Ti diamo tanti contenuti. Senza pubblicità. Senza spiarti. Dai una mano. Grazie.

Home > Indice Biografie > Biografia di Madame de Staël

Madame de Staël
Autore: Madame de Staël
Nome originale: Anne-Louise Germaine Necker, baronessa di Staël-Holstein
Nazione: Francia
Nazione d'origine: Svizzera
Nato nel: 1766
Morto nel: 1817
Nato a: Parigi
Morto a: Parigi
Biografia di: Christian Michelini
Pubblicato il: 2011-05-08
:

1610 visualizzazioni

Madame de Staël (il cui nome originale era Anne-Louise Germaine Necker, baronessa di Staël-Holstein) fu una scrittrice francese, di origini svizzere.


Madame de Staël (il cui nome originale era Anne-Louise Germaine Necker, baronessa di Staël-Holstein) fu una scrittrice francese, di origini svizzere.

Nacque nel 1766.

Figlia di Jacques Necker, ministro delle finanze francese, e di Suzanne Curchod, figlia di un pastore protestante svizzero, fin da giovanissima perfezionò la sua istruzione frequentando il circolo culturale organizzato da sua madre.

In seguito si sposò con il barone de Staël-Holstein e creò un proprio salotto culturale, al tempo molto famoso e frequentato dalla crema della società francese.

Importante per Madame de Staël fu il rapporto intellettuale con il filosofo Benjamin Constant, che le costò l'esilio da Parigi quando Napoleone Bonaparte interdisse lei e il filosofo dalla città in seguito alle accuse di opposizione al regime. Si stabilì presso il lago di Ginevra e iniziò a viaggiare per l'Europa.

Scrisse "Corinne ou l'Italie" (1807) dopo un soggiorno in Italia, e successivamente, dopo aver visitato la Germania, "De l'Allemagne" (1810), sulla validità della cultura tedesca, che le costò la perpetua inimicizia del governo francese e il sequestro delle copie del libro.

Incontrò Johann Wolfgang von Goethe e Friedrich Schiller, ma i giudizi di questi due grandi scrittori su di lei furono negativi: la accusarono infatti di eccessivo conformismo borghese.

Importanti furono le sue idee sulla distinzione tra classicità e romanticismo, che hanno influenzato gli intellettuali successivi.


Morì nel 1817, dopo essere tornata a Parigi in seguito alla caduta di Napoleone.

Ecco una descrizione di Madame de Staël data da Friedrich Von Schiller in una lettera indirizzata a Johann Wolfgang von Goethe, tratta dagli "Annali" di quest'ultimo:

«M.me de Staël Le apparirà in tutto, quale Ella se la sarà già costruita a priori; è tutta di un pezzo solo e nessun tratto estraneo, falso, patologico in lei. Ciò fa sì che malgrado l'immensa distanza delle nature e dei modi di pensare, ci si trova perfettamente bene con lei e si ha voglia di udire tutto da lei, di dirle tutto. Rappresenta puramente e in una luce estremamente interessante la cultura dello spirito francese. In tutto quello che noi chiamiamo filosofia, quindi in tutte le ultime e supreme istanze, si è in lotta con lei, e ci si rimane, malgrado tutti i discorsi. Ma la sua indole, il suo sentimento è migliore della sua metafisica e la sua bella intelligenza si eleva ad una potenza geniale. Vuole spiegare tutto, comprendere, misurare, non ammette nulla di oscuro, di inaccessibile, e dove non riesce ad illuminare con la sua fiaccola, là non esiste nulla per lei. Perciò ha un'orribile paura della filosofia idealistica, che, a suo parere, conduce al misticismo e alla superstizione, e questa è l'aria mefitica, dove ella muore. Per quello che noi chiamiamo poesia non vi è alcun senso in lei; delle opere poetiche non sa appropriarsi che ciò che vi è di passionale, di rettorico, di astratto, ma non apprezzerà mai niente di falso; solo non sempre riconoscerà il giusto. Vede da queste quattro parole che la chiarezza, la decisione, la geniale vivacità della sua natura non possono avere che un'efficacia benefica; l'unica cosa molesta è la straordinaria scioltezza della sua lingua, bisogna trasformarsi completamente in un organo dell'udito, per poterla seguire. Io, con la mia poca disinvoltura nel parlare francese, me la cavo assai penosamente, Ella invece, con la sua pratica maggiore, avrà con lei una comunicazione facilissima.»


Principali opere

Sophie ou les sentiments secrets (1786)
Lettres sur le caractère et les écrits de Jean-Jacques Rousseau (1788)
Jeanne Grey (1790)
Réflexions sur le procès de la reine (1793)
L'influenza delle passioni sulla felicità (De l’influence des passions sur le bonheur des individus et des nations, 1796)
De la littérature considérée dans ses rapports avec les institutions sociales (1800)
Delphine (1802)
Du caractère de M. Necker et de sa vie privée (1804)
Corinne ou l'Italie (1807)
De la littérature (1800)
De l'Allemagne (1810)
Réflexions sur le suicide (1812)
Considérations sur les principaux événements de la Révolution française (1817)
Dix années d'exile (1821)

Galleria di immagini

I libri catalogati di Madame de Staël:
L'influenza delle passioni sulla felicità (De l'influence des passions sur la felicité) (1796)
Citazioni di Madame de Staël:
Trasportare da una ad altra favella le o... [leggi]
Capire tutto rende tolleranti.... [leggi]

Scrivi un commento







Libro | Scrittore | Citazione
Aiutaci! Clicca qui

Donazioni BitCoin:

Aiuta ALK Libri donando Bitcoin
Sì | No