Ti diamo tanti contenuti. Senza pubblicità. Senza spiarti. Dai una mano. Grazie.

Home > Indice Biografie > Biografia di Giovanni Verga

Giovanni Verga
Autore: Giovanni Verga
Nome originale: Giovanni Carmelo Verga
Nazione: Italia
Nato nel: 1840
Morto nel: 1922
Nato a: Catania
Morto a: Catania
Correnti letterarie: Verismo
Biografia di: Christian Michelini
Biografia vocale: Ascolta
Pubblicato il: 2011-05-06
:

3847 visualizzazioni

Il verismo per noi ha solo un nome: Verga. Scopriamo insieme chi è costui e cosa ha scritto.


Giovanni Carmelo Verga nacque nel 1840 a Catania, da una famiglia di nobili natali. Lasciò i suoi studi di legge per arruolarsi nella Guardia Nazionale. Fin dalla prima giovinezza si appassiona alla letteratura, e pubblica "I carbonari della montagna", un romanzo storico, a soli 22 anni. Il secondo romanzo, "Sulle lagune", del 1863, rende ancor più manifesto il patriottismo dello scrittore. Si trasferisce a Firenze nel 1865 e pubblica "Una peccatrice" e "Storia di una capinera" (di cui abbiamo disponibile l'audiolibro), due romanzi di forte ispirazione romantica. Va a Milano dove conosce Arrigo Boito e Federico De Roberto, altri noti letterati del tempo; viene raggiunto da Luigi Capuana, scrittore che ha teorizzato il verismo; pubblica i romanzi "Eva" (link all'audiolibro), "Tigre reale", "Eros". Nel 1878 scrive, in una lettera, i suoi propositi letterari: abbandonare il romanticismo per una nuova concezione letteraria, che si ispiri alle acquisizioni scientifiche di Darwin, per proporre romanzi e novelle di natura spiccatamente realistica. Il suo modello è il grande autore francese Émile Zola, massimo esponente del movimento letterario del Naturalismo. Nacque così il Verismo italiano. Nel 1880 esce la raccolta di novelle "Vita dei campi" (di cui abbiamo disponibili alcune audio-novelle), prima opera del ciclo dei vinti; nel 1881 esce "I Malavoglia", celeberrimo capolavoro, forse il suo romanzo più rappresentativo; nel 1882 esce il romanzo "Il marito di Elena", nel 1883 "Per le vie" e "Novelle rusticane", due raccolte di novelle. "Cavalleria rusticana" (link alla versione audiolibro), novella facente parte di "Vita dei campi", viene adattata e rappresentata in teatro nel 1884, per poi divenire opera lirica nel 1890. "Mastro don Gesualdo", secondo romanzo del ciclo dei vinti, esce nel 1888. Nel 1894 torna a Catania e pubblica una nuova raccolta di novelle, "Don Candeloro". Viene eletto senatore nel 1920. Muore nel 1922.

Verga è uno dei massimi scrittori del Ottocento, pur lavorando verso la fine del secolo. Il Novecento è il periodo dell'indagine psicologica sui pensieri e fobie dei personaggi narrativi, e anche il secolo della relativizzazione delle esperienze. L'Ottocento, al contrario, è, nella narrativa, il secolo statuario, dell'immobilismo, sia umano che sociale. Verga, con i suoi quadri di vita vissuta, con i suoi personaggi ben definiti, con le situazioni veriste ambientate in luoghi di inalterabile fissità, delinea con la massima nitidezza il mondo popolare italiano di fine secolo. Nella sua narrativa la psicologia analitica dei caratteri cede il passo all'operosa azione delle reali figure contadine.

Galleria di immagini

Audiolibri di: Giovanni Verga
Storia di una capinera
Romanzo epistolare
Audiolibro del romanzo epistolare romantico "Storia di una capinera" di Giovanni Verga.
Eva
Romanzo
Audiolibro del romanzo romantico "Eva" di Giovanni Verga.
Tutte le novelle 1
Raccolta di novelle
Audiolibro delle celebri novelle veriste di Giovanni Verga.
Una peccatrice
Romanzo breve
Audiolibro del romanzo sentimentale "Una peccatrice" di Giovanni Verga.
I libri catalogati di Giovanni Verga:
Cavalleria Rusticana
Eros (1875)
Eros
Eva (1873)
Eva
I Malavoglia (1881)
I nuovi tartufi
I ricordi del capitano d'Arce
Il Marito di Elena (1882)
Il marito di Elena
La lupa
Le storie del Castello di Trezza
Mastro Don Gesualdo (1889)
Mastro don Gesualdo
Mastro-don Gesualdo
Nedda
Novelle Rusticane
Novelle sparse
Per le vie
Primavera e altri racconti
Rose caduche
Rosso Malpelo
Storia di una capinera (1871)
Storia Di Una Capinera
Tigre reale (1875)
Tigre reale
Tutte le novelle
Tutte le novelle 1
Tutto il teatro
Una peccatrice (1866)
Una peccatrice
Vagabondaggio
Vita dei campi
Citazioni di Giovanni Verga:
Sì, Milano è proprio bella, amico mio, e... [leggi]
Sicché quando gli dissero che era tempo... [leggi]
A buon cavallo non gli manca sella.... [leggi]
Tu hai bisogno di vivere alla grand'aria... [leggi]
A chi vuol bene, Dio manda pene.... [leggi]
Ad albero caduto accetta! accetta!... [leggi]
Al giorno d'oggi per conoscere un uomo b... [leggi]
Al servo pazienza, al padrone prudenza.... [leggi]
Alla casa del povero ognuno ha ragione.... [leggi]
Amare la vicina è un gran vantaggio, si... [leggi]
Ascolta i vecchi e non la sbagli.... [leggi]
Augura bene al tuo vicino, ché qualche c... [leggi]
Cane affamato non teme bastone.... [leggi]
Chi cade nell'acqua è forza che si bagni... [leggi]
Chi comanda ha da dar conto.... [leggi]
Chi fa credenza senza pegno, perde l'ami... [leggi]
Chi ha carico di casa non può dormire qu... [leggi]
Chi ha roba in mare non ha nulla.... [leggi]
Chi non sa l'arte chiuda bottega, e chi... [leggi]
Chi pratica con zoppi all'anno zoppica.... [leggi]
Chi va col lupo allupa.... [leggi]
Ciascuno deve pensare alla sua barba pri... [leggi]
Così dicendo si fregava le mani e rideva... [leggi]
Dove ci sono i cocci ci son feste.... [leggi]
Fa il mestiere che sai, che se non arric... [leggi]
Fra suocera e nuora ci si sta in malora.... [leggi]
I vicini devono fare come le tegole del... [leggi]
Il cammino fatale, incessante, spesso fa... [leggi]
Il mare non ha paese nemmen lui, ed è di... [leggi]
Il matrimonio è come una trappola di top... [leggi]
La Madonna ci ha fatto il miracolo, perc... [leggi]
Maritati e muli vogliono star soli.... [leggi]
Né visita di morto senza riso, né sposal... [leggi]
'Ntrua, 'ntrua! ciascuno a casa sua!... [leggi]
Una mela fradicia guasta tutte le altre.... [leggi]
Uomo povero ha i giorni lunghi.... [leggi]
– Eh? Cos'è stato? Lo sapete voi? Adesso... [leggi]
– [...] Oggi non si ha più riguardo a ne... [leggi]
Ciascuno fa il suo interesse... Al giorn... [leggi]
– Perché dovrei averli tutti contro?...... [leggi]
Don Diego non stava né peggio né meglio.... [leggi]
– Sapete cosa ho da dirvi? – si mise a s... [leggi]
Voglio che tu sii meglio di una regina,... [leggi]
Lo vedete? Comincia ad affezionarmisi. G... [leggi]
Nei piccoli paesi c'è della gente che fa... [leggi]
Oramai, per amore o per forza, mastro-do... [leggi]
E anche lui, adesso che la roba passava... [leggi]
Fra tutte quelle piccine, in tutte le fa... [leggi]
Egli aveva di queste uscite buffe alle v... [leggi]
Ah! La mia roba? Voglio vederli! Dopo qu... [leggi]
A quelle parole don Gesualdo montò in fu... [leggi]
Il mondo andava ancora pel suo verso, me... [leggi]
Siamo degli umili fiorellini avezzi alla... [leggi]
Monte Ilice, 3 Settembre 1854 Mia car... [leggi]
Incipit di "... [leggi]
Incipit di "... [leggi]
Incipit de "... [leggi]
Incipit di "... [leggi]
Incipit di "... [leggi]
Sì, Milano è proprio bella, amico mio, e... [leggi]
[NDR|Nella stessa casa] Su... [leggi]
Tu hai bisogno di vivere alla grand'aria... [leggi]
Vi siete mai trovata, dopo una pioggia d... [leggi]
A buon cavallo non gli manca sella.... [leggi]
A chi vuol bene, Dio manda pene. ... [leggi]
Ad albero caduto accetta! accetta! ... [leggi]
Ad ogni uccello, suo nido è bello.... [leggi]
Al giorno d'oggi per conoscere un uomo b... [leggi]
Al servo pazienza, al padrone prudenza.... [leggi]
Alla casa del povero ognuno ha ragione.... [leggi]
Amare la vicina è un gran vantaggio, si... [leggi]
Ascolta i vecchi e non la sbagli.... [leggi]
Augura bene al tuo vicino, ché qualche c... [leggi]
Cane affamato non teme bastone. (cap. XV... [leggi]
Chi cade nell'acqua è forza che si bagni... [leggi]
Chi comanda ha da dar conto.... [leggi]
Chi fa credenza senza pegno, perde l'ami... [leggi]
Chi ha carico di casa non può dormire qu... [leggi]
Chi ha roba in mare non ha nulla.... [leggi]
Chi non sa l'arte chiuda bottega, e chi... [leggi]
Chi pratica con zoppi all'anno zoppica.... [leggi]
Chi va col lupo allupa.... [leggi]
Ciascuno deve pensare alla sua barba pri... [leggi]
Così dicendo si fregava le mani e rideva... [leggi]
Dove ci sono i cocci ci son feste.... [leggi]
Fa il mestiere che sai, che se non arric... [leggi]
Fra suocera e nuora ci si sta in malora.... [leggi]
I vicini devono fare come le tegole del... [leggi]
Il buon pilota si prova alle burrasche.... [leggi]
Il cammino fatale, incessante, spesso fa... [leggi]
Il mare non ha paese nemmen lui, ed è di... [leggi]
Il matrimonio è come una trappola di top... [leggi]
La Madonna ci ha fatto il miracolo, perc... [leggi]
Maritati e muli vogliono star soli.... [leggi]
Né visita di morto senza riso, né sposal... [leggi]
'Ntrua, 'ntrua! ciascuno a casa sua!... [leggi]
Ogni buco ha il suo chiodo, chi l'ha vec... [leggi]
Una mela fradicia guasta tutte le altre.... [leggi]
Uomo povero ha i giorni lunghi.... [leggi]
[NDR|Verga riferendosi a Mena]... [leggi]
– Eh? Cos'è stato? Lo sapete voi? Adesso... [leggi]
– [...] Oggi non si ha più riguardo a ne... [leggi]
Ciascuno fa il suo interesse... Al giorn... [leggi]
– Perché dovrei averli tutti contro?...... [leggi]
Don Diego non stava né peggio né meglio.... [leggi]
– Sapete cosa ho da dirvi? – si mise a s... [leggi]
Voglio che tu sii meglio di una regina,... [leggi]
Lo vedete? Comincia ad affezionarmisi. G... [leggi]
Nei piccoli paesi c'è della gente che fa... [leggi]
Oramai, per amore o per forza, mastro-do... [leggi]
E anche lui, adesso che la roba passava... [leggi]
Fra tutte quelle piccine, in tutte le fa... [leggi]
Egli aveva di queste uscite buffe alle v... [leggi]
Ah! La mia roba? Voglio vederli! Dopo qu... [leggi]
A quelle parole don Gesualdo montò in fu... [leggi]
Il mondo andava ancora pel suo verso, me... [leggi]
È che la malaria v'entra nelle ossa col... [leggi]
Però dov'è la malaria è terra benedetta... [leggi]
La malaria non ce l'ha contro di tutti.... [leggi]
Sicché quando gli dissero che era tempo... [leggi]
Siamo degli umili fiorellini avezzi alla... [leggi]
Monte Ilice, 3 Settembre 1854 Mia... [leggi]
Il colèra mieteva la povera gente colla... [leggi]
Volevano morir piuttosto di una schioppe... [leggi]
Dove avevano saputo far le cose bene era... [leggi]

Scrivi un commento







Libro | Scrittore | Citazione
Aiutaci! Clicca qui

Donazioni BitCoin:

Aiuta ALK Libri donando Bitcoin
Sì | No