Aiutaci. Grazie.

Inizio > Indice Biografie > Biografia di Luigi Pirandello

Luigi Pirandello
Autore:Luigi Pirandello
Nazione:Italia
Nato nel:1867
Morto nel:1936
Nato a:Agrigento
Morto a:Roma
Biografia di:Franca Fontana
Biografia vocale: Ascolta
Pubblicato il:2011-05-06
:

3921 visualizzazioni

Scoprite con noi questo grande autore italiano e la sua poetica ispirata al sentimento del contrario.


Luigi Pirandello, (1867-1936) scrittore italiano, fu romanziere, novelliere e uno dei massimi drammaturghi del Novecento. Fu uno dei pochi a saper conquistarsi una fama internazionale, grazie allo straordinario numero di compagnie che ne misero in scena i drammi in molti paesi del mondo.
Nacque il 28 giugno 1867 nei dintorni di Girgenti (oggi Agrigento), nella villa di campagna chiamata " Il Caos".
La sua famiglia era di agiata condizione; Stefano Pirandello, il padre, era un ex garibaldino, mentre Caterina Ricci Gramitto, la madre, apparteneva alla borghesia commerciale.
Nel 1880 la famiglia si trasferì a Palermo dove Luigi Pirandello portò a termine gli studi classici; sempre a Palermo, nel 1886, si iscrisse alla Facoltà di Lettere, ma l'anno successivo preferì trasferirsi a Roma, presso uno zio, per frequentare l'Università romana.
In seguito si trasferì a Boon, dove continuò gli studi universitari e dove si laureò in Filologia romanza, discutendo in tedesco una tesi che ebbe come tema la fonetica del dialetto agrigentino.
Nel 1889 fu pubblicata la sua prima raccolta di poesie, "Mal Giocondo", che Pirandello aveva iniziato a scrivere a sedici anni; ad essa seguirono: "Pasqua di Gea" (1890), "Pier Gudro-Poemetto " (1894), "Elegie renane" (1896), "Zampogna" (1901), "Scamandro" (1909), "Fuori di chiave" (1912).
Quando tornò a Roma, nel 1893, su consiglio di Luigi Capuana, cominciò a occuparsi di letteratura.
Nel 1894 sposò Maria Antonietta Portulano, figlia del socio in affari del padre, dalla quale ebbe tre figli: Stefano (1895), Lietta (1897), Fausto (1899).
Collaborò a diversi giornali e riviste (Nuova Antologia, Marzocco) e fondò anche un giornale letterario: "Ariel".
Nel 1903, a causa di una frana che distrusse la miniera di zolfo nella quale erano stati investiti tutti i capitali del padre e la dote della moglie, la sua condizione economica e famigliare cambiò radicalmente. La moglie, già sofferente di precario equilibrio psichico, ne fu così tremendamente sconvolta da sprofondare nella follia. Da questo momento la convivenza fra i due coniugi divenne molto difficile.
Per garantire il sostentamento per sé e la sua famiglia intensificò la produzione di novelle/a> e romanzi continuando a collaborare ai giornali. Continuò a dedicarsi all'insegnamento, fu professore di stilistica e poi di letteratura nell'Istituto superiore di magistero a Roma.
La prima guerra mondiale gli provocò ulteriori dispiaceri; il figlio Stefano venne fatto prigioniero dagli austriaci; la malattia mentale della moglie, provata da questo ulteriore dolore, si aggravò irreversibilmente, tanto da essere ricoverata in una casa di cura dove restò fino alla morte.
Nei primi anni del dopoguerra ebbe inizio il grande successo delle sue opere teatrali, sia in Italia sia all'estero: ciò permise a Pirandello di lasciare la cattedra universitaria e vivere una vita più agiata, dedicandosi interamente al teatro.
Nel 1924 si iscrisse al Partito Nazionale Fascista. Ma nei confronti del regime, egli ebbe un atteggiamento ambiguo. Inizialmente lo condivise in quanto garante dell'ordine, ma poi si rese conto del suo carattere di vuota esteriorità e se ne distaccò pur evitando qualsiasi tipo di rottura e di aperto dissenso.
Dal 1925 al 1928 fu direttore del Teatro d'Arte di Roma. Fu accademico d'Italia dal 1929.
Il 10 dicembre 1934 si recò a Stoccolma per ricevere il Premio Nobel per la Letteratura.
Nel 1935 nel corso di un viaggio in America incontrò Albert Einstein.
Durante le riprese cinematografiche de "Il fu Mattia Pascal", effettuate a Roma, Pirandello si ammalò di polmonite e morì il 10 dicembre 1936 nella sua casa di Via Antonio Bosio, lasciando incompiuta l'opera "I giganti della montagna".
Furono rispettate le sue volontà testamentarie: essere avvolto nudo in un lenzuolo, messo in una cassa sul carro dei poveri per un funerale senza fiori, senza discorsi, senza essere accompagnato da alcuno, nemmeno dai figli. E così fu fatto.
Nel venticinquesimo anniversario della morte le sue ceneri vennero tumulate nella villa "Il Caos" (1961).

L'attività letteraria di Pirandello fu vastissima:
Fra i romanzi ricordiamo i più famosi: "L'Esclusa" (1901), "Il fu Mattia Pascal" (1904), "Il turno" (1902), "Suo marito" (1911), "I vecchi e i giovani" (1913), "Si gira" (1915), "Uno, nessuno e centomila" (1926).
Fra le opere teatrali le più importanti sono: "Pensaci, Giacomino!" (1916), "Liolà" (1916), "Così è, se vi pare" (1917), "Il piacere dell'onestà" (1917), "Il berretto a sonagli" (1917), "Il gioco delle parti" (1918), "Sei personaggi in cerca d'autore" (1921), "Enrico IV" (1922), "Ciascuno a suo modo" (1924), "Questa sera si recita a soggetto" (1930).
Le novelle, scritte fra il 1894 e la morte, furono circa 360 (quasi una per ogni giorno dell'anno), ma se ne pubblicarono complessivamente solo 250. La raccolta mantiene tuttavia il titolo "Novelle per un anno" (ne abbiamo disponibili alcune in formato audiolibro).
Scrisse anche tre importanti saggi: "Arte e scienza", "L'Umorismo", "Teatro vecchio e teatro nuovo".
Nell'opera pirandelliana, sia nel genere narrativo sia nel dramma, si evidenzia l'autentica espressione della personalità dello scrittore, da cui emerge un atteggiamento di amarezza senza speranza, una forma d'umorismo tetro e analitico che escludono ogni partecipazione immediata ai fatti e agli affetti che si descrivono. I soggetti privilegiati dello scrittore non furono le classi popolari, bensì la condizione di quel mondo piccolo-borghese conformista e schiavo delle opinioni altrui, contro il quale seppe sviluppare una critica severa e corrosiva.
I temi da lui percorsi rappresentano le minute e oscillanti angosce del vivere quotidiano, specie nei casi in cui si profila il contrasto non ricomponibile fra le convenzioni sociali, i principi stessi sui quali si basa la società e le esigenze ineliminabili dell'uomo, visto dall'autore come creatura eternamente solitaria e chiusa in se stessa.
I suoi drammi descrivono spesso il desiderio umano di superare le precarie parvenze della vita pratica per raggiungere una stabilità obiettiva, e l'impossibilità di segnare un confine fra l'illusione e la realtà.
Pirandello ebbe il merito di rinnovare il teatro: con le sue opere la rappresentazione teatrale cessò di essere un fatto esclusivamente letterario, per inserirsi in modo incisivo nelle problematiche della vita.

Galleria di immagini

Audiolibri di:Luigi Pirandello
L'uomo dal fiore in bocca
Atto unico teatrale
Audiolibro dell'opera teatrale "L'uomo dal fiore in bocca" di Luigi Pirandello.
Donna Mimma e altre novelle
Raccolta di novelle
Audiolibro della raccolta "Donna Mimma e altre novelle" di Luigi Pirandello.
Novelle per un anno volume primo
Raccolta di novelle
Audiolibro della raccolta "Novelle per un anno" di Luigi Pirandello.
I libri catalogati di Luigi Pirandello:
Bellavita
Ciascuno a suo modo
Così è (se vi pare)
Così è se vi pare
Diana e la Tuda
Donna Mimma
Donna Mimma e altre novelle (Donna Mimma)
Enrico IV (1922)
Enrico IV
Giustino Roncella nato Boggiòlo
I vecchi e i giovani (1913)
I vecchi e i giovani
Il berretto a sonagli
Il fu Mattia Pascal (1904)
Il fu Mattia Pascal
Il giuoco delle parti
Il piacere dell'onestà
Il turno (1902)
Il turno
L'amica delle mogli
L'esclusa (1901)
L'esclusa
L'illustre estinto e altre novelle
L'uomo dal fiore in bocca (1922)
L'uomo dal fiore in bocca
L'uomo solo
La giara
La mosca
La patente
La vita nuda
Ma non è una cosa seria
Male di luna
Non è una cosa seria (1922)
Non si sa come
Novelle in nero
Novelle per un anno
Novelle per un anno volume primo
Quaderni di Serafino Gubbio operatore
Sagra del signore della nave
Scialle nero
Sei personaggi in cerca d'autore
Sei personaggi in cerca d'autore e altre commedie (Sei personaggi in cerca di autore e altre commedie)
Sogno (ma forse no)
Suo marito (1911)
Suo marito
Teatro (Liolà - All'uscita - Lazzaro - La favola del figlio cambiato)
Tre madri
Tutt'e tre
Ultime novelle
Un giorno a Madera
Un matrimonio ideale e altre novelle
Una giornata
Una giornata
Uno nessuno e centomila
Uno, nessuno e centomila (1926)
Citazioni di Luigi Pirandello:
Gli uomini, vedi? Hanno bisogno di fabbr...
Ma che colpa ne abbiamo, io e voi, se le...
Ah, no! Volti la pagina, signora! Se lei...
Basta che lei si metta a gridare in facc...
Ciò che noi conosciamo di noi stessi, no...
Confidarsi con qualcuno, questo sì, è ve...
È molto più facile [...] essere un eroe...
Eccellenza, sento che questo è il moment...
Il conte Mola: L'arte, come eterna, non...
I filosofi hanno il torto di non pensare...
L'educazione è la nemica della saggezza,...
L'umorismo è un fenomeno di sdoppiamento...
La cinematografia è il linguaggio di app...
Mangia il Governo, mangia la Provincia;...
Nossignori. Per me, io sono colei che mi...
Nulla è più complicato della sincerità....
Perché civile, esser civile, vuol dire p...
Quando tu riesci a non aver più un ideal...
Questa cosa orribile, che fa veramente i...
Riponi in uno stipetto un desiderio: apr...
Trovarsi davanti a un pazzo sapete che s...
Vediamo dunque, qual è il processo da cu...
Vorrei saper la musica per esprimere, se...
È meglio avere dubbi che false certezze....
DENORA: Quando non vogliamo sapere una c...
E non vuoi capire che la tua coscienza s...
Le donne, come i sogni, non sono mai com...
Quando uno è contento di se stesso ama l...
Un angelo, per una donna, è sempre più i...
L'uomo prova un'istintiva gratitudine pe...
Come a voi appajono travestiti loro, cos...
Ecco: quando non ci rassegniamo, vengono...
Preferii restare pazzo e vivere con la p...
Conviene a tutti, capisci? Conviene a tu...
Ho paura talvolta anche del mio sangue c...
Dal giorno che egli, sotto l'urgenza del...
Sorte miserabile quella dell'eroe che no...
Invecchio, sì; perdo il gusto di comanda...
E dimentichiamo spesso e volentieri di e...
Posso dire che da allora ho fatto il gus...
Ah, no! Volti la pagina, signora! Se lei...
Basta che lei si metta a gridare in facc...
Ciò che noi conosciamo di noi stessi, no...
Confidarsi con qualcuno, questo sì, è ve...
È molto più facile [...] essere un eroe...
Eccellenza, sento che questo è il moment...
Il conte Mola: L'arte, come etern...
I filosofi hanno il torto di non pensare...
L'educazione è la nemica della saggezza,...
L'umorismo è un fenomeno di sdoppiamento...
La cinematografia è il linguaggio di app...
Mangia il Governo, mangia la Provincia;...
Nossignori. Per me, io sono colei che mi...
Nulla è più complicato della sincerità....
Perché civile, esser civile, vuol dire p...
Quando tu riesci a non aver più un ideal...
Questa cosa orribile, che fa veramente i...
Riponi in uno stipetto un desiderio: apr...
Trovarsi davanti a un pazzo sapete che s...
Vediamo dunque, qual è il processo da cu...
Vorrei saper la musica per esprimere, se...
DENORA: Quando non vogliamo saper...
Come ci sono i figli illegittimi, ci son...
E non vuoi capire che la tua coscienza s...
Le donne, come i sogni, non sono mai com...
Quando uno è contento di se stesso ama l...
Un angelo, per una donna, è sempre più i...
L'uomo prova un'istintiva gratitudine pe...
Come a voi appajono travestiti loro, cos...
Ecco: quando non ci rassegniamo, vengono...
Preferii restare pazzo e vivere con la p...
Conviene a tutti, capisci? Conviene a tu...
Ho paura talvolta anche del mio sangue c...
Quando Enrico IV sceglie deliberatamente...
Dal giorno che egli, sotto l'urgenza del...
Sorte miserabile quella dell'eroe che no...
Invecchio, sì; perdo il gusto di comanda...
E dimentichiamo spesso e volentieri di e...
Posso dire che da allora ho fatto il gus...
E mentr'io attenderò al molino, il fatto...
Recisa di netto ogni memoria in me della...
Nulla [[Invenzione|s’inventa]], è vero,...
Tu, invece, a volerla dire, sarai sempre...
C'è chi comprende e chi non comprende, c...
«Oh perché gli uomini,» domandavo a me s...
Eppure la scienza, pensavo; ha l'illusio...
Mi accorsi tutt'a un tratto che dovevo p...
Il male della scienza, guardi, signor Me...
Ma la causa vera di tutti i nostri mali,...
«Se noi riconosciamo,» pensavo, «che err...
«Beate le marionette,» sospirai, «su le...
Potei sperimentare che l’uomo, quando so...
Avevo già sperimentato come la mia liber...
Morto? Peggio che morto; me l'ha ricorda...
Ma sì! così era! il simbolo, lo spettro...
Ma aveva un cuore, quell'ombra, e non po...
Ed ecco, ora, dopo essermi aggirato per...
Ah, ora, ritornando vivo, avrei potuto a...
Ah, che vuol dir morire! Nessuno, nessun...
Copernico [...] ha rovinato l'umanità, i...
Le anime hanno un loro particolar modo d...
Un desiderio vago, come un'aura dell'ani...
Vivo alla morte, ma morto alla vita....
E mi svolse (fors'anche perché fossi pre...
Ogni oggetto in noi suol trasformarsi se...
Amicizia vuol dire confidenza [...]. (IX...
Folle! Come mi ero illuso che potesse vi...
Perché la vita, per tutte le sfacciate a...
Si domanda a questo punto se vogliono es...
Ma se il valore e il senso universalm...
VENZI: Bell'arte, ah bell'arte, l...
Scagliata la pietra, d'un tratto – io no...
A quanti uomini, presi nel gorgo d'una p...
Mani, non vedo altro che mani, in queste...
Che mondaccio, signor Gubbio, che mondac...
Eravamo già all'entrata del reparto del...
IL SIGNOR LAVACCARA: (in condf...
Per chi cade nella colpa, signore, il re...
Un personaggio, signore, può sempre doma...
Abbiamo tutti dentro un mondo di cose: c...
Il dramma per me è tutto qui, signore: n...
Il capocomico: E dov'è il copione...
Ho già afflitto tanto i miei lettori con...
Il pubblico del Manzoni ha accolto trion...
Quando una donna dice di tacere per piet...
La lealtà, la lealtà è un debito, e il p...
Nulla atterrisce più di uno specchio una...
La Giovane signora: Tanto meglio!...
Di ciò che posso essere io per me, non s...
Io non l'ho più questo bisogno, perché m...
La facoltà d'illuderci che la realtà d'o...
L'uomo piglia a materia anche se stesso,...
Ma il guajo è che voi, caro mio, non sap...
Non è altro che questo, epigrafe funerar...
Siamo molto superficiali, io e voi. Non...
Una realtà non ci fu data e non c'è, ma...
La vera solitudine è in un luogo che viv...
Cadeva ogni orgoglio. Vedere le cose con...
Nessun nome. Nessun ricordo oggi del nom...
Giacché tale è la caratteristica dell'ar...
Il teatro, succeduto nella vita spiritua...
Io mostravo che tutto il mondo pirandell...
La prima qualità delle anime candide è l...
La sua lingua, al principio ripicchiata...
Penso che in Pirandello ci fosse, accant...
Pirandello, la biografia ne farebbe un u...
Quel che Pirandello stima e ama di più n...
Rinnega addirittura i 'penso, quindi son...

Scrivi un commento







Libro | Scrittore | Citazione

Aiutaci!
Donazioni BitCoin:
132vG2BSxxG5FLGWpVRe8t9FsW2iiCSNqg
Aiuta ALK Libri donando Bitcoin

Sì | No