vita pubblica: recatosi a Berlino pronunciò il discorso "Della Repubblica tedesca" col quale assunse una chiara posizione in difesa della repubblica, e della ancor debole democrazia tedesca.
Da quel momento Thomas Mann scelse di assumere un ruolo pubblicamente partecipativo alla vita politica e sociale del paese. E con l'intento di far meglio comprendere la possibilità di intraprendere una nuova via per appianare i contrasti fra gli ideali romantici e il progresso civile e sociale, fra gli elementi nazionali e quelli universali, fra letteratura e vita, fra spirito e azione, fece riferimento a due grandi scrittori, ai quali dedicò un importante saggio: "Goethe e Tolstoj" (1923). Dalla loro vita trasse esempi e indicazioni, sottolineandone i ruoli essenziali e civilizzatori svolti da entrambi nell'ambito della società del loro tempo.
In quel periodo, per il nuovo e significativo ruolo politico assunto, a Thomas Mann venne affidato un importante incarico rappresentativo di carattere diplomatico; quello di rinsaldare i rapporti culturali del proprio paese con le altre nazioni europee. Tale incarico lo portò a visitare l'Inghilterra, l'Ungheria, la Svizzera, l'Olanda, l'Austria, la Danimarca, la Svezia, la Spagna, l'Italia e la Francia. Dai numerosi incontri e conferenze avuti nel corso di quegli anni ricavò grande celebrità e trasse ispirazioni per la scrittura dei saggi: "Rendiconto parigino", "Botta e risposta", "Tentativi" e "Le esigenze del giorno".
Nel 1924, dopo avervi lavorato per ben dodici anni fra pause e riprese, pubblicò l'opera considerata il suo capolavoro: "La montagna incantata". È un grande romanzo di idee, una summa dei problemi e del dibattito ideologico dell'Europa del primo novecento.
Nel 1926 Thomas Mann venne preso da un forte interesse per la storia di "Giuseppe e i suoi fratelli", e per meglio conoscere i luoghi geografici nei quali si era svolta, compì un viaggio in Egitto e Palestina. Successivamente iniziò la scrittura della tetralogia biblica a cui dedicherà ben quindici anni di lavoro: "La storia di Giacobbe" (1933), "Il giovane Giuseppe" (1934), "Giuseppe in Egitto" (1936), "Giuseppe il nutritore" (1943). Nel frattempo aveva pubblicato due nuovi racconti: "Disordine e dolore precoce"(1925) e "Mario e il mago"(1930).
Nel 1929 gli fu assegnato il premio Nobel per la letteratura.

Nel gennaio 1933 presso l'Università di Monaco, tenne la conferenza "Dolore e grandezza di Richard Wagner", accolta con fastidio dai nazionalisti presenti in sala. Fu l'ultima occasione in cui lo scrittore parlò in pubblico nel suo paese. Il giorno seguente partì per una tournée di incontri letterari all'estero, senza immaginare che da quel giorno iniziava per lui un lungo periodo di esilio.
Dopo essere stato in Olanda, in Lussemburgo e in Francia, per la sua sicurezza gli fu sconsigliato di rientrare in Germania; decise pertanto di fermarsi in Svizzera. L'ascesa al potere di Hitler e del nazismo lasciavano ormai intuire il pericolo di nuovi conflitti.
Nel 1936 per il suo impegno civile e morale contro l'inarrestabile avanzata del nazismo, gli vennero tolte sia la laurea ad honorem dell'università di Bonn, sia la cittadinanza tedesca, come pure all'intera sua famiglia; inoltre gli vennero sequestrate tutte le proprietà. Furono decisioni che segnarono la frattura definitiva fra Thomas Mann e la Germania.
Nel 1938 durante un viaggio negli Stati Uniti, Thomas Mann apprese la notizia dell'annessione dell'Austria al Reich. Apprese inoltre che, col trattato di Monaco, si era sancita la spartizione della Cecoslovacchia, paese dal quale aveva avuto la sua nuova cittadinanza. I cupi segnali di guerra che ormai incombevano sull'Europa, indussero Thomas Mann a restare in America, dove, per garantirsi un sostentamento economico, accettò di insegnare letteratura e cultura tedesca all'Università di Princeton, nello stato del New Jersey.
L'America gli dimostrò grande considerazione traducendo tutte le sue opere e partecipando con vivo interesse ad ogni suo dibattito.
Anche i suoi discorsi in favore di un intervento militare americano contro le aggressioni tedesche che ormai avevano dato inizio alla seconda guerra mondiale erano condivisi e applauditi.
Pur dedicando molto del suo tempo alle apparizioni pubbliche e agli impegni politici, Thomas Mann continuò a scrivere e pubblicò nuovi lavori "Carlotta a Weimar" (1939), la novella "Le teste scambiate" (1940) e il racconto "La legge" (1944). Nel 1944 ottenne la cittadinanza americana.
Nel 1945, la fine della seconda guerra mondiale con la resa senza condizioni della Germania, le testimonianze sconvolgenti della ferocia nazista e della follia politica che avevano sconvolto la nazione, lasciarono un segno indelebile di profonda amarezza nell'animo di Thomas Mann.
In quello stesso anno uscì l'importante raccolta di saggi "Nobiltà dello spirito"; successivamente venne pubblicato il romanzo "Doctor Faustus" (1947), un'opera carica di pessimismo e sconforto, in cui fa da sfondo la seconda guerra mondiale.
Nel 1949, invitato in diverse città europee per tenere una serie di conferenze in occasione delle celebrazioni del bicentenario della nascita di Johann Wolfgang von Goethe, Thomas Mann tornò in Germania, recandosi a Weimar ed a Francoforte, città natale del poeta.
Ma la situazione politica-sociale della Germania ormai divisa in due gli rese impossibile la decisione di rimanere, e preferì tornarsene in America. Tuttavia anche in America iniziarono anni di grande cambiamento e il clima pesante della guerra fredda prese il sopravvento.
Tali metamorfosi, nel 1952, convinsero Thomas Mann a tornare in Europa. Raggiunta la Svizzera, scelse di vivere definitivamente a Kilchberg, presso Zurigo.
Nonostante la stanchezza fisica e morale, Thomas Mann continuò a scrivere e a partecipare agli avvenimenti letterari a cui era invitato. In quegli anni pubblicò altri due racconti: "L'Eletto" (1951) e "l'Inganno" (1953).
Nel 1953 in Italia gli venne conferito il Premio dell'Accademia dei Lincei. L'anno seguente si recò in Germania in occasione delle celebrazioni in onore di Schiller, dove presentò un suo importante saggio sul poeta. Nello stesso anno pubblicò "Confessioni del cavaliere d'industria Felix Krull" (1954): l'ideazione di questo romanzo gli era nata nel lontano 1910.
Nel 1955 per il suo ottantesimo compleanno ricevette omaggi e onorificenze dalla Francia e dall'Olanda, e la sua città natale, Lubecca, lo invitò per riconoscergli la cittadinanza onoraria. Da qui si recò per un breve periodo di riposo a Noordwijk, sul mare del Nord, ma verso la fine di luglio venne colpito da trombosi.
Trasportato urgentemente a Zurigo, vi morì il 12 agosto 1955.

Thomas Mann raggiunse i massimi vertici della perfezione letteraria. Con le sue opere il romanzo tedesco, in virtù di una fondamentale aderenza ai più impegnativi problemi spirituali del suo tempo, occupò uno spazio di primo piano nel panorama culturale europeo e mondiale.
Egli passò attraverso esperienze ideologiche e culturali diverse: nel periodo precedente la prima guerra mondiale conciliò le ultime influenze del naturalismo con la sottile interpretazione dell'animo decadente; tra le due guerre egli si volse ad una narrativa di carattere saggistico in cui si riflettevano le inquietudini ed i problemi della crisi politica e morale europea e le esperienze formali dei movimenti di avanguardia; contemporaneamente, con le sue opere in prosa, ricchissime di raffinata sensibilità ed equilibrata razionalità, egli seppe giungere alla riconciliazione definitiva fra il classicismo e l'innovazione, fra l'arte e la vita, in armonia con i suoi più naturali e congeniali ideali democratici e umanitari.

Galleria di immagini

Personaggi e concetti creati da Thomas Mann:
Gustav von Aschenbach (Personaggio, dal libro La morte a Venezia)
Tazio (o Tadzio) (Personaggio, dal libro La morte a Venezia)
I libri catalogati di Thomas Mann:
Altezza reale (Königliche Hoheit) (1909)
Cane e padrone (Herr und Hund. Ein Idyll) (1918)
Confessioni del cavaliere d'industria Felix Krull (Bekenntnisse des Hochstaplers Felix Krull) (1954)
Doctor Faustus
Doctor Faustus. La vita del compositore tedesco Adrian Leverkühn narrata da un amico | La genesi del Doctor Faustus (Doctor Faustus. Das Leben des deutschen Tonsetzers Adrian Leverkühn, erzählt von einem Freunde | Die Entstehung des Doktor Faustus. Roman eines Romans) (1947)
Federico e la grande coalizione
Giuseppe il nutritore
I Buddenbrook
I Buddenbrook - Decadenza di una famiglia (Buddenbrooks. Verfall einer Familie) (1900)
L'eletto (Der Erwählte) (1951)
La montagna incantata (Der Zauberberg) (1924)
La montagna incantata
La morte a Venezia (Der Tod in Venedig) (1912)
La morte a Venezia
Le teste scambiate
Padrone e cane
Tonio Kroger
Tristano
Citazioni di Thomas Mann:
L’arte non è una forza; è soltanto una c... [leggi]
Tutti quelli che conosco fanno gli stran... [leggi]
Ché la Bellezza, odimi bene, Fedro, la B... [leggi]
Di corpo esile e minuto, sparuto ed emac... [leggi]
È certamente un bene che il mondo conosc... [leggi]
Felicità dello scrittore è il pensiero c... [leggi]
Fermezza di fronte al destino, grazia ne... [leggi]
In quasi tutti gli artisti è innata la t... [leggi]
Niente è più singolare, più imbarazzante... [leggi]
Perché alla passione, come al delitto, n... [leggi]
Questa era Venezia, la bella lusinghiera... [leggi]
Riposare nella perfezione è il sogno di... [leggi]
La sua bellezza era inesprimibile e, com... [leggi]
Chi è felice non si muove.... [leggi]
La bellezza ci può trafiggere come un do... [leggi]
«L'ordine, ho detto!» conclude il consol... [leggi]
Uomo non educato dal dolore rimane sempr... [leggi]
Il sintomo morboso, disse, sarebbe attiv... [leggi]
La malignità caro signore, è lo spirito... [leggi]
La morte di un uomo è meno affar suo che... [leggi]
La tolleranza diventa un crimine quando... [leggi]
Le opinioni non possono sopravvivere se... [leggi]
Scrivere bene significa quasi pensare be... [leggi]
Chi non è artista si trova di fronte a u... [leggi]
Dove ci sono io, c'è la cultura tedesca.... [leggi]
Essere artista ha sempre significato pos... [leggi]
Il blocco non parteggia per lo scultore,... [leggi]
Il nostro essere è solo il punto di inci... [leggi]
[Riguardo a August von Platen] L'... [leggi]
L'inferno è per i puri; questa è la legg... [leggi]
Il tempo è un dono prezioso, datoci affi... [leggi]
Il vero principio artistico è la riserva... [leggi]
La capacità di godere richiede cultura,... [leggi]
L'artista è l'ultimo a farsi illusioni a... [leggi]
La giustizia non è ardore giovanile e de... [leggi]
Le parole grosse, trite come sono, non s... [leggi]
L'uomo ha tendenza a considerare la sua... [leggi]
Noi cammineremo insieme, la mano nella m... [leggi]
«Non è europeo», disse scuotendo la test... [leggi]
Anche la stupidità è bella, se perfetta.... [leggi]
Alla lunga una verità che ferisce è megl... [leggi]
È l'amore, non la ragione, che è più for... [leggi]
È spiacevole e tormentoso quando il corp... [leggi]
Il tempo è moneta... non sciupiamolo in... [leggi]
Il tempo raffredda, il tempo chiarifica;... [leggi]
Infuriarsi ed eccitarsi nel combattere q... [leggi]
La nostra capacità di essere disgustati,... [leggi]
Le avversità possono essere delle formid... [leggi]
Le cause di ogni avvenimento assomiglian... [leggi]
L'interesse per la malattia e la morte è... [leggi]
Ogni attitudine intellettuale è in laten... [leggi]
Ogni uomo dotato di ragione potrebbe ess... [leggi]
Si dice che l'attesa sia lunga, noiosa.... [leggi]
Una grande verità è una verità il cui op... [leggi]
Tutto il realismo psicologico di questo... [leggi]
Poiché però tempo e spazio protestano a... [leggi]
Proprio "lui" dimostrò cosa fosse in rea... [leggi]
Federico scrisse l'Antimachiavelli... [leggi]
Ciò che vedeva era soltanto questo: comi... [leggi]
La felicità non sta nell'essere amati: q... [leggi]
Le opere di valore nascono soltanto sott... [leggi]
Un artista, nel suo intimo, è sempre un... [leggi]
Per essere creativi, bisogna essere mort... [leggi]
Alcuni non possono fare a meno di sbagli... [leggi]
Oh, se Inge fosse venuta! Avrebbe dovuto... [leggi]
Placet experiri. [Il piacere di speri... [leggi]
La cultura non la si conquista nella ser... [leggi]
Chi non è artista si trova di fronte a u... [leggi]
Dove ci sono io, c'è la cultura tedesca.... [leggi]
Essere artista ha sempre significato pos... [leggi]
Il blocco non parteggia per lo scultore,... [leggi]
L'incompleta comprensione di se stesso,... [leggi]
Il tempo è un dono prezioso, datoci affi... [leggi]
Il vero principio artistico è la riserva... [leggi]
La capacità di godere richiede cultura,... [leggi]
L'artista è l'ultimo a farsi illusioni a... [leggi]
La giustizia non è ardore giovanile e de... [leggi]
Le parole grosse, trite come sono, non s... [leggi]
L'uomo ha tendenza a considerare la sua... [leggi]
Noi cammineremo insieme, la mano nella m... [leggi]
«Non è europeo», disse scuotendo la test... [leggi]
Tutto il realismo psicologico di questo... [leggi]
Poiché però tempo e spazio protestano a... [leggi]
Proprio "lui" dimostrò cosa fosse in rea... [leggi]
Federico scrisse l'Antimachiavelli... [leggi]
Il nostro essere è solo il punto di inci... [leggi]
L'inferno è per i puri; questa è la legg... [leggi]
Spiare nelle alcove è al di sotto della... [leggi]
Chi è felice non si muove.... [leggi]
La bellezza ci può trafiggere come un do... [leggi]
«L'ordine, ho detto!» conclude il consol... [leggi]
Uomo non educato dal dolore rimane sempr... [leggi]
Il sintomo morboso, disse, sarebbe attiv... [leggi]
La malignità caro signore, è lo spirito... [leggi]
La morte di un uomo è meno affar suo che... [leggi]
La tolleranza diventa un crimine quando... [leggi]
Le opinioni non possono sopravvivere se... [leggi]
Scrivere bene significa quasi pensare be... [leggi]
L'uomo non vive soltanto la sua vita per... [leggi]
Ché la Bellezza, odimi bene, Fedro, la B... [leggi]
Di corpo esile e minuto, sparuto ed emac... [leggi]
È certamente un bene che il mondo conosc... [leggi]
Felicità dello scrittore è il pensiero c... [leggi]
Fermezza di fronte al destino, grazia ne... [leggi]
In quasi tutti gli artisti è innata la t... [leggi]
Niente è più singolare, più imbarazzante... [leggi]
Perché alla passione, come al delitto, n... [leggi]
Questa era Venezia, la bella lusinghiera... [leggi]
Riposare nella perfezione è il sogno di... [leggi]
La sua bellezza era inesprimibile e, com... [leggi]
Ciò che vedeva era soltanto questo: comi... [leggi]
La felicità non sta nell'essere amati: q... [leggi]
Le opere di valore nascono soltanto sott... [leggi]
Un artista, nel suo intimo, è sempre un... [leggi]
Per essere creativi, bisogna essere mort... [leggi]
Alcuni non possono fare a meno di sbagli... [leggi]
Oh, se Inge fosse venuta! Avrebbe dovuto... [leggi]
Pessimista, dunque: conoscitore, direi d... [leggi]

Scrivi un commento







Libro | Scrittore | Citazione
Aiutaci! Clicca qui

Donazioni BitCoin:

Aiuta ALK Libri donando Bitcoin
Sì | No